Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 gennaio 2017 2 24 /01 /gennaio /2017 18:55
Cagliari:poliziotti pronti a scendere in piazza contro nuova"emergenza immigrazione"

Prevenire una terza estate di"emergenza immigrazione":si può e si deve farlo, e adesso che gli sbarchi sono ridotti a causa del maltempo. E' un problema che non può assolutamente essere rimandato. Se chi di competenza non metterà in atto misure concrete per prevenire un'estate all'insegna dell'"emergenza immigrazione", i poliziotti sono pronti a scendere in piazza. Questo il pensiero di Luca Agati, Segretario del SAP di Cagliari, affidato ad una lettera qui riportata integralmente:"In questo periodo di pausa per gli sbarchi per le condizioni di maltempo, ci piace pensare che qualcuno stia lavorando per risolvere i problemi in vista della terza estate consecutiva di"emergenza immigrazione". Il virgolettato è chiaramente provocatorio  poichè già dal primo anno eravamo consapevoli che di emergenziale non c'era nulla, ma ci stavamo solo affacciando ad una nuova e sconosciuta attività, molto più complessa e molto più impegnativa. Lo stesso appello lo avevamo lanciato anche l'anno scorso quando un centinaio di nordafricani sbarcarono inaspettatamente sulle coste del Sulcis e furono stipati a dormire in terra  nella nostra Caserma Carlo Aberto in Viale Buon Cammino, proprio perchè nessuno si aspettava un arrivo cosi consistente.

Incontrammo il Prefetto, dopo pressanti insistenze, che ci rassicurò raccontandoci una serie di fantasie rimaste purtroppo tali. Oggi ancora facciamo i conti con i nord africani appena arrivati stipati in caserma liberi di osservare, fotografare, memorizzare dettagli di vita operativa delle nostre strutture, mediatori che fungono da controllori di migranti in attesa di fotosegnalamento in una struttura assolutamente inidonea a questo tipo di attività, un ufficio immigrazione in condizioni ancora precarie. Ad onor del vero dopo le nostre rumorose denunce, sono stati assegnati nuovi uomini, le sedie allo sportello sono state sostituite, le penne per scrivere le abbiamo regalate noi ed entro la prima metà di febbraio, inizieranno i lavori di adeguamento della sala di attesa, archivio ed uffici. Manca però un centro funzionale per il trattenimento degli stranieri irregolari che con ogni probabilità placherebbe quantomeno le partenze dal nord Africa, molto numerose vista la carenza che permette ai giovani rigorosamente muniti di zainetto in spalla, di ricevere l'espulsione e potersi dirigersi in ogni parte d'Italia.

Anche Cagliari ha purtroppo risentito molto di questa falla sia per ragioni di gestione delle pratiche legate all'immigrazione, sia per questioni di microcriminalità visto che i giovani stranieri non risparmiano azioni criminali per guadagnarsi piccole cifre per il proprio sostentamento o più semplicemente per pagarsi il biglietto del traghetto. La speranza, come detto, è che qualcuno oggi stia lavorando per arginare quanto scritto anche se ormai siamo abituati ad una gestione dell'ultimo minuto, senza alcuna preventiva pianificazione. Questo e' il momento di scegliere, di agire, non cadere dalle nuvole con l'avvento della bella stagione affermando che l'immigrazione è un'emergenza e come tale deve essere trattata. Speriamo che questo scritto non rimanga un'utopia, anche perchè, in caso di mancanze, saremo pronti a scendere in piazza proprio per evitare il terzo anno di"emergenza immigrazione".

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti