Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 novembre 2015 5 20 /11 /novembre /2015 15:29
Padova:scandalo dei poliziotti lasciati senza giubbotti antiproiettile

Anche l'Italia è nel mirino dei terroristi dopo gli attentati di Parigi. Il livello di allerta è stato innalzato e i controlli intensificati. il Ministro dell'Interno Alfano rassicura gli italiani, tutto o quasi sembra essere sotto controllo. Eppure le forze dell'ordine preposte alla sicurezza dei cittadini, restano senza giubbotto antiproiettile. La denuncia viene da parte da parte di Mirco Pesavento del SAP(il Sindacato di Polizia)di Padova . Durante i controlli le forze dell'ordine devono indossare il giubbotto antiproiettile ma"da tempo abbiamo una vertenza aperta con il nostro Dipartimento nazionale su questo tema e oggi sono intenzionato a parlarne nuovamente con il questore. Dei mille uomini in forza alla questura solo il Reparto Mobile e il Reparto Prevenzione Crimine hanno una dotazione sufficiente. Tutti gli altri(almeno un centinaio) no. Anzi le dico di più. Ci sono altri tipi di giubbotti. quelli denominati sotto camicia:in questura ne abbiamo 10. Molti agenti hanno speso 600 euro per comprarselo autonomamente. Guardi mi pare che vogliano fare le nozze con i fichi secchi. E siccome anche ai Carabinieri è stata data l'indicazione di metterli da oggi, voglio vedere se li hanno." Queste le parole di Pesavento al "Gazzettino della CISL" del Veneto. Oltre a questo fatto, a Padova dall'estate è stato attivato un Nucleo Speciale parimonio di capoluoghi con obiettivi sensibili:UOPI:sono le Unità di Pronto Intervento che devono entrare in azione in caso di attacchi di terroristi a cose e persone. Hanno in dotazione dei caschi particolari e un fucile mitragliatore A Padova sono dieci. "Il SAP ha criticato non la loro istituzione , ma il fatto che tutti i 26 mila poliziotti che operano quotidianamente dovrebbero essere formati. Non solo.La selezione è stata fatta prendendoli dai reparti operativi che dunque sono stati ulteriormente impoveriti. Del resto con 3 miliardi di tagli in tre anni ... Insomma certo che sono utili . Ma tutti gli altri?"

Fausto Fanelli del COISP invece segnala un altro fatto inquietante "Quando a Roma ci hanno presentato l'iniziativa dovevamo tenere il più alto riserbo. Dopo due giorni in televisione dissero pure gli orari di impiego dalle 8 alle 14 e dalle 14 alle 20. E se i terroristi colpiscono più tardi? C'è la reperibilità Bella idea sbandierarlo e mi domando ancora: bastano dieci persone per Padova , per di più preparate con un corso di 3-4 settimane quando un terrorista passa un anno intero a sparare in un campo militare? Tutto questo quando a Padova facciamo fatica a mettere insieme due volanti per turno notturno e i poliziotti vanno a sparare 30 colpi tre volte all'anno. Secondo me a parte la professionalità che ci mettono i colleghi, per il resto è stata un'operazione di facciata

"Leggi inadeguate, scarso equipaggiamento, infrastrutture e dotazioni non sufficenti. da troppo tempo denunciamo le mancanze. La nostra proposta non è solo creare unità antiterrorismo ma formare operatori di polizia di elevato standard di reazione. Ma la vera prevenzione si fa nei momenti di calma , eppure in Italia quando non c'è un vero allarme terroristico la sicurezza sparisce dalle agende dei governi assistiamo a continui tagli di risorse"afferma invece Luca Capalbo del sindacato UGL.

Il Giubileo di Roma è ormai alle porte e anche oggi in Italia è stata una giornata di falsi allarmi:le nostre forze dell'ordine sono davvero in grado di contrastare i terroristi con i mezzi che hanno a disposizione? Perché il Ministro dell'Interno non provvede a risolvere questa drammatica sitauzione denunciata dai sindacati di Polizia prima che sia troppo tardi?

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti