Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 dicembre 2013 5 06 /12 /dicembre /2013 18:49

roma-militari-prtesta-del-caffe.jpgSerpeggia il malcontento anche tra le Forze Armate a causa della crisi economica e dei tagli.Da un paio di giorni(come riportato dal sito sostenitori.info) venti militari in rappresentanza dei Sergenti e Brigadieri delle Forze Armate, hanno organizzato una originale e singolare forma di protesta contro il blocco stipendi.La loro è una forma di protesta pacifica: è la protesta del "Presidio del Caffè."Davanti al noto bar romano nei pressi della Camera, aspettano di veder passare qualche parlamentare della Commissione Difesa per offrirgli un caffè ed esporre così i problemi della categoria. Perchè davanti a un caffè si può parlare ed esporre meglio i propri problemi: "Abbiamo parlato con tutte le forze politiche e continueremo ad oltranza in questa protesta pacifica," ha affermato il Delegato del Cocer Interforze, AntonSergio Belfiori, uno degli ideatori della protesta."Offriremo ancora altri caffè ai politici, nel tentativo di sensibilizzare sulla necessità di risolvere i problemi del comparto Difesa.Siamo lavoratori, vogliamo solo che vengano garantiti i nostri diritti."Il Generale Paolo Gerometta, Presidente del Cocer Esercito ha affermato che:"E' un modo per rappresentare i problemi del comparto ai politici.Il blocco stipendiale sta colpendo duramente il settore, con un caffè si parla meglio". E chissà che qualche parlamentare prima o poi oltre che gradire il caffè offertogli  dai militari, ascolti davvero i  loro problemi,  e si dia anche da fare per risolverli. Perchè di questi tempi  di chiacchere se ne sono sentite già troppe e di fatti non se ne vedono.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti

antonio greco 12/17/2013 11:51


bravi polli, così non hanno neanche bisogno di chiedere il rimborso del caffè......

cosimo 12/13/2013 19:28


sono d'accordissimo con Salvatore..parlo da ex militare e so benissimo cosa vuol dire far parte dell' EI.molte persone fuori non hanno la più pallida idea di cosa vuol dire e parlano a vampera
dicendo cose magari per sentito dire..un militare ogni giorno è sottoposto a uno stress fisico ma ancor di più mentale che non immaginate neanche.sotto l'acqua,la neve e il sole il militare deve
affrontare sempre ogni tipo di servizio all'aperto..non esistono ombrelli,non esistono stivali..e soprattutto voglio sfidare chiunque a lavorare a più di 1000km dalla propria famiglia e dalla
propria casa.non parlate se non sapete cosa vuol dire essere MILITARI.

Salvatore 12/12/2013 18:07


Non ho parole per ciò scritto in uno dei commenti....dirò solo a costui quello che dico a molti....! ! Perché non hai fatto tu a suo tempo questa scelta? Forse perché ti sentivi in carcere? Forse
perché ogni santo giorno devi essere comandato da 10-100 superiori...forse perché a -15 gradi devi fare addestramento o forse solo perché i 1500 km di distanza dalla tua famiglia ti sembravano
molti???? E potrei continuare all'infinito!!!! Non hai idea di quello che ho dovuto sopportare per anni io insieme ad altri . Ribadisco: perché non hai fatto questa scelta....??? Mmma!!!!

holly 12/10/2013 18:27


bhe... non è che stralavorino, coloro che sono in spe fanno le loro 40ore settimanali come tutti gli statali, a differenza che ci sono mansioni che prevedono dei recuperi extra in base alla
specificità che ci "distingue" da un comune cittadino...esempio? servizi armati che prevedono consegne che se disattese ti condannano penalmente (...basta davvero poco ) prevedono dei recuperi
psicofisici obbligatori, oppure un esempio delle missioni? un Or5 (sergente) all'estero che stia sveglio 24/7 di pattuglia o che lavori come addetto al vettovagliamento (in mensa per capirci..e
non è un paradiso credetemi!) becca sempre 133.33 al dì.....di giorno come di notte in Gulisthan o al C.do di Brigata...ecc...e credi che nessuno si lamenti?

riccardo 12/10/2013 13:17


Vi ringraziamo per tutto quello che fate per noi ma sinceramente credo che abbiate ben poco da lamentarvi perche attualmente ci sono molte persone peggio di voi che guadagnano 500€ al mese senza
ferie e con un solo giorno di riposo a settimana. Dite di guadagnare poco, se fossi in voi non mi lamenterei conosco molti militari e accumulano cosi tanti giorni di ferie da lavorare 7/8 mesi
l'anno, e gli altri restanti??Chi paga?


Non e assolutamente una accusa contro di voi, ma pensate alla fortuna che avete.

paolo del bufalo 12/07/2013 13:25


xche nnon dici che x andare in missione ti sei busCato dedine di migliaia di euro pagati da tutti i cittadini,anche quelli che sono contro le missioni all'estero? xche non dici che x finanziarle
berlusconi quattro anni fa ha congelato gli stipendi di milioni di statale che oggi guadagnano 1200 euro dopo 34 anni di servizio? vuol dire fare la fame e vivere ormai di stenti ed espedienti
pero ancora si fanno le missioni all'estero e si pAGANO CON GLI STENTI DI MILIONI DI PERSONE. quedsto è UNO SCANDALO!!!!!!!!!!!!!!!! e vi lamentate pure...... CHE SCHIFO

Alessandra C. 12/08/2013 13:15



Il malcontento serpeggia ormai fra tutti i lavoratori, che forse restano i più fortunati in quanto un lavoro ce l'hanno ancora. Non capisco tutto questo tuo odio nei confronti delle Forze Armate
e di chi rischia la propria vita andando in missione.Se ti documentassi un pò di più potresti renderti conto di come anche le Forze Armate abbiano tutti i motivi per protestare per la
situazione in cui si trovano. Che dire di tutti quegli statali che che vengono invece pagati e non lavorano, seduti dietro ad una scrivania mentre il loro posto potrebbe essere dato a
persone più meritevoli o a disoccupati che hanno davvero voglia di lavorare?Che dire di tutti quegli statali che timbrano e poi non vanno al lavoro ma fanno a fare shopping?Anche in questo caso
lo Stato butta soldi al vento per mantenere il posto di lavoro a chi non lo merita.