Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 maggio 2015 7 03 /05 /maggio /2015 17:09
Milano:l'alpino e quel tricolore che si ribellano ai black-bloc

C'è una foto del "Corriere della Sera"che sta facendo il giro del web.Si vede un uomo dai capelli bianchi affacciato ad un balcone dal quale fa bella mostra di sé un tricolore.Si vedono anche delle uova che sono state lanciate contro l'uomo, uova che imbrattano anche il tricolore.L'uomo è Giuseppe Parazzini, Presidente dell'ANA(Associazione Nazionale Alpini), e con il suo gesto ribelle di esporre quel tricolore alla finestra del suo studio, ha voluto sfidare i black-bloc. Di certo non avrebbe mai immaginato che il suo gesto pacifico di sfida, avrebbe provocato un lancio di uova.Lancio di uova che ha imbrattato anche il tricolore. L'alpino non sporgerà denuncia contro i contestatori autori del lancio di uova.Come ha affermato in un'intervista al quotidiano "Libero";"Perché dare loro soddisfazione?Guardi oggi ho proprio avuto davanti agli occhi la differenza tra gli Alpini e i manifestanti come loro".La foto di quell'uomo che da giovane è stato un alpino è il gesto di ribellione contro la violenza dei black-bloc, una violenza però che non si è fermata nemmeno davanti al simbolo più importante del nostro paese:il tricolore. Nessun rispetto per quella bandiera per la quale hanno sacrificato la vita tanti soldati, quella bandiera che rappresenta la nostra nazione, quella bandiera che dovremmo semplicemente rispettare e amare. Quel tricolore che dovrebbe renderci fieri e orgogliosi di essere italiani.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti

Max 05/06/2015 18:36

Credo che ai black-bloc non importi nulla del tricolore e di quello che significa. La loro è soltanto violenza gratuita e fine a se stessa, dubito fortemente che sarebbero disposti a sacrificare la loro vita per l'Italia e gli italiani. Il braccio morbido dello Stato mi disgusta!

Mariano 05/03/2015 19:03

Sono Alpino anch'io, artigliere da montagna per la precisione, ma nulla in me si identifica con l'ANA che ha collaborato con l'organizzazione Gladio. Ho frequentato gli alpini, sono stato tesserato all'ANA, ma è un ritrovo di nostalgici conservatori, quasi tutti destrorsi, anche se di estrazione popolare.