Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 febbraio 2011 5 25 /02 /febbraio /2011 22:28

gheddafi foto di blitzI rivoltosi uccisi a migliaia in Libia in questi giorni, sono sterminati dall'esercito e dai mercenari di Gheddafi che a quanto pare utilizza armi di fabbricazione italiana. Una notizia davvero agghiacciante, ripresa da più siti del web e diffusa dalla Rete Italiana per il Disarmo e la Tavola della Pace, che hanno le prove. Le prove di un traffico d'armi italiane che nel 2009 sono finite nelle mani del dittatore libico. Secondo quanto affermato dalla Rete Italiana per il Disarmo i dati sono sconvolgenti:79 milioni di euro di armi leggere per uso militare, armi appartenenenti alla categoria ML1, con un calibro inferiore ai 20 mm, altre armi invece sono armi automatiche di calibro 12,7mm ad anima liscia fabbricate dalla Beretta. E' con queste armi che l'esercito di Gheddafi in questi giorni sta sparando e uccidendo i rivoltosi libici. Ma come hanno fatto queste armi ad arrivare fino in Libia, e come mai nessuno ha mai parlato di questa faccenda? Dai dati ufficiali dell'Istat infatti non emerge nessua statistica relativa ad un'esportazione di armi verso la Libia nel 2009. Eppure le armi sono giunte a destinazione ugualmente e senza intoppi. Sempre secondo quanto affermato da Flavio Lotti coordinatore del Tavolo della Pace, si ipotizza che una ditta italiana avrebbe esportato le armi senza alcuna autorizzazione da parte del governo italiano. Oppure altra ipotesi, le armi sono state esportate grazie all'autorizzazione di qualche ufficio governativo italiano, che però poi non avrebbe certificato l'avvenuta consegna delle armi. Le armi sarebbero state fornite dalla fabbrica di armi Beretta in provincia di Brescia, che al momento non rilascia nessuna dichiarazione sulla questione. Questo non sarebbe l'unico traffico di armi con destinazione la Libia, infatti sempre secondo quanto sostiene e documenta un'inchiesta di Altraeconomia, la magistratura italiana sempre nel 2009, indagava su un traffico di Kalashnikov prodotti in Cina che alcuni trafficanti d'armi italiani volevano vendere all'esercito di Gheddafi. Sempre di oggi la notizia che tra i mercenari del dittatore libico ci sarebbero quattro o cinque italiani, ma la notizia deve essere ancora confermata.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Libia
scrivi un commento

commenti