Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 settembre 2011 3 14 /09 /settembre /2011 14:14

L'Afghanistan per loro è già un ricordo. Dopo più di 6 mesi di missione i parà del 186°Reggimento della Brigata Folgore sono stati accolti da interminabili abbracci e baci delle mogli e delle fidanzate e dagli amici e parenti presso la "Caserma Bandini".siena-i-para-del-186-sono-rientrati-in-Italia.jpgE sempre presso la "Caserma Bandini" ha fatto il suo rientro anche la Bandiera di Guerra del Reggimento."Abbiamo l'orgoglio di avere portato all'estero il meglio della nostra cultura e del nosto modo di interagire con i popoli, favorendo l'aumento della presenza sul territorio delle forze afgane e dando supporto.La nostra presenza ha il compito di rendere autonomi il governo e le forze di sicurezza locali. Rispetto alla prima missione di 3 anni fa,si vedono i risultati dell'intervento dei nostri ragazzi, e sono confortanti. Gli attentati dei giorni scorsi? Per una bomba ci sono tante cose lietissime che non finiscono sui giornali, è una lotta cha va condotta con serietà preparazione e molta decisione".Queste le parole del Comandante D'Addario nel salutare i suoi ragazzi, e alcune parole sono state dedicate al ricordo dei 2 caduti in missione:il Caporal maggiore scelto David Tobini e il Caporal maggiore scelto Roberto Marchini. I parà del 186°erano partiti a febbraio per una delle loro missioni più difficili, coma ha ricordato il Comandante D'Addario"una missione che non tollera errori". Hanno operato nel territorio a sud di Herat nella provincia di Farah,nel Gulistan.Ora il loro lavoro sarà portato avanti dai colleghi del Reggimento S.Marco e da quelli della Brigata Sassari. Per i parà ci sono in programma delle visite mediche come al termine di ogni missione,la restituzione dei materiali utilizzati in missione, e soprattutto una licenza per un meritato periodo di riposo.

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento

commenti