Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
3 marzo 2012 6 03 /03 /marzo /2012 14:53

Sono stati trovati i 5 militari USA responsabili del rogo di alcune copie del Corano ritrovate all'esterno della base di Bagram tra la spazzatura.afghanistan-trovati-i-5-militari-USA-responsabili-rogo-cora.jpg Saranno rimpatriati e i loro nomi non verranno resi noti e non verranno sottoposti alle punizioni e al processo che sono stati richiesti per loro dagli afgani. I 5 militari sono stati individuati nel corso dell'inchiesta dagli investigatori che sono stati nominati dal Generale John R.Allen Comandante dell'ISAF. Si è scoperto che le copie del Corano erano state prese da una prigione situata all'intero della base di Bagram dato che al loro interno erano stati trovati dei messaggi di estremisti islamici.I libri in un primo mometo sono stati messi un un ufficio, poi essendo scambiati per spazzatura sono state portati in una discarica della base dove poi sono state scoperte da alcuni operai afgani. Gli operai afgani hanno scoperto  che quei libri erano in realtà copie del Corano e che stavano bruciando. Le conseguenze di questo rogo le hanno pagate altri 6 militari USA uccisi dagli afghani per rappresaglia, oltre ai tanti feriti e i morti in questi giorni di rivolta degli afgani. La situazione rimane sempre tesa in tutto il paese.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
2 marzo 2012 5 02 /03 /marzo /2012 15:07

roberto-marchini.jpg"All'alba del 13 luglio 2o11 il Caporal maggiore scelto Roberto Marchini non si è presentato alla cerimonia dell'alzabandiera.Con fare umile,tenace e silente egli ha donato la propria esistenza ai più elevati ideali della Patria e della libertà. Possano i caduti d'altri tempi,riservare nel cielo d'eroi,c e li ospita,uno spazio speciale per questo grande Guastatore dei giorin nostri". Questa la preghiera che è stata recitata l'altro giorno dal Capellano militare presso la Fob "Lavaredo" di Bakwa sede della Task Force South East del Rc-West su base Reggimento S.Marco, in ricordo del Caporal maggiore scelto Roberto Marchini in forza all'8°Reggimento Guastatori Paracadutisti, caduto il 13 luglio 2o11 a 28 anni, mentre cercava di disinescare uno IED durante la sua missione in Afghanistan. La cerimonia per l'inaugurazione del monumento a Roberto Marchini è stata voluta dai fanti della Marina che tra pochi giorni porteranno a termine la loro missione e rientreranno in Italia. Il monumento è stato realizzato dai Guastatori della 3a Compagnia del 5°Reggimento Genio Guastatori della Brigata Sassari. Alla breve cerimonia erano presenti tutti i militari che non erano di servizio ed essa  si è conclusa con le preghiera del Guastatore e del Marinaio e con una preghiera dedicata al Roberto Marchini. Un momumento e una preghiera per non dimenticare un soldato caduto per la Patria. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
1 marzo 2012 4 01 /03 /marzo /2012 18:34

AFGHANISTAN-2-MILITARI-USA-UCCISI-DA-AFGANI.jpgDue militari USA sono stati uccisi da 2  afgani come atto di rappresaglia per le copie del Corano incenerite, rinvenute tra la spazzatura all'esterno della base americana di Bagram. Il fatto è avenuto all'interno di una postazione NATO  nel distretto di Zhary, nei pressi di Kandahar. Uno dei due afgani a quanto pare è un civile, che è riuscito a strappare l'arma al militare americano aprendo il fuoco e uccidendo i 2 militari USA, mentre l'altro afgano è un uomo che indossava un'uniforme dell'esercito. La tensione nel paese non si allenta e i nemici più pericolosi da fronteggiare per i militari USA e le truppe ISAF in generale, sono afgani infiltrati che indossano un'uniforme amica, quella dell'esercito afgano, oppure quegli stessi soldati afgani che vengono addestrati dal contingente ISAF. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
29 febbraio 2012 3 29 /02 /febbraio /2012 19:11

afghanistan-attaccato-convoglio-nato-sette--feriti2.jpgUn kamikaze a bordo di un auto si è scagliato  contro dei veicoli non militari del PRT a Lashkargah nella provincia dell'Helmand. Sette i feriti nell'esplosione, tra i quali due bambini e un poliziotto afgano. L'attacco non ha causato alcuni danni al convoglio nonostante la forte esplosione. Resta sempre alta la tensione in tutto il paese dopo il rogo delle copie del Corano, i talebani appaiono più che mai motivati a riprendere il controllo di alcune zone del paese.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
28 febbraio 2012 2 28 /02 /febbraio /2012 17:59

Morirelince vtlm di"Lince"in missione in Afghanistan. L'ultima volta è successo il 2o febbraio scorso,3 soldati italiani hano trovato la morte nel ribaltamento del Lince in un fiume. Non è la prima volta che succede.Se ne parla poco delle morti da"Lince". Intervistato su come mai il "Lince" potrebbe ritenersi pericoloso, un Maresciallo dell'Esercito che chiameremo Mario, in esclusiva per lasottilelinearossa, parla della pericolosità di questo blindato.  "Ciao, io sono un Maresciallo, nell'esercito da ormai 30 lunghi anni e di mezzi schifosi e inutili acquistati solo per salvare qualche ditta Italiana che stava fallendo o per qualche appalto compiacente ne ho visti a bizzeffe!Si và dal defender 90, all'ariete (carro armato che è costato allo stato fior di miliardi quando si potevano avere i leopard 2 alla metà della metà del prezzo!) per passare ai dardo, mezzi a cui devi lasciare il portellone dietro aperto se no la condensa rovina gli strumenti!!! Cose impensabili, soldi gettati al vento senza motivo apparente! E così arriviamo al VTLM o lince che si voglia chiamare, ho l'abilitazione per guidarlo da ormai 4 anni circa e posso dichiarare senza dubbio di smentita che il mezzo è pericolossimo!Molte volte comunque gli incidenti sono dovuti anche da imperizia di chi guida. Certo se uno lo guida a 20 KM all'ora per strada sicuramente problemi non ne provoca ma se in zona d'operazione hai bisogno di farlo correre o per disimpegnarsi in qualche situazione strana, beh lì iniziano i problemi. C'è da dire innanzitutto che il lince è nato come mezzo non blindato che pesava inizialmente 3 ton. circa, ma poi è stata aggiunta la blindatura e il peso è lievitato a 7 ton. e qualcosa e quì viene il bello, perchè una volta appesantito non è stato migliorato nè l'impianto frenante, nè quello degli ammortizzatori, nè il cambio e tantomeno rinforzato il motore! Viene da sè, anche a uno che di meccanica non ci capisce niente che il mezzo non avendo nessun tipo di freno elettro magnetico o retarder o freno motore qualsiasi, è costretto ad affidarsi unicamente all'impianto frenante che in discesa, specialmente, o in velocità tendono ad andare in crisi, il cambio è sottodimensionato e sempre sottosforzo, il motore idem ma il problema più grande si verifica sui trasferimenti di carico del mezzo, sterzando di colpo da destra a sinistra o al contrario durante la marcia, si verificano delle imbarcate paurose e molto ma molto pericolose, viene da sè che se devi scansare un ostacolo improvviso, rischi il capottamento del mezzo!!! Ultime 2 chicche, tutte le centraline elettroniche che controllano il buon funzionamento dell'elettronica sono di una fantomatica ditta tedesca!!! e sono sempre incasinate. E in Italia abbiamo la Magneti Marelli leader del settore, ma per finire  secondo me la cosa più bella sù di un mezzo blindato, antimina, antibomba a mano....è l'uomo in ralla!!! mah a capirci qualcosa....distinti saluti
P.S. tutti quelli che hanno guidato un lince in vita loro sono al corrente dei suoi difetti, chi li vuol vedere naturalmente. Una testimonianza davvero importante quella del Maresciallo Mario che fa riflettere.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
27 febbraio 2012 1 27 /02 /febbraio /2012 17:02

Perchè il governo e la diplomazia italiana ci stanno mettendo cosi tanto tempo per liberare i 2 marò del Reggimento S.Marco sequestrati in India perchè sospettati di avere ucciso dei pescatori indiani?INDIA-quegli-elicotteri-di-finmeccanica-venduti-agli-indian.jpg E' la domanda che in questi giorni si fanno tanti italiani. Forse una spiegazione c'è. Secondo quanto riporta oggi il"Messaggero"il Ministero della Difesa indiano sarebbe alquanto preoccupato per le indagini effettuate dalla Procura di Napoli dai PM Pscitelli e Woodcock sulle attività delle aziende di Finmeccanica e sui sospetti di corruzione. Sempre secondo quanto riportato dal"Messaggero"poco più di un mese fa, la Selex Sistemi Integrati ha chiuso un redditizio appalto a Kochi in India. La magistratura indiana starebbe indagando sul caso di presunta corruzione nella vendita di 12 elicotteri AGUSTA Westland 1o1, modello VIP, adibiti al trasporto di importanti membri del governo indiano. C'è poi un contratto da 1 miliardo di euro che è stato firmato nel 2o1o da Agusta a capo della quale c'era Orsi  che oggi è Presidente e Amministratore Delegato di Finmeccanica. In pratica gli indiani vorrebbero vederci chiaro e verificare che non ci siano irregolarità e corruzione nel contratto firmato tra Agusta e Indian Force nel 2o1o eliminando la concorrenza americana che partecipava a quell'appalto. L'ex direttore generale delle relazioni esterne di Finmeccanica, Lorenzo Borgogni è stato interrogato a novembre dalla magistratura napoletana. Dai suoi interrogatori emergerebbe che gli appalti come le nomine nelle aziende dipendenti da Finmecanica sarebbero stati pilotati, arrivando a far lievitare il valore stesso degli appalti, pare inoltre che ci fosse anche un fondo creato ad hoc per pagare i politici dei vari paesi. Il legame tra la Finmecanica e gli indiani è molto stretto, infatti oltre agli elicotteri, la Selex (che dipende da Finmeccanica)ha provveduto alla fornitura di radar navali per le portaerei della Marina Indiana di Kochi, inoltre la Finmeccanica ha fornito sistemi di comando e di controllo per le fregate, i sistemi di controllo per vari aeroporti indiani  e i radar. Gli indiani vogliono vederci chiaro in questa storia di appalti e presunta corruzione e la conseguenza  è che  intanto i marò restano in India. Su Facebook  intanto continua la mobilitazione della gente per riportare a casa i due militari con la creazione di tanti gruppi a loro dedicati. "Liberateli subito"è il grido di protesta di tanti italiani.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
26 febbraio 2012 7 26 /02 /febbraio /2012 16:30

afghanistan-7-feriti-in-lanci-di-granate-contro-base-usa4.jpgSituazione sempre più fuori controllo in Afghanistan dopo il rogo delle copie del Corano. A nulla sono serviti gli appelli alla calma del presidente Karzai, e le scuse di Obama e del Ministero del Difesa. Poche ore fa 7 militari american sono rimasti feriti a causa di lanci di granate contro la base NATO di Imam Sahib, nella provincia di Kunduz. Alcune fonti parlano  anche di un militare americano morto ma non c'è la conferma. L'attacco contro la base NATO è avvenuto durante le manifestazioni di protesta in seguito al rogo di alcune copie del Corano rinvenute tra i rifiuti all'esterno dellla base USA di Bagram."I manifestanti hanno lanciato una granata che ha ferito 7 soldati delle forze speciali" queste le parole del portavoce della polizia di Kunduz, Sayed Sarwar Hussaini. La violenza ormai dilaga in quasi tutte le province dove si è scatenata una vera e propria caccia allo straniero, la popolazione afgana è fomentata dai mullah e ieri 2 consiglieri militari USA sono stati uccisi in un attentato rivendicato dai talebani. Salgono a 29 i morti nelle proteste e ci si chiede come e se davvero si possa porre fine a questa situazione e a questa violenza ormai fuori controllo. Ci si chiede se davvero gli americani abbiano potuto bruciare delle copie  del Corano e si aspettano i risultati dell'inchiesta che dovrà fare luce sull'accaduto. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
24 febbraio 2012 5 24 /02 /febbraio /2012 18:45

Ieri con un'operazione molto complessa, i militari italiani del RC-West su base Brigata Sassari, hanno portato in salvo 14 poliziotti afgani dell'Afghan National Police, che da giorni erano rimasti bloccati a causa del maltempo nella provincia di Ghor.afghanistan-militari-italiani-salvano-poliziotti-afani-dal-.jpg La zona di Ghor che è una delle zone più remote del paese, si trova sotto la responsabilità del contingente italiano, ed è molto difficile da raggiungere. I poliziotti erano isolati là da 4 gorni senza più viveri e nemmeno un riparo, dopo essersi messi in contatto con l'ISAF per richiedere aiuto sono stati tempestivamente soccorsi dai militari italiani, anche se putroppo uno dei poliziotti era già deceduto. I militari hanno provveduto inoltre a distribuire viveri e generi di prima necessità alla popolazione stremata dal maltempo di quello che resta uno degli inverni più rigidi in assoluto per Questo paese."Soffriamo per la perdita di uno dei nostri fratelli afgani,ma al contempo siamo grati per aver avuto l'opportunità di assistere gli altri 13 intrappolati in una situazione critica" queste le parole del Generale John R.Allen, Comandante dell'ISAF su quanto accaduto.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
23 febbraio 2012 4 23 /02 /febbraio /2012 20:03

Continuano le proteste in Afghanistan dopo il rinvenimento di alcune copie del Corano bruciate tra i rifiuti all'esterno della base americana di Bagramafghanistan-uccisi-2-militari-usa-nella-rivolto-co-copia-1.jpg. ll  bilancio è di 21 feriti e 5 afgani morti ai quali si aggiungono i 2 militari USA uccisi oggi. I due militari sono stati uccisi da forze di sicurezza afgane durante un incidente avvenuto nel corso delle rivolte che sono in corso in molte zone del paese. I due militari sono stati uccisi nel distretto di Khygani nella provincia di Nangahar."Era in corso una protesta davanti ad una base militare ed un agente della polizia afgana ha sparato contro le truppe straniere, ucidendo due soldati" ha affermato un ufficiale della sicurezza"sembra che li abbia uccisi per vendetta dopo la vicenda delle copie del Corano bruciate". La notizia dell'uccisione dei 2 militari americani è stata confermata anche dall'ISAF tramite il Capitano Justin Brockhoff che affermato che"un individuo con indosso un uniforme dell'esercito afgano ha aperto il fuoco contro soldati di ISAF nell'Afghanistan occidentale uccidendone due". Intanto oggi è il terzo giorno di proteste e i talebani tramite un comunicato hanno esortato gli afgani a colpire le basi militari e i convogli delle forze di invasione. 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
22 febbraio 2012 3 22 /02 /febbraio /2012 18:43

Situazione ad alta tensione in Afghanistan. L'ambasciata USA a Kabul è  stata chiusa,i funzionari rimasti bloccati al suo interno tramite Twitter hanno inviato messaggi agli altri funzionri rimasti all'esterno dell'edificio in modo da mettersi in salvo, mentre migliaia di persone sono scese nelle strade al grido di"Morte all'America,morte a Karzai" a manifestare la loro rabbia contro le le forze della coalizione internazionale.  Tre i morti acertati e almeno 21 le persone ferite. La rivolta che si sta estendendo anche ad altre zone come Shinwar, Jalalabad ed Herat, è stata causata dal ritrovamento tra i rifiuti all'esterno della base aerea di Bagram,  di alcune copie del Corano bruciate da alcuni militari americani.afghaistan-popolazioe-in-rivolta-per-copie-corano-bruciate2.jpg Ieri migliaia di afgani inferociti muniti di fionde e bombe molotov hanno manifestato davanti ai cancelli della base di Bagram, inoltre  èstato appicato un incendio ad un compound sede di lavoro di contractors stranieri che è andato quasi completamente distrutto. Intanto gli USA corrono ai ripari: il Capo dell'ISAF John Allen  ieri ha chiesto scusa agli afgani"Sentite scuse al nobile popolo afgano"è stato il suo messaggio, che evidentemente non è riuscito a placare gli animi. E' sceso in campo anche il Ministro della Difesa USA,Panetta,  annunciando che verrà aperta un'inchiesta su quanto accadutoMa cosa è veramente accaduto? Ci si chiede come sia stato possibile che dei militari americani abbiano bruciato delle copie del Corano, il testo sacro dei musulmani non pensando alle conseguenze del loro gesto. L'inchiesta dovrà chiarirlo davvero al più presto.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento