Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 marzo 2013 1 04 /03 /marzo /2013 18:43

afghanistan-un-giorno-di-pattugliamento-con-gli-Alpini.pngDietro ogni inaugurazione di scuole o ospedali nei villaggi più remoti dell'Afghanistan, c'è un minuzioso lavoro di preparazione. Scuole e strutture sanitarie vengono costruite dal PRT e dal Cimic Detachment, con il supporto della 3°Reggimento Alpini. Sono infatti gli Alpini, che garantiscono la sicurezza alle squadre del PRT e del Cimic. Gli uomini del PRT infatti devono spostarsi su un terreno pieno di insidie, di strade polverose dove potrebbero essere nascosti i micidiali IED. Come racconta il Capitano Luca del Sole, Comandante della 34^Compagnia del 3°Reggimento Alpini alla Stampa.it, l'attività degli Alpini inizia all'alba, presso la base di Herat. E' qui che prima di partire per effettuare il sopralluogo sull'andamento dei lavori di costruzione di scuole o sopedali si svolge il briefing. I genieri e gli Alpini avranno il compito di controllare che le strade che siano sicure. I Lince si muovono sul terreno controllando le strade, i militari si assicurano che non ci sia la presenza di IED sulla strada che porta al villaggio di Obeh, dove verrà effettuato il sopralluogo. Il viaggio degli Alpini sui Lince dura sei ore e il pranzo che è la razione K, viene mangiato a bordo dei blindati. Una volta raggiunto il luogo adatto, i blindati si dispongono a triangolo, le armi di bordo vengono rivolte verso l'esterno. Iniziano i turni di guardia durante la notte. L'indomani il convoglio riparte all'alba, in direzione del villaggio di Serwan dove si sta costruendo un centro di accoglienza. I lavori sono a buon punto. Il sopralluogo viene effettuato dal Tenente Di Gesù, lo specialista del Multinational Cimic Group. Gli Alpini consegnano medicine e coperte al direttore che gestisce l'ambulatorio. I militari proseguono poi verso il villaggio di Mosafaran, anche qui i lavori della costruzione della scuola sono a buon punto, e presto i bambini potranno frequentare le lezioni. Gli Alpini si intrattengono anche  a parlare con il capo locale della polizia per informarsi su come sia la situazione nella zona. Segue poi il rientro alla base  di Herat , la colonna dei Lince si rimette in marcia. La parola d'ordine è stare sempre all'erta, il pericolo può nascondersi ovunque.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento

commenti