Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 settembre 2016 7 11 /09 /settembre /2016 19:40
Cagliari:lettera di un poliziotto in prima linea negli sbarchi profughi

"Ieri sono andato a letto presto, oggi è previsto uno sbarco e solo il giorno prima ho lavorato dalle 6 della mattina alle 4 di notte, ininterrottamente, senza cambio. Anche oggi sono le 6 e sono già in ufficio.

Lavoro in un settore molto delicato, un ufficio che ha molto a che fare con l'immigrazione, con gli sbarchi, con tutto ciò si riferisce all'accoglienza. Sono un poliziotto, ho 20 anni di servizio e da qualche anno mi occupo di queste nuove realtà. Dopo un'ora siamo al porto. Fa già caldo nonostante un vento fresco mi accarezzi la pelle. Le tende della Protezione civile sono ancora montate da ieri, ormai quel luogo mi sembra famigliare, succursale del mio ufficio della Questura.

La nave arriva e i primi migranti iniziano a scendere. Anticipano donne e bambini. Per chi, come me è padre, vedere piccole creature già colpite dalla sofferenza, mi scioglie il cuore. Il loro sguardo innocente, i loro sorrisi sinceri, il loro non conoscere neppure cosa siano un paio di scarpe. Le pratiche di accoglienza sono lunghe e lente, anche se la "macchina" funziona bene. Comincia a fare caldo davvero, sotto le tende blu sono funzionanti due ventilatori, ma muovono aria calda ed indossando la mascherina, spesso diventa impossibile respirare. L'acqua ce la fornisce la protezione civile, così come il caffè. Il caldo non aiuta e si comincia a sudare.

Individuiamo, in base alle dichiarazioni dei migranti, ben 13 presunti scafisti. È difficile trovare la chiave per entrare in contatto con loro, trovare il modo di colloquiare con queste povere persone, spesso debilitate e spaventate, soprattutto restie a collaborare. Individuare chi sono gli scafisti è sempre molto difficile ma quasi sempre siamo riusciti nel nostro intento.

Sono già le 15, il caldo si è fatto insopportabile. Mangio un panino mentre continuo a lavorare. Non è il caso di fermarsi, siamo in pochi e prima si finisce è meglio è. Siamo tutti reduci dallo sbarco di due giorni fa ed anche allora il caldo era assurdo. Quando le temperature sono alte, le forze piano piano ti abbandonano e ti accompagna un senso di spossatezza difficilmente raccontabile. I presunti scafisti sono stati individuati ed abbiamo raccolto abbastanza elementi per arrestarli. La tensione si alza, la stanchezza comincia a farsi sentire, sia dalla nostra che dalla loro. Gli equilibri sono spesso labili, basta poco per creare disordini e non è il caso.

Uno sbarco è duro anche a livello psicologico. Queste povere persone ti raccontano, tramite i mediatori e interpreti, di soprusi, violenze, minacce. Molti di loro sono minorenni, ragazzi che nel nostro paese difficilmente alla loro stessa età conoscono, com'è giusto che sia, il concetto di cattiveria dell'uomo. Per loro è diverso. Ascolti le loro parole poi ti giri e vedi i bambini giocare sorridenti e capisci, anche con orgoglio e felicità, che viene regalata loro una nuova possibilità di vita. È sera e ci spostiamo in Questura per redigere gli atti relativi agli arresti. 13 arrestati sono tanti e le carte da scrivere sono molte.

A cena mangiamo una pizza sulla scrivania, perdere altro tempo per andare in mensa sarebbe assurdo. Anche i ragazzi arrestati l'assaggiano, sicuramente per la prima volta nella loro vita. Alcuni degli arrestati sono minorenni e vanno quindi trattati in maniera differente. Anche in altri sbarchi è successo. Forse sono le organizzazioni criminali stesse che prediligono i minori per il compimento del reato. Non riusciamo in così poco tempo ad approfondire così tanto.

È notte fonda. Alcuni colleghi accompagnano i maggiorenni al carcere di UTA, gli altri i minorenni a Quartucciu. Torno a casa esausto alle 4.15, sono distrutto e ad essere sincero in condizioni impresentabili. Faccio una lunga doccia e vado finalmente a dormire. Anche oggi è andata, fino al prossimo sbarco".

Non sappiamo il suo nome, ma il poliziotto che ha inviato questa lettera alla"sottilelinearossa"è solo uno dei tanti poliziotti italiani che ogni giorno sono impegnati ad assistere i profughi nei loro continui sbarchi, anche in Sardegna. Una dura giornata di lavoro con turni di 18 ore  e passa a causa dei pesanti tagli all'organico e tra mille altre difficoltà. Una dura giornata giornata di lavoro senza sosta che continua per ogni sbarco. E ormai gli sbarchi sono quotidiani, fuori controllo. Quando si deciderà di porre rimedio ad una situazione che ha ormai raggiunto il limite?

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti

Max 09/11/2016 22:23

Una lettera scritta con il cuore e la mente da parte di chi si trova in prima linea. La musica potrà cambiare soltanto quando saremo stanchi di tanto buonismo, a oggi non è così e questo mercato va avanti. Ma quel giorno forse sarà tardi e avremo già perso la nostra identità.