Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 aprile 2016 6 02 /04 /aprile /2016 18:55

Era il 12 novembre del 2003, la base Maestrale di Nassiriya era ancora in fiamme dopo l'attacco kamikaze dei terroristi e l'appuntato Pietro Sini, nonostante la situazione pericolosa, non aveva esitato un secondo a entrare nella base per prestare i primi soccorsi ai suoi colleghi feriti. Le immagini del suo gesto di coraggio erano anche state riprese dalla tv irachena. Per questo suo gesto eroico, l'appuntato aveva ricevuto delle onorificenze dall'allora Presidente della Republica Giorgio Napolitano:la nomina di Cavaliere della Repubblica Italiana e la medaglia d'oro. Pero' qualche tempo dopo l'appuntato, ora diventato vice brigadiere, come riporta "lanuovasardegna"aveva osato criticare, senza peli sulla lingua, il modo in cui era stata gestita la missione dei Carabinieri a Nassiriya e il come erano stati trattati dal Comando Generale dell'Arma(secondo le sue affermazioni) gli altri carabinieri scampati alla strage. Per queste sue critiche forse, l'appuntato Pietro Sini, ha subito degli sgarbi da parte dell'Arma che lui stesso racconta alla"Nuovasardegna".

 Non viene invitato agli appuntamenti istituzionali, come ad esempio la ricorrenza della Virgo Fidelis che è la patrona dell'Arma o quando si commemora l'attentato di Nassiriya o gli altri attentati. "In diverse occasioni sono sono stato contattato informalmente dall'Arma, che mi preannunciava un invito a qualche cerimonia. Ma poi l'invito vero e proprio non arrivava mai. Mi hanno invitato ad un incontro con tutti i decorati e feriti sardi in missioni di pace che si doveva tenere a Iglesias. Mi hanno detto che ci sarebbe stata un'auto a mia disposizione, ma qualche giorno dopo quell'auto non era più disponibile. Siccome conosco le difficoltà del momento la cosa non mi ha infastidito. Ma quando sono arrivato a Iglesias ho scoperto che molti colleghi erano arrivati a bordo di auto dell'Arma. E benchè amareggiato sono andato via dal raduno senza dire niente a nessuno".

Pietro non si arrende e cerca di ricucire il suo rapporto con i vertici dell'Arma. Così scrive una lettera al Comandante regionale, nella quale chiede ai vertici dell'Arma di dimenticare quanto accaduto e ripartire da zero. La sua lettera dopo un anno è ancora in attesa di una risposta. Cosi la decisione, da buon sardo fiero e orgoglioso, ieri Pietro si è recato alla Prefettura di Sassari per restituire medaglie e pergarmene. Non sa più che farsene, lui ormai è un eroe che è stato dimenticato, messo da parte, un eroe ribelle. Condannato all'oblio per avere espresso delle critiche sulla gestione della missione dei Carabinieri a Nassiriya e della Base Maestrale.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti

174VAM 04/02/2016 21:11

Evidentemente le critiche mosse dal Brigadiere Sini hanno provocato, (o quantomeno hanno rischiato di provocare) qualche richiamo o "lavata di capo" a qualcuno appartenente alle "alte sfere".
Il Brigadiere Sini non sicuramente bisogno di un attestato di cavaliere o di una medaglia per dimostrare ciò che è o ciò che ha fatto: ci sono le sue azioni che che lo dimostrano ampiamente, più di qualsiasi medaglia o pergamena