Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
12 marzo 2013 2 12 /03 /marzo /2013 19:12

afghanistan-passaggio-di-consegne-al-pat-2.jpgIl Tenente Colonnello Salvatore Demontis ha ceduto al Tenente Colonnello Gianluca Feroce, anche lui del 1°Reggimento Paracadutisti Tuscania il comando del Police Advisor Team(PAT). La cerimonia si è svolta ieri presso la base di Camp Arena a Herat. Ma cos'è il PAT? Il PAT è un'unità del Regional Command West che supporta e affianca l'attività della polizia afgana durante le operazioni sul terreno,  in questo delicato processo di transizione. Il team del PAT è composto da Carabinieri del Tuscania, dal 7°Reggimento Alto Adige, dal 13°Reggimento Friuli Venezia Giulia e dai militari di vari reparti dell'Esercito. Questi militari hanno il compito delicato di contribuire allo sviluppo della professionalità della polizia afgana nella regione che si trova sotto il controllo del contingente italiano su base Brigata Alpina Taurinense, al comando del Generale Dario Ranieri. Oltre a questa attività, il PAT è impegnato anche nell'attività di assistenza alla popolazione afgana e in altri progetti, come ad esempio la realizzazzione di una palestra, da poco inaugurata a Herat presso la sede della polizia afgana. In questi mesi il PAT, al comando del Tenente Colonnello Demontis ha organizzato e svolto simposi con la finalità di accrescere le capacità tecnico professionali degli operatori della polizia afgana e dei loro istruttori. Il primo di questi simposi si è svolto a gennaio, e ha ha avuto come argomenti i diritti dell'uomo, l'uso della forza, la realizzazzione di posti controllo mobile. A febbraio invece, in un altro simposio si è trattato di altri argomenti come l'investigazione sulla scena del crimine, le tecniche di arresto e di interrogatorio. Un lavoro molto delicato e rischioso, quello che viene svolto ogni giorno con grande professionalità dai militari italiani: il pericolo è sempre dietro l'angolo. Spesso è rappresentato da infiltrati talebani tra i ranghi della polizia e dell'esercito afgano che indossano un'uniforme "amica".

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
11 marzo 2013 1 11 /03 /marzo /2013 18:04

maro-10.jpgEra la notizia che tutta l' Italia aspettava:dopo oltre un anno Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i 2 fucilieri del S.Marco detenuti in India e attualmente in licenza per votare alle elezioni politiche, non dovranno rientrare in India al termine della licenza. L'annuncio è stato fatto dal Ministro degli Esteri Giulio Terzi:"Restano in Italia, l'India viola il diritto internazionale." I due marò del S.Marco avrebbero dovuto fare rientro in India, come era già successo a Natale al termine della loro licenza, per essere giudicati da un Tribunale indiano circa l'accusa nei loro confronti di avere ucciso 2 pescatori indiani. "Lo apprendo adesso, devo fare le mie verifiche"queste le parole della moglie di Salvatore Girone all'ANSA, nell'apprendere la notizia. Dal canto suo, il Ministro degli Esteri ha affermato che:"L'Italia ha sempre ritenuto che la condotta delle autorità indiane violasse gli obblighi del diritto internazionale(...)". In una nota dell'ambasciatore italiano a New Delhi, Daniele Mancini, si afferma che:"L'Italia ha ribadito la propria disponibilità di giungere ad un accordo per una risoluzione delle controversie, anche attraverso un arbitrato internazionale o una risoluzione giuridica." Ma il fatto più importante è che i 2 fucilieri resteranno in Italia: dopo oltre una anno di tira e molla con il governo indiano, di continui rinvii dell'Alta Corte indiana del processo a carico dei due militari, dopo  i tanti misteri e i punti pochi chiari della perizia indiana e di alcune prove sparite. Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non dovranno tornare in India. Ma c'era davvero bisogno di far passare più di un anno per arrivare a questa decisione?

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
11 marzo 2013 1 11 /03 /marzo /2013 16:12

afghanistan-militari-usa5.jpgE' successo di nucvo e purtroppo succederà altre volte, perchè gli attacchi da parte dei talebani che indossano l'uniforme afgana sono i più imprevedibili. Stamattina alcuni talebani che indossavano l'uniforme delle forze di sicurezza afgane hanno fatto fuoco contro un gruppo di militari del contingente ISAF e delle forze di sicurezza afgane. Il bilancio, purtroppo provvisorio, è di 5 morti: almeno due militari americani e tre agenti della polizia afgana sono rimasti uccisi e ci sono numerosi feriti. L'attacco è avvenuto nel distretto di Jarlez a Wardack, a sud est di Kabul. E' stata aperta un'inchiesta sull'accaduto.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
10 marzo 2013 7 10 /03 /marzo /2013 18:11

afghanistan-militari-sardi-consegnnao-aiuti-a-popo-copia-1.jpgC'è anche un pò di Sardegna in Afghanistan, tra i militari del contigente italiano ci sono infatti dei militari sardi. Sono di stanza a Herat, presso la Base di Camp Arena. Ahmad, un ragazzo afgano che lavora presso la lavanderia della base, doveva operarsi ad un piede ma non aveva le possibilità. Quell'intervento chirurgico è stato reso possibile grazie ai 500 euro raccolti  dai soci del corcolo"Alessandro Pibiri"(Primo Caporal Maggiore originario di Selargius(Ca) caduto in missione a Nassirya nel 2003). Il circolo è diretto da Giorgio Orgiu è operativo dal 2008, e in questi ultimi mesi con i fondi raccolti, i militari sardi hanno potuto consegnare aiuti e generi di prima necessità alla popolazione afgana, ma anche una tv un lettore dvd, dei dvd di documentari al carcere femminile di Herat. L'attività dei militari sardi non si ferma, continuerà anche dopo il passaggio di consegne. Altri militari sardi arriveranno per la loro missione e porteranno oltre agli aiuti umanitari, anche un pezzo di Sardegna in Afghanistan.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
7 marzo 2013 4 07 /03 /marzo /2013 18:21

afghanistan-per-ileoni-del-s.marco-missione-quasi-compiuta.pngPer sei mesi hanno lavorato fianco a fianco con le forze di sicurezza afgane. Sono i 25 Leoni del Reggimento S.Marco del MAT 2, di stanza a Bala Balouk. Il MAT è il Military Advisor Team che affianca i vari comandanti delle forze di sicurezza afgane durante le loro operazioni. Il Capitano di Corvetta Giuliano Piliego è al comando di questo importantississimo Team. Il loro motto è"per mare, et terram"anche se in Afghanistan il mare è rappresentato dal deserto. Questi Leoni del S.Marco hanno addestrato i militari afgani, che in un futuro non molto lontano diventeranno gli istruttori dei loro commilitoni. Hanno inoltre organizzato vari corsi, come i corsi di topografia, per i militari del 6° Kandak della 2aBrigata dell'esercito afgano."Noi amiamo gli italiani e siamo contenti che siano qui"queste le parole del Tenente Colonnello Mohamad Arif Khoan, Comandante del 6° Kandak a Bala Balouk."Con gli uomini del Reggimento S.Marco c'è uno stretto rapporto di collaborazione, ho molto apprezzato l'istituzione di corsi di formazione rivolti ai nostri ufficiali". I 25 Leoni del S.Marco hanno insegnato ai militari afgani come si legge una mappa, si stimano le distanze, l'orientamento ma anche la manutenzione delle armi e come si usa il mortaio. Sono stati organizzati anche dei corsi di medicina da combattimento per lo staff dell'esercito afgano. Corsi organizzati dal Primo Maresciallo Vincenzo Marrazzo, infermiere di bordo sul sommergibile Todaro. Questi corsi sono terminati poi con la fase pratica,  che si è svolta presso il posto medico avanzato della Fob di Tobruk. Tra pochi giorni la bandiera della Marina Militare non sventolerà più:sarà quello il segnale di "missione compiuta"per questi 25 Leoni del S.Marco. Dopo sei mesi potranno fare rientro in Italia e riabbraciare le loro famiglie.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
6 marzo 2013 3 06 /03 /marzo /2013 18:38

afghanistan-afgani-cercano-di-forzare-posto-di-blocco-itali.jpgGiornata ad alta tensione per i militari del contingente italiano. Dopo l'esplosione di uno IED avvenuto stamattina, che ha provocato il ribaltamento di un Lince eil ferimento di 2 militari italiani e dell'interprete afgano, questo pomeriggio, due afgani a bordo di un' autocisterna, hanno tentato di forzare un posto di blocco italiano. La zona era presidiata dai militari italiani che stavano effettuando le operazioni di recupero del Lince rimasto coinvolto nell'esplosione di stamattina. Un'autocisterna si è avvicinata a velocità elevata al posto di blocco italiano. I militari preposti hanno immediatamente messo in atto tutte le procedure di sicurezza che si adottano in questi casi:colpi al motore, colpi in aria, segnali luminosi ed acustici. L'autocisterna ha terminato la sua corsa. Il conducente è rimasto ucciso, mentre un secondo uomo è stato visto scendere dal veicolo per allontanarsi di fretta. Sull'accaduto stanno indangando le autorità competenti.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
6 marzo 2013 3 06 /03 /marzo /2013 12:49

afghanistan-feriti-2-militari-italiani-nell-esplos-copia-1.jpgIl convoglio di nove Lince con a bordo dei militari italiani del Military Advisor Team del personale dell'Esercito e di un plotone della Compagnia di Alpini di stanza a Bala Balouk, stava passando sulla strada che collega Bala Balouk a Shewan, nella provincia meridionale di Farah. Erano le ore 08.50 locali (le 05.20 in Italia), quando c'è stata l'esplosione di uno IED che ha investito uno dei Lince che si è ribaltato. Due militari e un interprete afgano sono rimasti feriti. Sono stati prontamente soccorsi dagli altri militari della pattuglia e poi evacuati all'ospedale da campo USA di Farah, dove si trovano ricoverati per delle feriti alle gambe e alla braccia, le loro condizioni non sono gravi. I loro familiari sono stati avvertiti sull'accaduto. Il convoglio era diretto al distretto di polizia di Shewan, qui infatti il team di militari italiani è impegnato nel supporto e nell'addestramento  delle forze di polizia afgane.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
4 marzo 2013 1 04 /03 /marzo /2013 18:43

afghanistan-un-giorno-di-pattugliamento-con-gli-Alpini.pngDietro ogni inaugurazione di scuole o ospedali nei villaggi più remoti dell'Afghanistan, c'è un minuzioso lavoro di preparazione. Scuole e strutture sanitarie vengono costruite dal PRT e dal Cimic Detachment, con il supporto della 3°Reggimento Alpini. Sono infatti gli Alpini, che garantiscono la sicurezza alle squadre del PRT e del Cimic. Gli uomini del PRT infatti devono spostarsi su un terreno pieno di insidie, di strade polverose dove potrebbero essere nascosti i micidiali IED. Come racconta il Capitano Luca del Sole, Comandante della 34^Compagnia del 3°Reggimento Alpini alla Stampa.it, l'attività degli Alpini inizia all'alba, presso la base di Herat. E' qui che prima di partire per effettuare il sopralluogo sull'andamento dei lavori di costruzione di scuole o sopedali si svolge il briefing. I genieri e gli Alpini avranno il compito di controllare che le strade che siano sicure. I Lince si muovono sul terreno controllando le strade, i militari si assicurano che non ci sia la presenza di IED sulla strada che porta al villaggio di Obeh, dove verrà effettuato il sopralluogo. Il viaggio degli Alpini sui Lince dura sei ore e il pranzo che è la razione K, viene mangiato a bordo dei blindati. Una volta raggiunto il luogo adatto, i blindati si dispongono a triangolo, le armi di bordo vengono rivolte verso l'esterno. Iniziano i turni di guardia durante la notte. L'indomani il convoglio riparte all'alba, in direzione del villaggio di Serwan dove si sta costruendo un centro di accoglienza. I lavori sono a buon punto. Il sopralluogo viene effettuato dal Tenente Di Gesù, lo specialista del Multinational Cimic Group. Gli Alpini consegnano medicine e coperte al direttore che gestisce l'ambulatorio. I militari proseguono poi verso il villaggio di Mosafaran, anche qui i lavori della costruzione della scuola sono a buon punto, e presto i bambini potranno frequentare le lezioni. Gli Alpini si intrattengono anche  a parlare con il capo locale della polizia per informarsi su come sia la situazione nella zona. Segue poi il rientro alla base  di Herat , la colonna dei Lince si rimette in marcia. La parola d'ordine è stare sempre all'erta, il pericolo può nascondersi ovunque.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
1 marzo 2013 5 01 /03 /marzo /2013 19:02

afghanistan-la-brigata-julia-parte-in-missione3-copia-1.jpg Oggi Udine ha salutato la Brigata Julia in partenza per l'Afghanistan:sarà schierata ad Herat e sarà alla guida del Rc-West. La sua missione durerà sei mesi, durante i quali collaborerà sul terreno assieme ai militari dell'esercito afgano. Con la Brigata ci sono anche due unità di manovra e molti assetti specialistici. La Julia è al comando del Generale Ignazio Gamba, sotto il suo comando ci sono i militari di dieci nazioni, in tutto 5.500 militari dei quali 3.000 sono italiani. La cerimonia di saluto si è svolta oggi presso la Caserma Pio Spaccamela, sede del Reparto Comando e Supporti Tattici a Udine, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, del Generale di Corpo d'Armata Graziano e delle autorità civili. La Julia aveva già partecipato alle missioni in Afghanistan nel 2008 e nel 2010. Prima di partire in missione i militari hanno affrontato un duro addestramento durato sei mesi. Lo schieramento dei vari reparti sarà portato a termine nelle prossime settimane, periodo durante il quale ci sarà il passaggio di consegne con la Brigata Taurinense. La Brigata Julia che è una delle grandi unità specializzate per il combattimento in montagna e ha un glorioso passato alle  spalle:partecipò infatti alla spedizione in Russia durante la seconda guerra mondiale, spedizione raccontata dall'ufficiale medico Giulio Badeschi nel famoso libro"Centomila gavette di ghiaccio".

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
1 marzo 2013 5 01 /03 /marzo /2013 16:41

    afghanistan amx italianiLe due antenne radio utilizzate dai talebani per le loro comunicazioni, erano state individuate nella zona del Gulistan alcuni giorni fa dagli esperti della Joint Air Task Force. Le loro immagini erano state rilevate durante una ricognizione aerea mediante il POD Reccelite(un sistema di ricognizione tattica in dotazione agli Amx del Task Group"Black Cats"). L'operazione è stata portata a termine brillantemente:le due antenne radio sono state distrutte dagli Amx dell'Aeronautica Militare Italiana. Durante l'operazione oltre agli Amx, sono entrati in azione anche dei velivoli Predator ED EC 27J "Jedi"che hanno effettuato una ricognizione della zona allo scopo di evitare danni collaterali e l'inibizione di eventuali attivazioni di ordigni esplosivi. Un Chinook 47 e un Mangusta hanno provveduto inoltre al trasporto e alla scorta del team che da terra ha diretto l'operazione degli Amx. Amx che sono stati riforniti in volo da un KC 135 americano. Gli Amx italiani sono schierati a Herat da circa un anno, e nei giorni scorsi sono entrati in azione anche nella zona di Farah, per fornire copertura ad un convoglio delle forze di sicurezza afgane e di militari italiani della Transition Support Unit, che sul terreno stavano contrastando l'azione di un gruppo di"insurgents"che li avevano attaccati da una collina.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento