Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
28 marzo 2011 1 28 /03 /marzo /2011 19:01

"Rivogliamo la nostra libertà e la nostra dignità"immigarto africano 1"Non vogliamo entrare in quarentena" queste alcune delle parole gridate con rabbia dagli abitanti di Lampedusa, che oggi hanno attuato un manifestazione di protesta contro l'emergenza profughi. A scendere in piazza soprattutto le donne, ma anche i pescatori impossesatisi di acuni barconi usati dai migranti li hanno disposti all'entrata del porto per impedire altri sbarchi. Alucuni manifestanti hanno rovesciato dei cassonetti per impedire la circolazione, poi sono stati rimossi su ordine del sindaco. La protesta di oggi è il segno che a Lampedusa la situazione causata dall'arrivo di circa 2000 profughi è diventata davvero insostenibile per gli abitanti, anche per via della situazione sanitaria che potrebbe portare a delle epidemie. Così il Governo cerca di correre ai ripari seppure tardivamente:per mercoledì è previsto l'arrivo di una nave che dovrebbe evacuare almeno 10 mila persone , e per l'OMS al momento non ci sarebbe il rischio di epidemie. Intanto un abitante ha già denunciato un furto in casa sua da parte di alcuni migranti. Segno che la situazione sta diventando davvero esplosiva. E la stessa cosa sta accadendo nella tendopoli di Manduria. Il piano aveva prevsito l'arivo di 700 migranti, invece si prevede che potrebbero essere il doppio.  Si stanno allestendo tende per 5.000 immigrati. Un centinaio sono già riusciti a scappare via. Dare una sistemazione a i profughi costerà 500 mila euro al mese, come calcolato dal direttore della Connecting People società che gestirà il campo per la sistemazione dei profughi.  Questa stessa società aveva gestito anche il CIE presso l'aeroporto militare di Elmas in Sardegna. L'edificio si trova nei pressi dell'aeroporto civile, e più di una volta nonostante i controlli da parte di militari e forze dell'ordine è capitato che alcuni clandestini  siano evasi dalla struttura arrivando fino alla pista dell'aeroporto mettendo a repentaglio la sicurezza dello scalo. Gli abitanti delle zone intorno a Brindisi dove sorgono tendopoli e campi profughi hanno paura per quello che potrebbe succedere e temono una situazione drammatica come a Lampedusa.

Condividi post
Repost0

commenti