Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 aprile 2011 3 13 /04 /aprile /2011 16:51

cartello-radiazioni.jpgLa Sardegna, una delle isole più belle del Mediterraneo, meta di tanti vacanzieri durante l'estate, nasconde dei misteri. Dei misteri all'uranio impoverito. Ma cos'è esattamente l'uranio impoverito e a cosa serve? L'uranio impoverito, (in inglese Depleted Uranium)è uno dei materiali di scarto  della raffinazione dell'uranio naturale, impiegato per  fini militari all'interno di bombe nucleari o civili, di armi, viene anche usato come combustibile per alcuni tipi di reattori nucleari, è una miscela di 3 isotopi radioattivi. E' molto nocivo per la salute: basta pensare che un micro-grammo è sufficiente ad uccidere una persona.  I misteri dell'uranio impoverito in Sardegna sono davvero tanti. Come misteriose sono le morti dei tanti militari che hanno prestato servizio nel Poligono di Perdas De Fogu nel Salto di Quirra, ma anche dei itanti pastori che hanno portato le loro greggi a pascolare nella zona circostante al Poligono e poi si sono ammalati e morti. Sono morte anche le loro pecore. Oppure sono nati degli agnelli con 2 teste o con delle maformazioni. Ci sono le testimonianze, e sopratutto ci sono le tante richieste di risarcimento inoltrate al Ministero della Difesa, da parte di militari che hanno prestato servizio, per brevissimo tempo, anche presso la Base di Teulada e che poi si sono ammalati. Una diagnosi che non lascia scampo: linfoma di Hodgkin, che sarebbe causato proprio dalle particelle metalliche cancerogene derivanti dall'uranio impoverito. Queste stesse particelle che sono state riscontrate nei soldati reduci dalle missioni all'estero, soprattutto nei Balcani, soldati poi ammalatisi, molti i morti tra di loro. E' un mistero, perchè non solo i militari si ammalano e muoiono, ma anche i civili. E' in corso un'indagine condotta dal Procuratore di Lanusei, Domenico Fiordalisi. Le sue indagini proverebbero lo stretto legame esistente tra esercitazioni militari  effettuate nel Poligono e le loro conseguenze mortali su uomini ed animali. Sono stati ritrovati infatti, degli isotopi radioattivi anche nella carcassa di un agnello a 2 teste nato nel 2009, in un paesino confinante con il Poligono del Salto di Quirra. Questo ritrovamento, ieri ha provocato l'affermazione di Falco Accame, Presidente dell'Associazione Italiana Assistenza Vittime Ammalate nelle Forze Armate. Chiede che ci siano più controlli in modo da tutelare la salute  dei militari e della popolazione. "E' ora di fare finalmente chiarezza su quanto è veramente accaduto nei poligoni, e soprattutto sapere perchè un complesso militare-industriale ha potuto operare per moltissimi anni senza i dovuti controlli da parte delle ASL e dei Comandi Italiani". Il mese scorso, sempre nel Poligono di Perdas de Fogu di erano state ritrovate delle casse in un magazzino. Il contenuto delle casse era stato sottoposto ad analisi da parte dell'Università di Cagliari. Qualche giorno dopo era arrivata la rassicurazione da parte del Portavoce dell'Aeronautica Militare, del fatto che in quelle casse c'era del materiale che conteneva una ridottissima quantità di materiale radioattivo. Il mistero è che i tecnici incaricati dalla Procura di Lanusei di svolgere le analisi hanno riscontrato una radioattività 5 volte superiore alla norma. La Procura sta svolgendo delle indagini e ha scoperto che alcuni militari che erano stati in quel magazzino a contatto con quel materiale delle casse per motivi di servizio, in seguito si sarebbero ammalati di Linfoma di Hodgkin, una forma tumorale del sangue che non lascia alcuna via di scampo.  Altre scoperte rilevanti sono state fatte dalla Dottoressa Antonia Lorena Gatti. Durante il suo lavoro svolto per le Commissioni Parlamentari d'inchiesta sull'uranio impoverito dal 2003 al 2007, ha scoperto la stretto legame tra le malattie contratte dai militari  in missione all'estero e la presenza di nanoparticelle sia nei militari e civili ammalatisi  dopo avere prestato servizio presso i poligoni sardi e in un feto deformato di un agnello rinvenuto a Quirra. Sono troppi i casi di malati di tumore del sistema emolinfatico, e di bambini nati  con malformazioni. Molte le analogie con i militari ammalistisi di tumore di rientro dalle missioni nei Balcani, dove sono state utilizzate munizioni all'uranio impoverito. Le indagini si sono estese anche alla zona di Teulada. C'è poi un dossier, ricco di documenti. Documenti importanti. Il Dossier è stato consegnato alla Commissione Parlamentare d'Inchiesta sull'Uranio Impoverito, da Mariella Cao, portavoce del Comitato Antimilitarista Gettiamo le Basi. Il Dossier è composto da denunce, ci sono le storie di 31 persone malate di tumore che abitano a Teulada, vicino alla Base . Dieci i casi accertati di  linfomi.  Nel Dossier c'è anche altro, come affermato da Mariella Cao. I documenti parlano di esercitazioni a Teulada, esercitazioni con velivoli USA A10 Apache, gli stessi utilizzati in Kosovo, in Iraq, Somalia, Afghanistan. Velivoli che montano cannoni che usano munizioni all'uranio impoverito. A quanto pare, queste munizioni sarebbero state testate per la prima volta in Sardegna.  Cinque anni fa, alcuni Ricercatori della Marina, hanno perlustrato i fondali davanti al Poligono di Teulada, e si sono resi conto che per bonificare i fondali ci sarebbero voluti più di 80 anni! Tanti i misteri. La verità si saprà forse, quest'estate. Perchè è d'estate che si avranno i risultati  delle analisi effettuate sulle salme dei pastori morti di tumore, riesumati alcuni giorni fa nella zona di Quirra. Si saprà se sono venuti a contatto con l'uranio impoverito usato nelle armi per le esercitazioni nel Poligono. Le analisi saranno effettuate dal Professor Evandro Carlo Rizzini Fisico Nucleare dell'Università di Brescia E del CERN di Ginevra. Non ci resta che aspettare, e nel frattempo convivere con i tanti misteri sulla vicenda dell'uranio impoverito che si celano in una terra bellissima:la Sardegna.                 

Condividi post
Repost0

commenti