Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
17 novembre 2014 1 17 /11 /novembre /2014 17:49

foto-tornado-italiani-iraq-2.jpgSono pronti ad entrare in azione i quattro Tornado del 6°Stormo di Ghedi che l'Aeronautica Militare Italiana ha inviato in Kuwait su richiesta della coalizione a comando USA.Secondo quanto dichiarato dal Ministro della Difesa Pinotti, in un'intervista alla "Stampa",i Tornado italiani non bombarderanno, ma avranno compiti di ricognizione e quindi di sorvolo del territorio iracheno e di intelligence. Saranno equipaggiati con due cannoni  da 27 mm Mauser e con un Pod "RECELITE"ovvero un sistema di ricognizione che viene prodotto dagli israeliani. Grazie a questa dotazione di bordo i Tornado italiani saranno in grado di raccogliere edi trasmettere a terra le immagini dei bersagli posizionati sul suolo iracheno, acquisiranno inoltre informazioni preziose sugli obiettivi che dovranno essere neutralizzati dalle forze coalizione. Intanto sono già operativi i due Predator,e un aereo cisterna che effettua i rifornimenti in volo ai velivoli della coalizione anti-ISIS.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
14 novembre 2014 5 14 /11 /novembre /2014 19:20

foto-max-e-slavo-1000-mongolfiere-x-la-liberta-1.jpgMille mongolfiere ognuna delle quali rappresenta un giorno di prigionia dei due fucilieri del S.Marco Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono pronte  a levarsi in volo.Si leveranno in volo a partire da domani.Un volo che sarà virtuale perchè le mongolfiere si alzeranno in volo dal web.L'iniziativa organizzata da Nicola Marenzi e da altri 16 utenti su Facebook, sta riscuontendo un enorme successo. Sono migliaia gli italiani che stanno condividendo e taggando la stupenda foto di Claudio Alibrandi e molti altri se ne aggiungeranno.Gli italiani ancora una volta organizzano un evento per far sentire tutta la loro solidarietà e vicinanza ai due militari italiani, sperando che anche i media nazionali se ne accorgano e ne parlino per non far spegnere i riflettori e l'attenzione su questa vergogna vergognossa vicenda senze fine.Anche questo blog è fiero di aderire all'iniziativa.Ma cosa biosogna fare per partecipare all'evento?Semplicemente postare una foto e taggarla come si legge nella pagina Facebook di Nicola Marenzi.L'evento è presente anche su Twitter e continuerà fino adomani"tocca a noi riempire il web di solidarietà per Max e Salvo, abbiamo anche tutta la giornata di domani per postare articoli di blog ed adoperare anche twitter ( per chi lo usa ) l' invito è sempre quello di taggare i propri amici nell' immagine ( si moltiplicano le visualizzazioni ) oppure condividere l' immagine con privacy pubblica per far in modo che i propri amici la possano ricondividere a loro volta,... potete anche aggiungere in testa al post ‪#‎iostoconimarò‬ ‪#‎maròliberi‬ ‪#‎nondimentichiamoli‬ e finirà anche nelle pagine FB apposite, sotto ci sono le istruzioni per taggare l' immagine in semplici mosse tra i primi commenti, basta un pizzico di volontà e raggiungeremo l' obbiettivo di rompere questa OMERTA' DI STATO che da 1000 maledetti giorni ci accompagna, per Max e Salvo TUTTI INSIEME NESSUNO INDIETRO"ecco cosa ha scritto Nicola Marenzi sulla pagina Facebook dell'evento.Non solo la foto dei marò ma tante foto di coloratissime mongolfiere in volo, in queste ore stanno letteralmente invadendo il web.Mongolfiere che sono silenziose ma non lo sono le migliaia di italiani che in queste ore, nei loro post"gridano":"Marò liberi subito!"

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
13 novembre 2014 4 13 /11 /novembre /2014 18:54

foto-luca-iddis-uranio-inpoverito-leucemia1.pngDi uranio impoverito si continua ad ammalarsi e a morire sia tra i civili che tra  i militari.Sono quattromila gli ammalati e oltre 300 quelli che non sono sopravvisuti. Luca Iddas aveva 22 anni, ed era in forza al 3°Reggimento Bersaglieri della Brigata Sassari, di stanza presso Capo Teulada.Aveva scoperto di essersi ammalato di leucemia durante il servizio, e per questo motivo nel 2012, si era rivolto  all'Associazione ANAVAFAF e al suo Presidente, l'ex ammiraglio Falco Accame, per ottenere la causa di servizio.Causa di servizio che gli è stata negata. Luca è morto di leucemia mieloide acuta.La causa di servizio gli è stata negata perchè il Ministero della Difesa afferma che il decesso da leucemia mieloide acuta non può riconoscersi dipendente da fatti di servizio.Ciò che afferma il Ministero della Difesa cozza però contro la legge 308/81 la quale sostiene che i risarcimenti sono comunque dovuti nei casi di tumore, in rapida evoluzione, in base a quanto disposto dalla legge 313/68. Inoltre c'è il fatto che per molti altri altri casi di leucemia i risarcimenti ci sono stati.La notizia della morte di Luca Iddas è stata resa nota solo oggi ma risale ad un anno fa.Perchè è stata tenuta nascosta?Se non fosse stato per Falco Accame, Presìdente dell'ANAVAFAF forse nessuno avrebbe mai parlato di questa morte."Quei signori fanno sempre così le notizie scomode non le fanno sapere"(...)ha affermato Accame. Eppure ci sono le disposizioni del ministro Spadolini che aveva disposto che le vittime dovevano essere rese note e comunicate alle Commissioni Difesa della Camera e del Senato.Nel caso di Luca Iddas non è stato così.Secondo quanto riporta il sito "militari Assodipro" sono molti i militari che si sono ammalati di leucemia negli anni dal 1990 al 2010 su circa 70 persone, tra civili e militari che hanno prestato servizio nel poligono di Capo Frasca ad esempio, 23 si sono ammalati di gravi forme di tumore, in sei casi al sistema linfatico  e in altri casi a diversi organi oltre che di patologie al sistema immunitario.Dodici sono morti, sette sono rimasti invalidi, uno solo è guarito. L'acqua potabile utilizzata nel poligono sarebbe inquinata.Lo era già nel lontanissimo 1994, quando vennero fatte delle analisi e si scoprì che l'acqua era inquinata:lo dice Michele Piras, membro della Commissione Difesa della Camera. Eppure l'allaccio ad Abbanoa è stato effettuato solo nel 2010 e inoltre le condutture dell'acqua sarebbero fatiscenti e insicure dal punto di vista igienico sanitario.Michele Piras ha deciso che porterà avanti la sua battaglia per far si che vengano effettuate delle indagini e si accerti se ci siano state delle responsabilità o delle ommissioni per ciò che è accaduto nel poligono.E intanto la domanda resta:perchè la morte di Luca Iddas non è stata resa nota subito, ma è stata scoperta quasi per caso da Falco Accame?

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
10 novembre 2014 1 10 /11 /novembre /2014 19:01

foto-cagliari-manifestazione-maro1.jpgMille giorni prigionieri in India.Quello di oggi è davvero un triste anniversario per i due militari italiani dimenticati in India.I due fucilieri del S.Marco Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, dopo mille giorni non intravedono ancora la fine della triste e vergognosa vicenda che li vede protagonisti.Massimiliano Latorre ha ottenuto il permesso di poter rientrare in Italia per curarsi dopo essere stato colpito da un'ischemia.A gennaio però dovrà fare rientro in India.Salvatore Girone invece, si trova sempre là.In questi mille giorni nessun politico(a parte l'on.Elio Vito)è riuscito o non ha voluto concludere niente di concreto.Il nuovo ministro degli esteri Paolo Gentiloni, ha dimostrato di saper usare il telefono per le solite trite e ritrite parole di circostanza, come anche ha ribadito nell'intervista a Lucia D'Annunziata, nella quale ha affermato che con il nuovo governo insediatosi in India, forse si vede una soluzione del caso, che c'è una speranza.Ma intanto mille giorni sono trascorsi(mille dal giorno dell'incidente e 995 giorni dal loro arresto).Un'eternità:mille giorni nei quali nè i governi di Letta nè quello di Renzi hanno ottenuto il risultato concreto:far ritornare in Italia i due militari.Anche a costo di organizzare un blitz.I due fucilieri del S.Marco sono innocenti, come afferma anche la perizia balistica, non sono stati loro ad uccidere i due pescatori indiani.La gente comune invece adifferenza dei politici, non dimentica i due fucilieri del S.Marco. Sabato 15 novembre si mobilita anche la Sardegna:a Cagliari in Piazza Repubblica, dalle 9.30 ci sarà un presidio come forma di solidarietà ai due militari italiani. Non solo Cagliari, ma tutta la Sardegna, è invitata a partecipare a questa iniziativa, organizzata  da un gruppo attivo su  Facebook"Giù le mani dagli italiani" e dalla pagina "Comunità militare".Saranno certamente numerosissimi i sardi che sabato 15 novembre affolleranno il presidio a favore di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.Lo affolleranno per far sentire loro tutta la soidarietà e l'affetto, per non farli sentire dimenticati: come invece ha fatto lo Stato al quale loro hanno giurato fedeltà.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
6 novembre 2014 4 06 /11 /novembre /2014 19:22

foto-rob-o-neil-militare-che-ha-ucciso-bin-laden2.jpgHa ucciso Bin Laden con tre colpi alla testa da distanza ravvicinata.Lui è Rob O'Neal, 38 anni, nativo del Montana:la sua identità è stata rivelata dal padre, Tom, al quotidiano USA "Daily News".Rob, il militare dei Navy Seal racconterà in un'intervista esclusiva, a Fox (che verrà trasmessa il 10 e l'11 novembre), come andarono le cose quel giorno di maggio del 2011. Il 2 maggio 2011 infatti era il  giorno  del blitz ad Abbotabad in Pakistan.Rob O'Neil è di certo un militare controcorrente che ha infranto il giuramento di segretezza dei Navy Seals:gli alti vertici militari non sono per niente"contenti"dell'intervista di Rob. Anche se ha lasciato le forze speciali infatti, il giuramento deve essere sempre rispettato e impone a questi militari di non farsi pubblicità nè tanto meno di rivelare dettagli sulle loro operazioni.Ma Rob ha preso la sua decisione, la sua intervista è una sorta di vendetta nei confronti  dei Navy Seals in quanto ha perso dei benefit che si era guadagnato durante la sua prestigiosa carriera, benefit andati persi quando ha abbandonato le forze speciali, come ha rivelato il sito "Blogo news".C'è molta attesa per questa intervista, per conoscere la storia del militare dei Navy Seals che passerà alla storia come "il militare che ha ucciso Bin Laden".Rob O' Neil si è arruolato nei Navy Seals dopo aver incontrato durante una battuta di caccia, un Navy Seal in persona e aver visto così che l'altezza minima richiesta non era poi così rilevante per arruolamento.Anche se poi circolano altre voci che raccontano di una cocente delusione amorosa in seguito alla quale Rob decise di intraprendere questa carriera.Tante missioni spericolate alle spalle, sempre in giro per il mondo, ora si teme per la vita di Rob:l'ISIS infatti dopo l'intervista potrebbe decidere di mettere in atto la sua vendetta.Il padre di Rob, Tom assicura che non ci sono problemi, al "Daily Mail"ha infatti dichiarato:"Se vogliono venire, li aspettiamo"e ha inoltre aggiunto che"dipingerò un grosso bersaglio sulla porta di casa".Quelli dell'ISIS sono avvertiti:stiano in guardia.Parola di padre di un Navy Seal.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
5 novembre 2014 3 05 /11 /novembre /2014 19:01

foto-adorno-medaglia-valor-militare1.jpg"Quel giorno eravamo nei pressi di Bala Murghab, una delle aree più pericolose dell'ovest dell'Afghanistan a comando italiano.Nella fase finale hanno cominciato a sparaci addosso.Gli insorti facevano fuoco e noi ci siamo attestati dietro ad alcune abitazioni.Eravamo a piedi, davanti a me due squadre della nostra unità erano particolarmente esposte al fuoco:sparavano ma era necessario che tornassero verso le nostre posizioni .Ho cominciato a fare fuoco di copertura per dargli la possibilità di avvicinarsi.Ad un certo punto sono stato colpito alla gamba destra .Dopo essere stato colpito, una manciata di secondi, ho perso di vista l'obiettivo, in quei momenti pensi alla famiglia,a tua moglie, al figlio piccolo e a quell'altro che sta per nascere.Pensi anche che potresti morire.Ma dura un attimo:poi torni in te e l'unico pensiero diventa la missione assegnata e la sicurezza dei tuoi compagni.Così ho cominciato a sparare."A parlare è il caporal maggiore scelto dell'Esercito Andrea Adorno, 34 anni, che in un'intervista al quotidiano "Lasicilia.it"ha raccontato quell'episodio accadutogli durante la sua missione in Afghanistan , il 16 luglio 2010 che gli è valso la medaglia d'oro al valor militare.Era in servizio al 4°Reggimento Alpini Paracadutisti di Bolzano e grazie al suo fuoco di copertura le due squadre della TF45 e i suoi compagni si sono salvati da morte certa.Andrea, rimasto ferito era stato subito soccorso e portato e all'ospedale  da campo di Bala Murghab.Ieri 4 novembre, Festa delle Forze Armate, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano gli ha assegnato la medaglia d'oro al valor militare per avere salvato i suoi commilitoni.Adesso Andrea presta servizio al 62°Fanteria Sicilia a Catania, vicino alla sua famiglia. Bala Murghab e quella data del 16 luglio 2010 Andrea non li scorderà mai, come non la scorderanno mai i suoi compagni che grazie a lui si sono salvati.La guerra afgana è stata costellata da tanti combattimenti come questo, dei quali molti spesso i media non hanno parlato anche per la segretezza delle operazioni.Perchè se quella in Afghanistan è stata spesso denominata missione di pace, nella realtà era ed è una guerra.Una guerra con i suoi soldati e le loro storie, alcune di queste mai raccontate.      

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
4 novembre 2014 2 04 /11 /novembre /2014 19:13

foto-militari-italiani-iraq-2.jpg I militari italiani sono in attesa dell'ok per la partenza in missione in Iraq.L'ok dipende dall'attivazione della base addestrativa.Si è infatti alla ricerca della zona dove insediarla, è stata smentito un ritorno a Nassiriya.E' probabile che i 280 militari italiani avranno la loro base a Erbil la capitale del Kurdistan iracheno."L'attivazione di una base addestrativa in Iraq probabilmente avverrà tra novembre e dicembre.Il campo di addestramento potrà essere gestito con un paio di centinaia di persone"ha detto il Capo di Stato Mggiore della Difesa, Luigi Binelli Mantelli a ottobre.Nel frattempo gli italiani già dal mese di settembre forniscono armi e munizionamento a iracheni e curdi.Sono pronti ad entrare in azione 200 addestratori e 80 consiglieri militari aventi funzioni di addestramento e di intelligence."I tempi sono piuttosto rapidi, gli uomini si stanno già preparando per la missione"ha affermato il Ministro della Difesa Pinotti a SkyTg24,"credo che il tutto possa avvenire nelle prime due settimane di novembre.Quello che è ancora in discussione è il luogo esatto dove saranno stanziati gli addestratori, ma molto probabilmente sarà Erbil.La coalizione non ha ancora deciso con sicurezza il posto, ci vorrà una settimana per diventare operativi"ha detto Nicola Latorre Presidente della Commissione Difesa al senato in un'intervista all'"Inkiesta"."I nostri militari non sono ancora partiti per l'Iraq perchè stiamo individuando il centro di addestramento" ha ribadito la Pinotti"Noi abbiamo dato la nostra disponibilità, ma quando ci sono le coalizioni c'è un comando condiviso che coordina tutti gli alleati.Abbiamo chiesto di lavorare nella zona del Kurdistan, stiamo individuando questa possibilità assieme agli USA e agli altri nostri alleati.Appena individuato il luogo di addestramento siamo pronti a partire".Intanto in questi giorni  sono già entrati in azione i velivoli  dell'aeronautica militare italiana senza pilota per effettuare le ricognizioni e gli aerei per il rifornimento dei velivoli della coalizione anti-ISIS.Nel frattempo i militrai italiani tra i quali ci potrebbero essere anche quelli della Brigata Julia, restano in attesa di un ok.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
2 novembre 2014 7 02 /11 /novembre /2014 18:59

foto marò per articolo1Il neo ministro degli Esteri Paolo Gentiloni appena insediatosi, ha telefonato ai due fucilieri del S.Marco.Ha voluto esprimere loro la sua vicinanza e la volontà di risolvere al più presto il caso:"Il caso dei due marò è in cima alla nostra agenda"ha affermato."Ho voluto salutarli e rinnovargli la continuità dell'impegno".Ancora una volta le solite parole dette e ridette.Speriamo davvero che stavolta il nuovo ministro degli Esteri alle parole faccia seguire una volta per tutte i fatti, perchè se l'impegno messo  fino ad ora per risolvere la vicenda è questo,per il momento non ha ancora dato nessun risultato concreto.Intanto Massimiliano Latorre in un'intervista al quotidiano "Libero.it"ha fatto sapere che:"Sono pronto a tornare in India, devo lottare per Salvatore Girone,non mi arrendo.Io combatto.Devo farlo non solo per me ma soprattutto per Salvatore.Sento di avere un dovere verso di lui come superiore.Lui era un mio sottoposto.Sento questa responsabilità.La sento due volte, da sottufficiale e da capo team.Sono qui combattivo, come sempre anzi sono ancora più consapevole delle mie responsabilità."Poi ha voluto ringraziare la sua compagna Paola Moschetti:"Voglio dire pubblicamente grazie alla mia compagna, Paola, senza di lei non sarei vivo, non sarei qui.Fu lei infatti ad accorgersi della gravità di quello che stava succedendo.Sono salvo per il rotto della cuffia.Oggi non sarei qui a parlare, lo devo a lei".Il fuciliere del S.Marco Massimiliano Latorre, non si arrende e continuerà a combattere.Rispetterà gli ordini da buon militare, e il 13 gennaio rientrerà in India, a meno che il neo ministro degli Esteri Paolo Gentiloni prima di quel giorno, non usi di nuovo il telefono, per un gesto davvero concreto.Per risolvere una volta per tutte questa brutta e vergognosa faccenda,e far rientrare in Italia definitivamente i due militari italiani. E tutta l'Italia che lo chiede:"Basta parole ci vogliono i fatti,marò liberi subito".Intanto il tempo passa.Inesorabile.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
29 ottobre 2014 3 29 /10 /ottobre /2014 18:23

aereo-da-rifornimento-kc767.jpgEra decollato il 17 ottobre dalla base di Pratica di Mare, il velivolo KC767A del 14°Stormo dell'Aeronautica Militare, e oggi ha portato a termine la seconda missione operativa di aerorifornimento in volo ai velivoli impegnati nelle operazioni di contrasto aeree contro l'ISIS.Questo velivolo grazie alla sua capacità di poter effettuare i rifornimenti in volo è"Force Multiplier"ovvero permette di allungare in termini di spazio e tempo l'efficacia del velivolo, diventando così molto efficace dal punto di vista strategico e fornendo un valido supporto alle forze aeree della coalizione anti-ISIS.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
28 ottobre 2014 2 28 /10 /ottobre /2014 19:19

foto-girone1.jpgUn'iniziativa per far sentire la vicinanza,l'affetto e la solidarietà del mondo dle calcio al fuciliere del S.Marco Salvatore Girone, rimasto in India.L''iniziativa ideata dalla"Gazzetta dello Sport" ha come protagonista un giornalista del prestigioso quotidiano sportivo che è andato a New Delhi e ha regalato al militare italiano alcune maglie.Sono le maglie di quelle squadre che in questo campionato, hanno deciso di scendere in campo con un fiocco giallo per dimostare solidarietà ai due fucilieri del S.Marco Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.Le squadre che stanno giocando con il fiocco giallo sulla maglia al momento sono la Lazio, il Genoa e il Bari(Salvatore Girone è nato a Bari) che lo ha messo la prima volta nella partita contro l'Avellino del 18 ottobre.Questo per dire che anche il mondo del calcio sta dimostrando la sua solidarietà ai due fucilieri del S.Marco.Quello di apporre un fiocco giallo sulla maglia è un piccolo gesto che non costa davvero nulla ma di grande valore:oltre ad una dimostrazione di solidarietà e anche un gesto che serve a non far spegnere i riflettori su questa vergognosa viecenda tutta italiana. Ci sono due militari innocenti che vengono trattenuti in India per un omicidio che non hanno commesso:sono innocenti e le prove(quelle che non sono state fatte sparire o tenute chiuse in un cassetto)lo dimostrano.Sarebbe davvero bello vedere anche tutte le altre squadre italiane scendere in campo con un fiocco giallo sulle loro maglie.Un semplice fiocco giallo:in fondo non ci vuole molto, e con un piccolo gesto forse si possono ottenere grandi cose, soprattutto non dimenticare i due fucilieri del S.Marco.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento