Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 giugno 2015 5 19 /06 /giugno /2015 18:18

"Non potrò più tornare a combattere lì, l'unico posto in cui vorrei trovarmi ora.L'unico posto in cui mi trovo sicuro". Sono le parole di Nathan Harris, 25 anni, sergente dei Marines che nel 2009 e per sei mesi, è stato in missione speciale nel sud dell' Afghanistan al comando del secondo plotone della Compagnia Echo. Sei mesi passati in durissimi combattimenti per contrastare i talebani nelle loro roccaforti. Durante uno di questi combattimenti Nathan, viene gravemente ferito e deve fare rientro in patria. Qui dovrà combattere un'altra guerra: quella  contro le ferite nell'anima che la missione nel paese afgano gli ha inciso. E' una guerra drammatica anche questa, che ci fa vedere un ragazzo completamente a disagio, un disadattato incapace di riadattarsi alla vita normale di tutti i giorni, ma che paraddossalmente, vorrebbe ritornare in missione. La guerra in Afghanistan lo ha completamente devastato e traumatizzato ma in questa sua lotta per ritornare alla normalità verrà aiutato dalla moglie Ashley. E' andato in onda ieri su Sky TG 24 e sul canale 27 del digitale terrestre il documentario"Hell and back again". Il documentario che in realtà e' un vero e proprio film girato dal fotoreporter di guerra Danfun Dennis, è stato candidato agli oscar 2012, ha vinto il premio della giuria al "Sundance Film Festival" ed ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti in tutto il mondo. E' stato interamente girato con una Reflex digitale in full HD.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento

commenti

Max 06/21/2015 22:12

W Ashley per il difficile compito che si è assunta e anche suo marito Nathan che da sergente dei marines ha obbedito al governo degli Stati Uniti d'America. Quello che mi cozza un sacco è la stupidità dei politici, sono tante le loro responsabilità in quel paese, con la dura e spietata realtà della guerra e di coloro che la combattono.