Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 luglio 2011 3 20 /07 /luglio /2011 13:26

Ancora non si è scoperto chi si nasconda dietro il nickname "Spidertruman". Sino all'altro ieri gli italiani lo incitavano e lo incoraggiavano a svelare i privilegi  e le malefatte della Casta sulla sua pagina di Facebook.SpiderTruman--la-grande-bufala-su-Facebook-copia-1.jpg In lui gli italiani hanno visto il capopopolo della rivoluzione che dovrebbe portare al cambiamento definitivo e all'eliminazione della coruzione dall'Italia. All'inzio "Spidertruman"postava le foto dei documenti che testimoniavano le tariffe dei politici ultra scontate per telefonare ad esempio. Poi con il passare dei giorni ha iniziato a postare sempre meno link, e non si sono più viste foto di documenti o sentite le tanto promesse rivelazioni "scottanti".  Molti italiani si sono stufati delle tante parole e dei pochi fatti. Hanno scoperto che il personaggio nato su Facebook ha anche un lavoro, quindi tanto sfortunato non è. Si sono accorti che in fondo quello che diceva era già stato scritto in un libro, e che non veniva detto niente di nuovo. Cambiava solo il modo di comunicarle queste cose:attraverso Facebook. Migliaia di italiani  entusiasti, per un paio di giorni si sono riconosciuti in "Spidertruman". Tutti lì a digitare incazzati sulla tastiera per poi rendersi conto che forse una vera rivoluzione o un cambiamento non possono avvenire solo su Facebook. Che dalla tastiera del pc bisogna schiodarsi e darsi appuntamento nelle piazze. Forse Facebook serve a questo:creare falsi miti e mobilitare tante persone.  Dal suo blog "Spidertruman" incita a scendere tutti in piazza, ma  adirittura ad ottobre! Forse non si scoprirà mai chi si nasconde dietro il nickname "Spidertruman" e  poco importa. C'è una certezza "Spidertruman":non è un eroe. I veri eroi sono Falcone e Borsellino e la sua scorta, i disoccupati, i licenziati, i pensionati, i cassintegrati, gli operai che lavorano nelle fabbriche che stanno chudendo, i morti sul lavoro, i militari che muoiono in Afghanistan, i medici e gli infermieri che salvano vite, i precari. Come ha detto qualcuno"i veri eroi sono quelli che ogni giorno  si alzano dal letto ed affrontano la vita anche se  gli hanno rubato il futuro".       

Condividi post
Repost0

commenti