Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 gennaio 2016 7 24 /01 /gennaio /2016 19:23
Roma:allarme profughi in Italia:troppi e senza controllo

E' allarme profughi:sono in troppi e fuori controllo. Ogni giorno c'è qualche donna vittima di tentate o di molestie vere e proprie da parte dei tanti immigrati sul territorio italiano. Le forze dell'ordine stesse che intervengono a difesa delle vittime a loro volta attaccate dagli immigrati. Succede in tutta Italia. A Trento una pattuglia di Carabinieri ha fermato un ricercato magrebino per arrestarlo e sono stati aggrediti poi da un gruppo di 12 nord africani amici del magrebino che li ha aggrediti lanciando bottiglie e bicchieri rotti facilitando cosi la fuga dello spacciatore. A Mestre è stata danneggiata un auto della Polizia intervenuta per sedare un ressa in un locale. In Sardegna un nordafricano, uscito dal centro di accoglienza ha tentato di molestare una donna ma è stato fermato dai Carabinieri.

Una situazione che ogni giorno diventa più preouccupante:"Troppi gli immigrati che, lungi del volersi integrare davvero sul nostro territorio, insistono a vivere secondo regole del tutto proprie che esulano completamente dalle convenzioni, dal modo di fare e dalle stesse leggi italiane. Questa non è affatto una questione di razzismo, è il frutto di un’osservazione pratica. E’ la presa d’atto, attraverso l’esperienza diretta sul campo, che certe culture, nelle manifestazioni dei comportamenti più lesivi e negativi, hanno davvero implicazioni estremamente violente dirette contro ogni autorità ed ogni suo simbolo: in altri termini contro gli Appartenenti alle Forze dell’Ordine”queste le parole di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia.

La gamma degli episodi del genere è talmente vasta da aver trasformato ormai molte zone delle nostre città in una specie di ‘terra di nessuno’ ed aver abbassato ai minimi storici il livello di sicurezza percepito dalla gente, -afferma inoltre Maccari-, innalzando inoltre all’inverosimile i rischi per i colleghi in qualsiasi intervento, anche quelli che potrebbero apparire più banali. Il fenomeno non è affatto minimale o contenuto. Non trovarsi di fronte a questioni di mafia o terrorismo non significa che parliamo di cose di poco conto. Episodi come quelli in questione sono ‘terrorismo’ per i cittadini, non più padroni di vivere le proprie città o di svolgere le loro abituali attività senza imbattersi in continuazione in chi pensa di poter riprodurre in Italia contesti che non ci appartengono, nella convinzione di essere intoccabile e di poter sfuggire ad ogni conseguenza che l’inciviltà e la delinquenza portano con sé grazie alla violenza del branco”.

COMUNICATO STAMPA COISP

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C.
scrivi un commento

commenti