Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 aprile 2016 2 26 /04 /aprile /2016 18:22
Roma:indiani concedono a Latorre di restare in Italia fino a 30 settembre

Alla fine la decisione degli indiani è arrivata:la Corte Suprema dell'India ha deciso di prorogare fino al 30 settembre 2016 il permesso di convalescenza di Massimiliano Latorre. Il fuciliere del S.Marco infatti, nel 2014 mentre era in India era stato colpito da una grave ischemia. Ancora attesa invece, per la sorte di Salvatore Girone che si trova sempre in India. Forse tra qualche giorno si saprà se al fuciliere verrà concesso il rientro in Italia per tutta la durata del processo. Questione di giorni. Dicono. O forse ci saranno altri rinvii anche riguardo a questa decisione. Ormai di anni ne sono passati quattro. E sembra non si arriverà mai ad ottenere finalmente verità e giustizia per i due fucilieri del S.Marco, ingiustamente accusati dell'uccisione di due pescatori indiani al largo delle coste del Kerala.

Di rinvio in rinvio il tempo passa e non si notano da parte del governo italiano atti concreti per giungere alla positiva risoluzione del caso di due fucileri del S.Marco o alla loro liberazione visto che gli indiani continuano con le loro manfrine e questi snervanti rinvii. Il governo italiano ha sottolineato come dopo la decisione del Tribunale del Mare, l'Italia considera sospesa e quindi priva di valore giuridico la giurisdizione indiana sul caso, come ha ribadito la Farnesina in una nota relativa alla decisione di concedere a Latorre la possibilità di restare i Italia fino al 30 settembre.

La notizia della proproga del periodo di convalescenza per Latorre è una buona notizia solo in parte, perché dopo quattro come minimo la vicenda dovrebbe essere già stata chiusa positivamente da un bel pezzo, e non lasciando passare cosi tanti anni. Una vicenda che si sarebbe potuta risolvere anche organizzando un blitz o una qualche operazione volta a riportare in Italia Salvatore Girone. Se i due fucilieri del S.Marco fossero stati americani non si sarebbe perso tanto, troppo tempo in inutili chiacchere e frasi di circostanza. Un blitz e sarebbero stati liberati subito. Ma sono italiani, purtroppo nati un paese dove il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, l'Ammiraglio De Giorgi è indagato nell'inchiesta del petrolio. Per i due fucilieri del S.Marco ancora una volta la parola d'ordine è:aspettare.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Marò
scrivi un commento

commenti