Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
25 luglio 2013 4 25 /07 /luglio /2013 17:11

afghanistan-militari-italiani-consegnano-aiuto-orfanotrofio.jpgLoro sono i militari italiani della Transition Support Unit South(TSU-S)di Farah, su base 8° Reggimento Alpini di Cividale del Friuli, al comando del Colonnello Michele Merola e sono impegnati quotidianamente in attività operative. Attività operative di supporto e di assistenza alle forze di sicurezza afgane allo scopo di garantire la sicurezza in quella che è considerata una delle zone più pericolose dell'Afghanistan. Nonostante le quotidiane attività operative, i militari italiani della TSU-S trovano anche il tempo per regalare il sorriso ai bambini dell'orfanotrofio di Farah. Ci vanno quasi ogni mese e ogni volta riescono a regalare un sorriso a questi bambini tristi. Nei giorni scorsi infatti, i militari italiani della TSU-S hano consegnato a questi bambini del materiale didattico e dei generi di prima necessità,raccolti grazie ad alcune associazioni di volontariato italiane. Nei mesi scorsi inoltre sono stati portati a termine anche dei lavori di ristrutturazione per migliorare le condizioni di vivibilità nell'orfanotrofio. La consegna degli aiuti avvenuta nei giorni scorsi ai bambini di questo orfanotrofio assume anche un altro valore:è un passaggio di consegne tra i militari dell'8°Reggimento Alpini e quelli del 6°Reggimento Bersaglieri di Trapani. Saranno infatti i Bersaglieri ad assumere il Comando della TSU-S nelle prossime settimane. I Bersaglieri continueranno così l'opera dei loro predecessori:quella di regalare momenti di felicità ai piccoli ospiti di questo orfanotrofio.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
24 luglio 2013 3 24 /07 /luglio /2013 16:45
Ha davvero voluto fare  una bella sorpresa alla sua famiglia, il Capitano Hyrum Bronson, rientrato dalla sua missione in Aghanistan, con tre settimane di anticipo. La famiglia era in vacanza e stava preparando proprio un video messaggio da inviargli:"Cosa vorresti dire a tuo padre se fosse qui?" viene chiesto a una delle figlie, manco il tempo di rispondere e pochi minuti dopo il soldato si materializza alle spalle dei figli e della moglie. Un video commovente che sta facendo il giro del web. 
Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
23 luglio 2013 2 23 /07 /luglio /2013 17:14

Il nuovo Governatore di Farah, Mohammad Omar Shaizad, ha espresso la sua gratitudine e ringraziamento ai militari italiani della TSU-S  per l'impegno ed il loro lavoro svolto fino ad ora. Lavoro e impegno che hanno consentito alla zona di Farah di acquisire una maggiore sicurezza per la popolazione. L'incontro tra il Governatore di Farah e il Colonnello Michele Merola, comandante della TSU-S, è avvenuto nei giorni scorsi nel palazzo del governatorato di Farah. L'incontro è stato molto importante, perchè ha consentito al Colonnello Merola, di fare il punto della situazione e sulle condizioni di sicurezza nella provincia meridionale  che si trova sotto il comando del Rc-West. "La provincia ha bisogno di infrastrutture, di nuove strade, così come di altri servizi basilari per garantire migliori condizioni di vita per la popolazione locale. Solo una decisa ed intensa attività in tale direzione di ricostruzione, consentirà le condizioni per un futuro diverso"Ha detto il Governatore, oltre a ringraziare i militari italiani per il loro supporto ed il mantenimento della sicurezza nella zona. Il Governatore ha inoltre espresso la sua ammirazione per l'Italia desiderando il più presto avere l'occasione per visitarla. Il Colonnello Merola invece, facendo il punto della situazione, ha voluto evidenziare la costante capacità di organizzazione e di operatività delle Afghan National Security Forces(ANSF)della provincia di Farah,afghanistan-il-neo-governatore-di-farah-ringrazia-militari-.jpg che hanno dimostrato di contribuire in modo davvero molto efficace al contrasto degli attacchi degli insorti in questa zona dell'Afghanistan. Una dimostrazione di questo fatto sono state le ultime operazioni condotte dalle forze di sicurezza afgane, senza il supporto dell'ISAF. Queste operazioni sono riuscite ad infliggere un duro colpo ai gruppi di estremisti durante la stagione dei combattimenti.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
22 luglio 2013 1 22 /07 /luglio /2013 15:13

Si è svolta nei giorni scorsi presso la base di Camp Zafar(sede del 207°corpo d'armata afgano)la cerimonia che ha sancito il passaggio del RSC-West(Regional Support Command West), un'unità statunistense che addestra e fornisce equipaggiamento alle forze di sicurezza afgane(ANSF:Afghan National Securuty Forces)allo scopo di incrementare le sua capacità operativeafghanistan-rc-west-assume-ruolo-transition.jpg, sotto il comando del Rc-West a guida Brigata Alpina Julia. Questo passaggio del RSC-West alle dipendenze del Rc-West rappresenta un altro passo importante verso una maggiore autonomia delle forze sicurezze afgane in previsione del ritiro del contingente ISAF nel 2014.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
21 luglio 2013 7 21 /07 /luglio /2013 18:36

foto anziana al superLa storia di Angela,76 anni denunciata per avere rubato delle mentine in un supermercato non avrà mai gli onori delle prime pagine dei giornali. Eppure la sua storia è simile a quella di tanti italiani che ogni giorno in Italia combattono una guerra:quella contro la disperazione, contro la povertà causata dalla crisi economica. E la classe politica di un paese allo sfascio resta alla finestra a guardare. Perchè di certo ai signori della classe politica mai capiterà di ritovarsi con una pensione da fame a dovere scegliere il prodotto più economico tra gli scaffali di un supermercato.  Angela una donna di 76 anni come tutte le mattine si reca al supermercato “Pam di via Archimede Milano”; tira fuori gli occhiali per controllare i prezzi con cura meticolosa; scarta il prosciutto crudo e il cotto, scarta i salumi, scarta la mozzarella, tutto costa troppo, deve fare una scelta… Sceglie quella con il costo più basso, la infila nel carrello dove ci sono già una scatoletta di tonno e del pan carré.La Signora Angela, si reca verso la corsia dei formaggi, con le dita sfiora il parmigiano, fruga tra i pacchetti alla ricerca di quello meno voluminoso, legge accuratamente ogni prezzo, e poi lo ripone come se avesse un ripensamento sulla scelta.

In verità la Signor Angela non ha abbastanza soldi per comprare il formaggio, decide di andare via, ma é un attimo, vede una scatoletta di Tic Tac alla menta abbandonata vicino al banco frigo, la mano scivola verso la casacca e sospinge la piccola scatolina di Tic Tac nella sua borsa.

Lei non lo sa, ma la scena viene vista dal direttore del supermercato: «Signora, Signora mi scusi può mostrarmi la sua borsa?» Pochi euro, appena tre prodotti. «Un controllo di rito, dice con un sorriso la guardia, mi segua di là»…

Il locale dove si confessano queste minuscole vergogne è un ufficio: lei da una parte, l’anziana dall’altra. «Forse ha dimenticato qualcosa – dice il direttore – sa, a volte capita…» Lei abbassa gli occhi, è rossa in volto, si vergogna, trema…La signora Angela: “É la prima volta, mi creda non sono una ladra; ho lavorato una vita facendo sacrifici per far crescere i miei figli, ed oggi mi trovo qui a rubare una scatoletta di Tic Tac, mi vergogno molto”.

La scatoletta di Tic Tac alla menta finisce sulla scrivania: il prezzo é € 0.75 centesimi.

Nonostante questo, il direttore di nome Valerio non voluto sentire ragioni, ed ha seguito rigidamente il protocollo chiamando la Polizia per denunciare la donna.

 

Arriva la Polizia, dalla macchina scendono 2 agenti di nome Arturo Scongiu e Francesco Console.

Racconta Arturo Scongiu uno dei due agenti:

«quella vecchina indifesa che si scusava e diceva piangendo di non avere i soldi per pagare le mentine tremava come una foglia, ho capito subito che si trattava di una persona che fa fatica ad arrivare alla fine della prima settimana del mese. Le ho chiesto quanto pigliasse di pensione; lei, nascondendosi dietro il mio collega, mi ha risposto 320 euro. Mi ha fatto pena, ho immaginato mia nonna che non ho più, ho aperto il portafoglio e pagato le mentine al direttore».

E il direttore del Pam?
«L’ho chiamato in disparte, c’era tanta gente attorno. Gli ho detto due paroline. A questo punto (eravamo tornati davanti al supermercato) dalle persone che si erano raccolte attorno a noi si è levato un applauso spontaneo, pensa che un signore mi è venuto vicino e mi ha chiesto di poter pagare lui la spesa che la signora Angela aveva fatto: una scatoletta di tonno e del pan carrè».

Il gesto di questa donna di Milano è solo il simbolo di una parte dell’Italia che è ridotta veramente in situazioni economiche drammatiche, in totale dissonanza con il denaro pubblico sprecato e male usato, denaro pubblico che potrebbe essere messo a disposizione di quelle povere persone che non hanno cosa mangiare all’ora dei pasti.

 

FONTI NOTIZIA:Blog di Antonello Zappadu, Corriere della Sera, Tgcom24 e molti altri.

Una riflessione:

I  nostri rispettosissimi governanti, riescono a vedere l’enorme disparità di trattamento, e l’enorme ingiustizia di tutto questo?
Qualcuno guadagna € 90.000 al mese, altri € 300.
Qualcuno ruba Milioni e non succede nulla, Nonna Angela 0,76 centesimi !!!!

MESSAGGIO x LA SIGNORA ANGELA:
Cara nonna Angela, non vergognarti per la tua azione, è la condizione economica che ti hanno riservato che non rispetta la dignità degli anziani. A noi fa più arrabbiare il gesto del Direttore…. non il tuo !
UN GRANDE ABBRACCIO

 

Siamo per la dignità.
FACCIAMO GIRARE QUESTA INGIUSTIZIA. CONDIVIDI.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
19 luglio 2013 5 19 /07 /luglio /2013 15:43

afghanistan mat 3Tra i militari del contingente italiano dispiegati in Afghanistan, ci sono anche loro:sono i militari italiani del Military Advisory Team III. A loro è affidato un compito delicato e difficile allo stesso tempo:supportare ed assistere i militari afgani del 207°corpo d'armata, anche nella pianificazione e conduzione delle operazioni militari. La missione dei militari del MAT III è ormai giunta a metà del suo percorso, durante questo periodo i militari italiani hanno addestrato i militari afgani all'utilizzo dell'artiglieria, alla pianificazione delle operazioni, operazioni che devono essere mirate in modo da non causare vittime tra i civili. I militari del MAT III hanno migliorato le capacità di comando  degli ufficiali afgani. Sotto questo punto di vista è stato molto utile il seminario sulla leadership che si è tenuto nel giugno scorso, e al quale hanno partecipato più di 50 ufficiali afgani del 207°corpo d'armata nonchè militari  dei vari reparti. Di un'importanza davvero rilevante è stato poi il corso CIMIC(Cooperazione Civile Militare)organizzato assieme il PRT di Herat, destinato a ufficiali e sottufficiali della base di Camp Zafar, sede del 207°corpo d'armata. Tra i frequentanti del corso anche la presenza di 23 donne. Durante questo corso, i militari afgani hanno assimilato il metodo di lavoro che è il fondamento di tutte le attività svolte da enti militari ed organizzazioni governative e volto a migliorare le condizioni dell'Afghanistan. Il secondo corso si è concluso alcuni giorni fa ed ha visto coinvolti i militari del Genio, al termine sono stati 19 i militari afgani che hanno conseguito la qualifica di istruttore counter IED. Dal 18 giugno l'esrcito afgano ha il controllo della sicurezza della zona ovest del paese:con questi corsi la sua preparazione è stata notevolmente incrementata e consentirà alle forze militari afgane una sempre maggiore autonomia nelle gestione delle varie operazioni militari in vista del 2014.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
15 luglio 2013 1 15 /07 /luglio /2013 17:38
cagliari salvate il soldato marco diana vittima dell'uranioIl Maresciallo Marco Diana ammalatosi di cancro a causa dell'uranio impoverito contratto nelle missioni all'estero, è rimasto solo a combattere la sua battaglia contro una burocrazia e contro lo Stato che gli negano quei farmaci dei quali necessita per curarsi.          
A novembre o dicembre sarò morto le scorte mi bastano solo per pochi mesi e io non ho neppure i soldi e il tempo per fare causa ai responsabili di questa lenta condanna a morte.La colletta degli amici non è sufficiente. E c'è persino chi mi attacca con delle falsità senza verificare gli atti"ha affermato Marco in un'intervista al quotidiano on line"SaNatzione". E' stato costretto a vendere la casa per continuare a pagare di tasca propria le cure contro il cancro.
Il sindaco di Villamassargia(Ca)ha lanciato un appello all'assessore regionale della sanità per intervenire tempestivamente presso la Asl 7,  per cercare di eliminare gli ostacoli burocratici in modo da garantire al Maresciallo Marco Diana le cure.  Cure che non gli vengono pagate "nonostante tutte le sentenze certfichino questa necessità". Dalla sua bacheca di Facebook, Marco lancia un appello disperato ai tanti italiani che al contrario delle istituzioni, non lo hanno abbandonato e posta un video dal titolo "Marco uno di noi"visibile anche su youtube link  http://youtu.be/iR6gGTE_gdg nel quale i suoi genitori raccontano il dramma di un soldato abbandonato dallo stato.     
"Un qualcosa che non avrei mai voluto farVi vedere , non nascondo la mia vergogna e la mia emozione nel mostrarVi questo servizio ma mi trovo costretto , in alternativa muoio nel buio, il buio di un paese che non protegge i propri servitori ...    
in divisa : SOLDATI usa getta ammalati e morti per aver adempiuto al meglio delle nostre possibilita' e con dignita' al nostro credo verso il POPOLO ITALIANO, la la nostra famiglia e il TRICOLORE . Lo stato e' il grande elemosiniere , una entita' che non ha rispettato gli accordi morali, civili e assistenziali , che ha fortificato il mio CREDO , usandolo , prendendo la mia vita e buttandola come un fazzolettino di carta sporco . Mi domando se i rappresentanti delle istituzioni credono nei valori dello Stato cioe' NOI ? Nonostante tutto...... V I V A L' I T A L I A e il P O P O L O per il quale abbiamo dato la vita e non c'e' ne pentiamo".
Il Vs M.llo Marco Diana
 
 
Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
13 luglio 2013 6 13 /07 /luglio /2013 16:35

Erano le ore 14.15 locali(le 11.45 italiane) quando una pattuglia di militari italiani della TSU-S era impegnata in un'operazione di controllo di un'area ostile, dove in passato si era già verificato un attentato. I militari si trovavano a circa 10 km da Bala Balouk, nella provincia di Farah,quando  all'improvviso c'è stata l'esplosione di un ordigno proprioafghanistan militare italiano ferito da esplosione ordigno vicino alla pattuglia, uno dei militari è rimasto ferito al viso ed è stato subito trasportato all'ospedale da campo di Farah per precauzione. Le sue condizioni non sono gravi. Dall'ospedale ha potuto avvisare lui stesso i famigliari su quanto accaduto. Nel frattempo la pattuglia ha portato a termine la sua missione.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
11 luglio 2013 4 11 /07 /luglio /2013 15:26

L'inaugurazione di un campo sportivo, non è certo un evento da poco in Afghanistan:"Lo sport è un momento di aggregazione collettiva che aiuta la socializzazione e assicura un miglioramento delle condizioni fisiche dei più giovani. Le nuove generazioni hanno il diritto di di giocare, socializzare ed abbattere ogni barriera attraverso lo sport per costruire insieme un nuovo e pacifico Afghanistan": queste le parole del Comandante della TSU-C(Transition Support Unit Center),il Colonnello Stefano Mega, durante l'inaugurazione di un campo sportivo vicino al villaggio di Momgolan-e-Now vicino a Shindand. Il campo è stato costruito dai militari del contingente italiano in collaborazione con i militari afgani. La sua inaugurazione è avvenuta nei giorni scorsi durante una breve cerimonia alla quale era presente anche il capo del villaggio(elder)Haj Nabi Khan, e i militari italiani e afgani. Al termine della cerimonia, i militari hanno povveduto a distribuire 50 completi sportivi e 20 palloni per giocare a calcio ai ragazzi del villaggio."Attività come quella odierna sono possibili grazie al miglioramento delle condizioni di sicurezza dell'area che le forze di sicurezza afgane hanno garantito e dovranno continuare a garantire nel prossimo futuro"ha affermato il Colonnello Mega prima di fare rientro alla Fob"La Marmora"sede della TSU-C. Perchè la pace si può costruire anche con un campo sportivo e dei ragazzi finalmente liberi di correre dietro ad un pallone ed al loro sogno di libertà.col.mega shindand

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
8 luglio 2013 1 08 /07 /luglio /2013 17:40
india i 2 marò devono essere liberati,l'inchiesta di TonyI due fucilieri del S.Marco Salvatore Girone e Massimiliano Latorre detenuti in India ormai da più di un anno, con l'accusa di avere ucciso due pescatori indiani, sono innocenti. Lo dimostra un'inchiesta con un'accurata riscostruzione dei fatti effettuata dal giornalista Tony Capuozzo. Una ricostruzione della quale dovrebbero tenere conto i vertici militari, gli avvocati e lo Stato che nonostante le tante rassicurazioni sulla sorte dei due marò sembrano averli dimenticati in India. I due marò si trovano a combattere contro i continui rinvii di un processo che forse si farà ad ottobre o novembre o forse chissà quando. Nella ricostruzione di Capuozzo, che si è avvalso anche della collaborazione dell'ingegnere Luigi di Stefano, già parte civile nel processo di Ustica, lo scenario ipotizzato è il seguente: è il 15 febbraio del 2012, tra le 16.00 e le 16.30 ora indiana, la nave Enrica Lexie viene avvicinata da un'imbarcazione sospetta. A bordo il team di fucilieri della Marina dato che non ha ricevuto nessuna risposta alle segnalazioni luminose ed acustiche, spara alcuni colpi di avvertimento in acqua. L'imbarcazione sospetta si allontana. Dalla Lexie, il comandante Vitelli lancia l'allarme SSAS, avvisando anche la Guardia Costiera Indiana. Alle 23.30 il peschereccio S.Anthony rientra in porto  con a bordo i corpi dei due pescatori indiani. Risultano uccisi da colpi d'arma da fuoco. Il comandante Bosco(del peschereccio St.Anthony) afferma che l'incidente è avvenuto alle 21.30 e allerta la Guardia Costiera Indiana. Sono le 21.36 quando la Guardia Costiera indiana ordina alla Lexie di fare rientro al porto di Kochi, e i due fucileri del S.Marco vengono arrestati. All'improvviso spunta una nave greca:è la Olympic Flair che comunica all'IMO(Organizzazione Marittima Internazionale) di essere stata attaccata da due imbarcazioni pirata, di non avere subito danni e si allontana. Quindi secondo la ricostruzione alle 21.30, nell'oscurità più completa, la nave greca viene attaccata da una nave pirata. Lì vicino c'è anche il peschereccio St. Anthony che viene scambiato dalla nave greca  proprio per un'imbarcazione pirata. In pratica il peschereccio viene a trovarsi tra le due navi e viene colpito secondo la ricostruzione, da colpi sparati dalla nave greca. La dimostrazione di questo, sono i colpi che sono andati a conficcarsi sulle fiancate del peschereccio:la loro traiettoria non è inclinata ma quasi orizzontale:proprio come succede quando si spara dall'alto di una nave più alta verso un'imbarcazione più bassa. Chi è stato a sparare dalla mave greca? Secondo fonti greche a bordo della Olympic Flair, c'era un team di contractors ma erano disarmati. Se  fossero stati armati, avrebbero avuto in dotazione armi con il calibro della NATO. La ricostruzione dimostra come si sarebbero realmente svolti i fatti. Perchè nessuno la tiene in considerazione come ulteriore prova per la dimostrazione dell'innocenza dei due marò? Perchè si sta lasciando passare il tempo senza fare nulla di realmente concreto per la loro liberazione? Ancora una volta per i due marò la parola d'ordine sembra essere:aspettare.
Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento