Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 novembre 2011 2 15 /11 /novembre /2011 16:22

Militari italiani che partono in missione e che spesso devono provvedere di tasca loro all'acquisto delle uniformi o di altri generi di prima necessità e in missione poi devono combattere anche contro i costi troppo elevati della connessione adsl, Carabinieri e forze dell'ordine che restano senza benzina per le auto di servizio o hanno in dotazione veicoli obsoleti. il Ministero della Difesa intanto  provvederoma tra maserati e voli di stato troppi sprechi nelle spes all'acquisto di 19 Maserati blindate da 1oo mila euro l'una."Le Maserati acquistate sono italiane e costano meno"ha affermato qualche giorno fa il Ministro della Difesa La Russa. Sarà, ma intanto  nella crisi che attanaglia l'Italia, l'unico settore che non conosce crisi è il settore della Difesa e delle spese militari. Come evidenziato anche da un'inchiesta del quotidiano "La Repubblica.it",anche in questo settore ci sono stati dei tagli, ma di certo non hanno contribuito a diminuire gli sprechi, anzi hanno inciso sui finanziamenti molto importanti per l'addestramento, le infrastrutture e la manutenzione dei mezzi. Per fare un esempio ci sono 18o blindati "Lince"chiusi nelle officine anche se poi ci sono degli ordinativi per 1.15o mezzi. Intanto i "Lince"restano li e non si hanno notizie dell'arrivo in teatro operativo dei"Freccia"che dovrebbero sostituire i "Lince". Le Forze Armate devono provvedere anche a garantire determinati servizi per i politici. Ecco allora ben 25o milioni di euro da utilizzare per i famosi voli di stato.  Inutile dire che ci sarebbe un notevole risparmio se i politici rinunciassero a questo privilegio. Invece ecco trenta velivoli che devono sempre essere a disposizione di ministri vari e sottosegretari. C'è poi il capitolo relativo all'acquisto di elicotteri prodotti dall'Augusta(società facente parte di Finmeccanica):i famosi AV 139 da 498 milioni di euro che ha bordo hanno ogni tipo di comfort. il Ministero della Difesa inoltre, non poteva certo dire di no al mega progetto in collaborazione con gli USA ,relativo al F35 il Joint Strike Fighter. Un progetto voluto dal Pentagono iniziato nel lontano 2oo1. Sono passati dieci anni e intanto per la sua realizzazione si sono raggiunte cifre da capogiro. La Finmeccanica è uno dei parter del progetto e forse arriverà a spendere 15 miliardi per avere 131 caccia. Lo stato italiano spende 5o mila euro al minuto in spese militari e questo nonostante la crisi. Nel 2o1o sono stati spesi ben 27 miliardi di euro. Come vengono investiti tutti questi soldi? Principalmente per il mantenimento dell'Esercito. Un esercito dove il numero degli ufficiali è superiore di molto alla "truppa". Generali e ammiragli per i quali sono previsti 3 milioni di euro e mezzo all'anno. Perchè cosi tanti soldi? Ma è semplice:sono destinati alle loro colf  che lucidano l'argenteria e battono i tappeti delle loro abitazioni. Generali e ufficiali che poi, restano saldamente ai posti di comando anche al termine della loro carriera. Per quasi tutti questi ufficiali in congedo infatti è previsto un posto in Finmeccanica, Otomelara, e via dicendo. E' inoltre prevista anche un'indennità speciale di 4o9 mila euro dopo il pensionamento. Questi solo alcuni degli sprechi. Oltre algli sprechi ci sarebbero tanti problemi da risolvere. Quello del precariato che riguarda anche le Forze Armate. In un esercito formato da professionisti dopo essersi arruolati ed essere restati in servizio anche per 4 anni, sono molti i militari che dovrebbero vedersi garantito il posto nell'Esercito o avere la possibilità di transitare in un altro corpo. Non sempre le cose vanno cosi e sono tanti quelli che restano fuori. Tutte queste risorse finanziarie dovrebbero essere spese prima di tutto per garantire la sicurezza del personale militare impegnato in missione all'estero, dotando gli uomini di equipaggiamenti e mezzi adatti e per cercare di risolvere problemi come quello dell'elevato costo dell'adsl in  missione. Ma forse per il Ministero è più importante che nell'abitazione del generale o dell'ammiraglio l'argenteria sia sempre tirata a lucido dalle colf.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti