Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 giugno 2013 4 06 /06 /giugno /2013 17:04

afghanistan balesEra la notte dell'11 marzo 2012, mancavano poche ore all'alba, il soldato americano Robert Bales, 39 anni, due figli,uscì dalla base di Camp Belambay a Kandahar, armato con un fucile M-4 lanciagranate e una pistola da 9 mm. Si diresse verso il villaggio di di Alkozai e fece fuoco uccidendo dei  civili, bambini e donne. Poi ritornò alla base e racconto ciò che aveva fatto ai suoi colleghi che non gli credettero e tornarono a dormire. Il soldato uscì di nuovo dalla base e andò verso il villaggio di Najiban dove portò a termine la strage. Uccise 16 civili. Per aver compiuto questa strage e per avere confessato il suo delitto aiutando le indagini, il militare eviterà la pena di morte. Per lui è previsto l'ergastolo con o senza libertà condizionata. Questo sarà deciso da una giuria entro agosto. Una strage che resta motivazione. Che cosa sia scattato nella mente di questo militare per portarlo a compiere una strage di innocenti così efferata, forse nessuno lo scoprirà mai. Oggi durante l'udienza che si è svolta presso la base Lewis-Mc.Chord a sud di Seattle, il soldato Bales ha ricostruito nei dettagli quella terribile notte, ha affemato di avere fatto fuoco su ogni singola vittima."Perchè lo ha fatto?"gli ha chiesto il giudice,"Signore mi sono fatto questa domanda un milione di volte da allora. Non c'è una buona ragione al mondo per fare la cosa orribile che ho fatto"è stata la sua risposta.

Condividi post

Repost0

commenti