Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 novembre 2012 4 15 /11 /novembre /2012 16:27

afghanistan-donne-afgane-leggono-e-scrivono-grazie-a-cellul.png I cellulari  vengono utilizzati dai talebani per fare esplodere i micidiali IED, ma da un pò di tempo a questa parte vengono utilizzati anche  per sviluppare ulteriormente il processo di alfabetizzazione in Afghanistan. Si chiama infatti"Ustad Mobile"(Ustad vuol dire insegnante in arabo) ed è un software progettato apposta per i cellulari. Consente l' accesso a corsi di lingua Dari e Pashto alle donne afgane. L'obiettivo è quello di accrescere l'alfabetizzazione nei paesi più culturalmente arretrati e nel caso specifico dell'Afghanistan, rendere accessibile la cultura alle donne. Il progetto è stato realizzato da una compagnia afgana che opera nel campo delle telecomunicazioni, la "Paiwastwn", secondo quanto riportato da"Pakistan News Service", e nasce dalla collaborazione tra il provider e il ministro dell'educazione, il tutto grazie anche al sostegno finanziario delgi USA. Con "Ustad Mobile"le studentesse hanno accesso libero e gratuito a lezioni di scrittura e pronuncia di Dari Pashto e  anche di matematica.Ogni lezione è audio-video e permette l'apprendimento in un modo del tutto innovativo sfruttando l'utilizzo del cellulare. "Non potevo andare a scuola perchè i talebani avevano preso il controllo della città di Kabul"dice Muzghan Nazari, 18 anni in una scuola di Kabul, cellulare alla mano per imparare a leggere e scrivere,"e anche mio padre si opponeva al fatto che le sue figlie andassero a scuola". I talebani erano al potere quando questa ragazza iniziava il suo processo di alfabetizzazione e impedivano alle ragazze di andare a scuola. Nazari è entusiasta di poter imparare a leggere e scrivere grazie a questo software. Come lei lo saranno le tante ragazze e donne sparse in tutti i villaggi. Per molto tempo hanno solo potuto sognare di andare a scuola  e di acculturarsi. Ora tutto questo è possibile grazie a un semplice cellulare. Quel sogno per loro è diventato realtà.

Condividi post
Repost0

commenti