Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
3 ottobre 2011 1 03 /10 /ottobre /2011 17:04

Blindati del tipo "Snatch Land Rover" sprannominati dai militari"bare mobili,radio che non funzionano:quafghanistan-a-rischio-la-sicurezza-delle-truppe-in-copia-2.jpgesti solo alcuni degli elementi che mettono a rischio la sicurezza del contigente inglese dislocato in Afghanistan. Il rapporto di una commissione militare con il verbale della riunione di 16 Comandanti della "Air Assault Brigade" doveva restare segreto, invece lo si può leggere sui principali settimanali inglesi e su un articolo del "Daily Mirror". In tempi di crisi economica anche il Ministero della Difesa britannico ha dovuto fare dei tagli, anche se poi ci ha tenuto a dare delle rassicurazioni:" Nell'ultimo anno oltre 3oo milioni di sterline sono stati impegnati per acquistare nuovi veicoli blindati. E non ci sono carenze di uomini in prima linea." Intanto nella realtà, i finanziamenti sono scarsi. Sempre secondo il giornale inglese, infatti c'è da segnalare anche la carenza di team di squadre di medici in prima linea, le radio in dotazione alle truppe sono soggette a guasti con conseguenze facilmente immaginabili, e sono pochi i tecnici che dovrebbero provvedere alla loro riparazione, introvabili sono anche i kit di riparazione. Per non parlare dei veicoli blindati:inadatti al teatro operativo afgano, funzionano male, per la loro riparazione ci sono delle rigide e complicate procedure da rispettare. E' previsto infatti l'utilizzo di apparecchiature elettroniche che non possono essere reperite facilmente. Nonostante le rassicurazioni del Ministero della Difesa britannico, la sicurezza delle truppe inglesi dislocate in Afghanistan è davvero a rischio.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
1 ottobre 2011 6 01 /10 /ottobre /2011 21:20

afghanistan-danneggiato-un-blindato-del-152-Brigata-Sassar.jpgL'esplosione è avvenuta stamattina a circa 11 km dalla FOB di Bala Baluk( Task Force South)e ha danneggiato un blindato che veniva condotto dai militari del 152°Reggimento della Brigata Sassari. Non c'è stato nessun danno per i militari. Il blindato è stato poi recuperato seguendo la solita procedura. Sul blindato i militari 24 ore prima avevano percorso la stessa strada per andare in visita da un notabile di un villaggio molto vicino alla base. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
30 settembre 2011 5 30 /09 /settembre /2011 18:18

afghanistan-treno-con-uniformi-per-l-afghanistan-b-copia-1.jpgC'è un treno di Trenitalia carico di 51o tonnellate di uniformi destinate ai militari in teatro operativo, bloccato tra Ungheria e Ucraina. E' li fermo dal mese di aprile in attesa di un autorizzazione a partire che non arriva. Si sa che in tempi di crisi bisogna risparmiare, e cosi il Ministero della Difesa ha pensato bene di rinunciare al consueto ponte aereo per l'invio di materiale che tutto sommato non è materiale sensibile utilizzando i potenti mezzi di Trenitalia .Ma il treno non ha potuto raggiungere l'Afghanistan per la mancata autorizzazione da parte della Federazione Russa e di Putin. Secondo il sito"Italia Oggi""In effetti il convoglio,partito dall'Italia il 12 aprile scorso, si è fermato in Ungheria in attesa dei permessi di transito".Che invece non sono arrivati. Sul treno ci sono uniformi ma anche calzini e mutande, e cosi in Afghanistan, i militari italiani stessi sono costretti a fare rifornimento anche di mutande e calzini. Tuttavia non ci sarebbe da preoccuparsi più di tanto. Il Ministero della Difesa ci tiene a rassicurare:"Non appena si è avuta la percezione del ritardo e al fine di evitare le immaginabili conseguenze,si è provveduto ad un'assegnazione integrativa di uniformi di servizio e da combattimento, attingendo dalla scorta della brigata  schierata in Afghanistan". Insomma la situazione è sotto controllo. In pratica alla fine, per inviare le uniformi in teatro operativo, si è fatto ricorso al ponte aereo. Ma intanto il treno carico di 51o tonnellate di uniformi resta bloccato li.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
29 settembre 2011 4 29 /09 /settembre /2011 17:18

Tre parà che volteggiano nel cielo azzurro con tre bandiere:il tricolore, la bandiera dell'ISAF e la bandiera afghana, poi l'atterraggio impeccabile davanti alle tribune dell'aeroporto di Herat. Si è conclusa cosi stamattina, la cderimonia che ha sancito il definitivo passaggio di consegne tra la Brigata Paracadutisti Folgore e la Brigata Sassari. Da oggi infatti la Brigata Sassari as,sume sotto la sua responsabilità il Regional Command West. Alla cerimonia erano presenti il Capo delo Stato Maggiore della Difesa, Biagio Abrate, e il Comandante ISAF, il Generale John R.Allen, il goverantore di Herat Daud Saba, e le autorità civili e militari afgane."Lascio l'Afghanistan con la soddisfazione di avere svolto il compito e gli obiettivi prefissati, sei mesi sono volati perchè abbiamo lavorato tantissimo. L'obiettivo principale che siamo riusciti a concretizzare è stato quello di assicurare la crescità delle forze di sicurezza afgane. Il fatto che ora riescono ad operare in autonomia sul terreno è un segnale importante. C'è un solo obiettivo che non ho raggiunto:ed è quello di riportare tutti i miei uomini a casa."Queste le parole  del Generale Carmine Masiello, Comandante della Folgore. Il riferimento è ai caduti che ci sono stati in missione."Assicureremo la continuità rispetto alla Brigata Folgore che ci ha preceduto. Nell'ovest del paese è in corso un processo di transizione che continueremo a sostenere. Nei prossimi 6 mesi, in linea con quanto già operato dalla Folgore, guideremo gli afgani verso la piena autonomia nella gestione del loro territorio"ha affermato invece il Generale Luciano Portolano, Comandante della Brigata Sassari e del Regional Command West. Al termine della cerimonia un breve rinfresco, poi iafghanistan-oggi-cerimonia-passaggio-di-consegne-t-copia-1.jpgl Comandante e i ragazzi della Brigata Folgore si sono imbarcati alle 15.oo per fare ritorno in Italia. Ad accoglierli ci sarà l'abbraccio di fidanzate, mogli, parenti amici dopo più di 6 mesi di  missione.  

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
28 settembre 2011 3 28 /09 /settembre /2011 13:51

afghanistan-lettera-di-protesta-di-un-militare-italiano-in-.jpgLa lettera qui riportata è quella di un militare italiano in missione in Afghanistan, anonima e postata su un blogSapete bene cosa vuol dire uscire di pattuglia e sperare che nessuno ti faccia saltare per aria con trappole esplosive, in quanto i mezzi in dotazione sono obsoleti e senza adeguate protezioni. Si tratta quindi di semplice fortuna poter rientrare alla base alla fine di ogni servizio esterno in quanto tutte le operazioni offensive vengono negate dai comandi! Se volevano dei “soldati di pace” avrebbero dovuto fare ricorso ai Boy Scout, non ai militari! Subiamo solo l'iniziativa del nemico e ne subiamo le spiacevoli conseguenze» (...) «Il materiale, le armi e l'equipaggiamento sono così inutili ed inefficienti che ogni soldato ricorre sempre all'acquisto in maniera autonoma di equipaggiamento straniero (soprattutto americano). Il paradosso è che quello acquistato dall'esercito italiano costa sempre il doppio o il triplo di un ottimo e funzionale sistema straniero. Qualche esempio? Il nuovo mezzo blindato comprato dall’Iveco costa 400.000 euro ma perde i pezzi e le protezioni per strada ed è sempre inefficiente. Mancano i pezzi di ricambio, ha spazi angusti, ed è inefficace. Gli inglesi ne hanno comprata una versione simile, ma in fase di prova è stata completamente modificata. E se invece avessimo preso l'Humvee statunitense? E' un ottimo mezzo, affidabile, sicuro e con pezzi di ricambio inesauribili. O che dire delle blindo serie “puma”, mezzi obsoleti, di concezione vecchia di 25 anni. Un progetto degli anni ’80 ma acquistato solo ora» (...) «Lo sa che la task force dell'aeronautica ha delle limitazioni che non le permettono di operare a supporto delle truppe terrestri? Gli elicotteri presenti a Kabul (AB212) possono essere impiegati solo se a terra sono presenti truppe Isaf con personale specializzato EOD (artificieri) per bonificare l'eventuale zona di atterraggio! Questo è incredibile, vuol dire che possono volare solamente da una base all'altra! Ma cosa li hanno mandati a fare? Che tipo di contributo danno?». E conclude: «Ci dicono che sono missioni di pace ma laggiù i nostri alleati fanno la guerra, combattono e muoiono, noi Italiani siamo rinchiusi dentro le basi e usciamo di tanto in tanto ... Ma che figura ci facciamo? Abbiamo una dignità anche noi, anche noi vogliamo fare il nostro lavoro, quello per cui lo stato ci paga e per cui spende i soldi per addestrarci. Siamo soldati». La lettera è datata 2oo7. E'una lettera che fa pensare, ai tanti militari morti in missione, e all' ultimo lincidente"stradale" accaduto a Herat. La domanda è:in Afghanistan il contingente italiano sta combattendo una guerra essendo dotato di armamenti e di equipaggiamenti in grado di garantire la sua sicurezza si o no? Pare che dal lontano 2oo7  ad oggi, le cose infatti non siano poi tanto cambiate :"Siamo l'esercito meno pagato d'Europa e spendiamo dai mille ai duemila per l'equipaggiamento". Uniformi alle quali spesso devono provvedere gli stessi militari:"Tutte acquistate di tasca nostra.Quelle in dotazione sono troppo leggere, si strappano subito.Poi ci sono gli stivali, se ne vuoi un paio adatti fanno 17o euro.Il compressore per pulire le armi ne costa 5o,e il gilet tattico, le magliette traspiranti, i pile:i militari fanno la fortuna di Decathlon".Queste le parole dei militari italiani in missione in Afghanistan a dicembre nello scorso anno,tratte dal reportage di Paolo Giordano"Panettone all'inferno". Pare proprio che le cose non siano cambiate. Un esperto americano ha affermato che l'Italia "dovrebbe più preocccuparsi per la sicurezza dei propri soldati che della sponsorizzazione del"made in Italy"negli armamenti. Ma allora che fine fanno i tanti soldi stanziati per la missione in Afghanistan?

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
27 settembre 2011 2 27 /09 /settembre /2011 14:28

afghanistan-passaggio-di-consegne-tra-Folgore-e-Brigata-Sas.jpgGiornata importante oggi a Bala Murghab:in una splendida giornata di sole, c'è stato il passaggio di consegne tra i parà del 183°Reggimento Brigata Paracadutisti Folgore e i fanti del 151° Reggimento della Brigata Sassari.  Si svolgerà invece domani, la cerimonia del passaggio di consegne nella provincia di Shindand, tra l'11°Reggimento Bersaglieri e il 66°Reggimento Fanteria Aeromobile Friuli. La Brigata Sassari porterà a termine il TOA(Transfer of Authority) i primi di ottobre, con il 152° Reggimento di fanteria che sostituirà il 187° Reggimento Brigata Folgore.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
26 settembre 2011 1 26 /09 /settembre /2011 18:51

afghanistan-in-operazione-congiunta-uccisi-2-insurgents-e-s.jpgDue insurgents sono stati uccisi durante un'operazione congiunta delle forze di sicurezza afgane e delle truppe della coalizione. L'operazione aveva come obiettivo la ricerca di un importante leader talebano nel distretto di Nurgal, nella provincia di Kunar. Le forze della coalizione e quelle afgane hanno individuato dei ribelli armati che fuggivano da un edificio durante una perquisizione. Accertati che che nella zona non ci fossero donne e bambini, le forze della coalizione hanno fatto fuoco uccidendo 2 insurgents. Sono state inoltre sequestrate delle armi:un cannone da 82 millimetri, 3 mortai da 82 millimetri, 15 granate Rpg, 12 sezioni a razzo di Rpg  materiale per la fabbricazione degli IED e munizioni. Sono state inoltre sequestrate delle uniformi dell'esercito USA e afgano e dei manganelli, sono state poi arrestate alcune persone sospette, per essere sottoposte ad ulteriori accertamenti. Intanto oggi sono stati celebrati nei rispettivi paesi d'origine, i funerali dei 3 militari morti nell'incidente a Herat:il Tenente Riccardo Bucci, il Caporal maggiore scelto Mario Frasca e il Caporal maggiore Massimo di Legge.  

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
25 settembre 2011 7 25 /09 /settembre /2011 17:47

Troppe cose non quadrano in quello che è stato addirittura definito un"incidente stradale"avvenuto a Herat l'altro giorno, e nel quale hanno perso la vita 3 militari italiani.afghanistan-giallo-sull-incidente-costato-a-vita-ai-militar.jpg I militari si trovavano a bordo di un Lince e stavano rientrando alla base italiana dopo un pattugliamento. All'improvviso il rallista avrebbe avvertito il conduttore della presenza di un ostacolo improvviso, poi ci sarebbe stata una brusca sterzata con il conseguente ribaltamento del mezzo. Il rallista è sempre il mlitare più esposto al pericolo anche in caso di attentati da parte degli"insurgents"poichè sporge fuori dal'abitacolo a mezzobusto, poche le possibilità di sopravvivere, ma è davvero strano o quanto meno improbabile che gli altri 2 occupanti del veicolo blindato protetti dalla"cellula di sicurezza"non abbiano avuto via di scampo. Il Lince infatti è dotato di cinture di sicurezza:forse come ha affermato qualcuno, i militari non indossavano le cinture di sicurezza, e se si, perchè i loro superiori non si sono assicurati che le cinture fossero allacciate?E poi:i militari in missione in Afghanistan sono dei professionisti è quantomeno strano pensare che essi stessi abbiano commesso una simile negligenza. E' stato affermato che l'"incidente stradale"sarebbe avvenuto su una strada asfaltata e molto trafficata:quindi sarebbe avvenuto uno scontro tra veicoli a causa del traffico, manco si fosse in una città italiana all'ora di punta? Da subito c'è stata tanta fretta nell'archiviare il ribaltamento del Lince come "incidente stradale". Perchè? Forse è stato un attentato a causare la morte dei militari? Inoltre c'è da dire che l'utilizzo del Lince in Afghanistan fin dall'inzio della missione è stato costellato da incidenti e da molti ribaltamenti. Sembrerebbe infatti che questo blindato sia poco adatto alle strade non asfaltate dell'Afghanistan:sono stati molti i feriti, i contusi e le vittime causate dai ribaltamenti del Lince, questo perchè ha il baricentro troppo spostato verso l'alto per il posizionamento della cellula di sicurezza che lo renderebbe instabile, l'equipaggio al suo interno viene sballotato da una parte all'altra, e per l'autiere diventa difficile controllare la guida del mezzo. Eppure è sempre stato presentato come un ottimo blindato leggero da pattugliamento. In seguito ai numerosi militari che hanno perso la vita a causa di IED che hanno fatto saltare per aria svariati Lince, e' stato detto più volte che sarebbe stato sostituito dai Freccia, e questo già da più di 2 anni. Il Freccia:un blindato da combattimento per la fanteria dotato di una protezione maggiore rispetto al Lince, ma molto più pesante e poco adatto ad infilarsi nelle strettoie afgane con le roccie sporgenti ai lati ,al contrario del Lince. Che fine hanno fatto i Freccia? Siamo sicuri che i militari italiani dispongano di mezzi adeguati alla missione in Afghanistan? Come sono morti i 3 militari italiani? Non resta che aspettare che l'inchiesta aperta dalla magistratura di Roma chiarisca i tanti punti oscuri di questo strano"incidente stradale"in Afghanistan.  

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
24 settembre 2011 6 24 /09 /settembre /2011 18:25

"Ciao soldato.Sarai sempre un grande anche dove sei ora","Sei stato un grande collega",Ci eravamo sentiti poco tempo prima e tra una chiacchera e l'altra ti dissi di portare a casa la pellaccia,tu mi rispondesti Tranquillo ci tengo alla mia pellaccia e invece è successo quello che tutti non ci aspettavamo","Non ci posso credere, che assurda fregatura è la vita a volte"Non ce posso credè. Addio Massi". Questi sono solo alcuni dei messaggi postati sulla bacheca del Caporal maggiore Massimo di Legge, a poche ore dal tragico incidente in Afghanistan. Qualcuno che ha postato anche il video del film "Il Gladiatore"e la sua colonna sonora in onore del militare. Un Ragazzo che amava profondamente  la sua professione di militare, sempre sorridente e pronto ad aiutare gli atri. La morte l'ha colto di sorpresa mentre a bordo di un Lince con i suoi commiitoni ritornava alla base. massimo-di-legge-copia-1.jpgForse un ostacolo improvviso poi il Lince che si ribalta e per i suoi occupanti purtroppo non c'è niente da fare. La morte è sempre da mettere in conto per un militare in missione Afghanistan fa parte dei rischi del mestiere, anche se ci si augura non succeda mai. Il Caporal maggiore Massimo di Legge aveva 28 anni, di Aprilia prestava servizio presso il raggruppamento Logistico Centrale di Roma. Tra tutti i messaggi quello ch ecolpisce di più:"C'è chi dice che sei morto per la Patria,ma a me non mi frega un cazzo di ciò che dicono,tu eri il mio cuginetto e te ne sei andato alla sola età di 28 anni. Pensa che schifo. Voi che lo proteggete e questo paese di merda che non fa nulla per impedire che muoiano altri militari".  Parole dettate dalla rabbia e dalla disperazione, che  però fanno riflettere. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
23 settembre 2011 5 23 /09 /settembre /2011 21:43

Un ufficiale del 151°Reggimento Brigata Sassari è stato ferito ad una spalla a Bala Murghab. Il ferimento è avvenuto in uno scontro a fuoco contro gli"insurgents".afghanistan-ferito-ufficiale-brigata-sassari-in-scontro-con.jpg L'ufficiale è stato curato nell'ospedale da campo americano e sarebbe già in grado di rientrare al comando dei suoi uomini. Intanto sono stati resi noti i nomi dei militari italiani morti nell'incidente a Herat. Sono: il Tenente Riccardo Bucci, 34 anni,di Milano dei Lagunari "Serenissima", lascia la moglie e una bambina di 3 mesi,Il caporal maggiore Massimo di Legge, 28 anni, originario di Aprilia, prestava servizio presso il Raggruppamento ogistico Centrale di Roma, il caporal maggiore scelto Mario Frasca, 32 anni di Foggia, in servizio presso il Quartier Generale Forze Operative Terrestri di Verona. Secondo la ricostruzione dell'accaduto i militari erano a bordo di un Lince in pattugliamento su una strada a Herat, poco distante da Camp Arena.Il rallista avrebbe segnalato un ostacolo sulla strada al conduttore, che avrebbe sterzato bruscamente causando il ribaltamento del Lince.  

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento