Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
26 marzo 2011 6 26 /03 /marzo /2011 19:09

immigarto-africano-1.jpgLampedusa ed i suoi abitanti alle prese con una situazione sempre più drammatica, culminata ieri con   una vera e propria rivolta dei profughi anche per i ritardi nella consegna dei pasti e della mancanza di acqua. Ma d'altronde la cucina é attrezzata per la preparazione di 500 pasti non certo di più di 4.0000 che è il numero attuale dei profughi presenti a Lampedusa. Oggi si è cercato di risolvere il problema numero uno: quello del sovraffollamento. La nave della Marina Militare S.Marco é partita alla volta di Taranto con abordo 500 profughi, che dovrebbero essere trasferiti in una tendopoli in fase di allestimento a Manduria. Durante la notte é inoltre arrivata una nave cisterna con 4 mila metri cubi d'acqua per risolvere l'emergenza idrica sull'isola. Per domani é previsto invece l'arrivo di una traghetto che dovrebbe imbarcare circa 1000 profughi. Scoppia intanto la polemica su un eventuale rimborso di 1.700 a persona, per quei profughi che rimpatrieranno di loro spontanea volontà. L'idea è venuta al Ministro degli Esteri Frattini, il quale ha affermato che i soldi verrebbero anticipati dallo Stato e poi rimborsati dall'UE. Ma la domanda che tutti gli italiani si fanno è: in questo tempo di crisi economica il Governo dove li troverà tutti questi soldi? Potrebbe elargirli magari  anche tutti gli italiani disoccupati che non trovano lavoro  o ai precari o ai pensionati, e agli italiani disposti ad espatriare dal loro paese. Alla fine si scopre che i veri profughi qui sono gli italiani! I profughi dovrebbero essere sistemati in 13 centri di accoglienza sparsi qua e là per il Paese fatta eccezione per l'Abruzzo. Una prima parte troverà sistemazione nella tendopoli situata tra Taranto e Brindisi, nell'aerea dismessa dell 'aeroporto militare, e dovrebbe essere un vero e proprio CIE(Centro di Identificazione ed Espulsione), dove troverebbero una sistemazione provvisoria prima del loro rimpatrio. I 13 siti sono stati messi a disposizione dal Ministro della Difesa La Russa, individuati tra terreni che venivano usati come poligoni di tiro, depositi di armi, ex caserme sui quali sorgeranno tante tendopoli. E sarebbe già iniziata la corsa al business dei profughi, tanti affari e tanti soldi. Sarà infati una ditta emiliana, la "Pizzarotti S.P.A"di Parma, secondo quanto riportato da un quotidiano, che affitterà il suo villaggio della solidarietà ai profughi. Si tratta del Residence degli Aranci di Mineo(Catania), residence che un tempo ospitava le famiglie dei soldati USA di stanza nella base di Sigonella. La Marina Militare USA lo aveva preso in affitto dalla "Pizzarotti", che adesso si frega le mani in vista di questo nuovo affare. La cosa strana é che all'inzio il sito di Mineo non figurava nell' elenco dei 13 sedici siti per l'accoglienza dei migranti. Chissà perchè alla fine, la scelta è ricaduta anche su questo sito. Il residence si estende per 25 ettari sulla pianura di Catania, ha 404 alloggi con una capienza complessiva di ben 2 mila persone, ma il governo a quanto pare vuole riuscirne e  metterne ben 7 mila di profughi nel residence. Ci sono uffici, un supermarcato, dei campi e un parco su 12 ettari. Il presidente della "Pizzarotti S.P.A." gestisce anche le infrastrutture oltre al Residence, ha lavorato all'estero, negli anni 90 la sua società era uscita indenne da Tangentopoli con l'assoluzione per una storia di tangenti ENEL ed un patteggiamento per Malpensa 2000.Poi c'era stata una storia di estorsioni della camorra, come riportato da un quotidiano, con le parole del pentito Galasso che aveva definito il presidente della "Pizzarotti S.P.A." una vittima del racket. La scocietà é riuscita ad aprire un poligono per testate nucleari a Comiso, e ad estendere la Base di Aviano, nonchè quella della Maddalena. Dopo l'avvenuto ritiro degli americani, il villaggio di volta in volta si è riconvertito, ed è stato utilizzato come centro di detenzione per madri recluse, come comunità per tossicodipendenti e polo universitario con l'aiuto di Berlusconi e del Piano Casa e 2,6 milioni di euro. Adesso il business è di nuovo servito: se si calcola che per ogni giorno di permanenza di profugo nel centro costa tra i 40 ed i 50 euro al giorno. I profughi ospitati nel villaggio sarebbero 7 mila, il tutto verrebbe a costare tra i 41 e 47 milioni di euro all'anno. 2 senatori democratici, Francesco Ferrante e Roberto della Seta, hanno presentato un' interrogazione parlamentare al Ministro dell'Interno Maroni, firmatario dell'accordo con la società emiliana che accoglierà i profughi.  Sarà davvero interessante sentire quale sarà la risposta a questa interrogazione parlamentare.                 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
22 marzo 2011 2 22 /03 /marzo /2011 16:22

comunicazioni-radio-2.jpgSuccede anche questo. Sembra incredibile ma è realmente accaduto. Un ex militare olandese di professione radioamatoreé riuscito ad intercettare le comunicazioni via radio dei piloti impegnati in missione in Libia. I segreti militari sono stati violati, ed il radioamatore ha pensato bene di rendere pubbliche queste intercettazioni sul popolare sito di microblogging "Twitter" che proprio oggi festeggia i suoi primi 5 anni di vita. Ora le informazioni militari segrete possono essere in possesso di tutti, grazie al lavoro dei radioamatori che da una postazione segreta in Olanda, riescono a captare in chiaro le comunicazioni fra le torri di controllo e i caccia in volo, e poi postano tutto, ma proprio tutto su "Twitter": i nomi in codice, la posizione, i loro movimenti. Ma perchè questo ex militare olandese ha deciso di rendere pubbliche le conversazioni via radio dei piloti in missione in Libia? Huub, questo il suo nome, ha risposto:"Per ascoltare la verità, escludendo qualsiasi propaganda militare o politica". In questi ultimi giorni Hubb ha postato molte news riguardanti molti velivoli impegnati in Libia nella Missione "Odissey Dawn", è riuscito ad intercettare anche le comunicazioni via radio di 2 Tornado italiani che volavano verso Trapani, di 2 F-16 sulla rotta di Sigonella, e pure di un aereo cisterna britannico, che dopo avere completato il rifornimento in volo di 5 Eurofighter era in manovra di allontanamento dallo spazio aereo francese. Intercettato anche il "Commando Solo" l'aereo delle truppe USA che è specializzato nella guerra psicologica e nell'attività di propaganda. Le comunicazioni dovevano restare segrete, ma Hubb, dopo averle intercettate ha riportato fedelmente su "Twitter" le conversazioni radio del velivolo, un EC-130J, e in una delle comunicazioni captate, una voce maschile in arabo, francese, ed inglese esorta le navi libiche a non lasciare il porto:"Le forze del regime di Gheddafi stanno violando una risoluzione ONU che impone di mettere fine alle ostilità nel vostro paese. Se tenterete di lasciare il porto, verrete attaccati e distrutti". Proprio oggi "Twitter"compie 5 anni, con 20 milioni di iscritti e si può dire che ha cambiato radicalmente il modo di fare informazione. E' stato proprio grazie a "Twitter" che tutto il mondo é potuto venire a conoscenza di news e di immagini riuscendo ad aggirare la censura, come nel caso della rivolta in Egitto, ed anche per ciò che riguarda la Libia in questi giorni. Quotidiani importanti come il "Guardian" e il"New York Times"hanno iniziato ad inviare i loro "tweet"(brevissimi messaggi testo) in tempo reale in tutto il mondo tenendo aggiornata la gente su quanto sta accadendo in questi giorni.

 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
17 marzo 2011 4 17 /03 /marzo /2011 18:06

bandiera-italiana-x-festa-italia.jpgOggi i tricolori sventolano dai balconi di tutta l'italia in questo piovoso giovedì che non sembra neanche primaveraNo non c'è una partita dell'Italia ai mondiali da tifare, oggi ricorre il 150° Aniversario dell'Unità d'Italia. Auguri allora all'Italia e a tutti gli Italiani. Auguri a tutti gli Italiani che nonostante il momento di crisi guardano avanti, auguri ai precari e ai disoccupati che avanti non possono guardare più perchè il futuro e la speranza gliel'hanno rubati. Auguri agli Italiani che scendono in piazza a manifestare, perchè forse le cose si possono ancora cambiare e auguri  a quelli che in piazza non ci scendono più e restano alla finestra a guardare.  Auguri a tutti gli Italiani all'estero, sorattutto a quelli che il tricolore lo difendono a costo della vita, auguri a tutti gli stranieri in Italia, che forse si sentono più Italiani di noi. Ma non dimentichiamolo mai:noi siamo Italiani! All'estero appena l'aereo tocca terra applaudiamo, come scendiamo dall'aereo ci facciamo subito riconoscere per l'abbigliamento curato e supergriffato, per via degli occhiali da sole che anche quando non li inforchiamo, ce li teniamo sempre sulla testa, siamo Italiani perchè quando parliamo gesticoliamo molto , parliamo ad alta voce e ridiamo troppo, perchè ci piace la pizza. Siamo Italiani perchè in Italia siamo abituati a salire su bus e treni sempre affollati ed in ritardo come gli aerei del resto,  siamo Italiani perchè in Italia quando un politico sale al governo, ci mette le radici su quella poltrona, e potrà succedere di tutto, ma lui le dimissioni non le darà mai. E noi Italiani non ci scandalizziamo e non ci incazziamo più di tanto. Siamo italiani pechè in Italia se non sei raccomandato il lavoro è sicuro che non lo troverai mai, e però ci hanno fatto pure un programma tv che si intitola proprio "I Raccomandati". Siamo Italiani perchè a volte se non dobbiamo fare la fila in qualche ufficio la cosa ci sembra molto strana, perchè noi Italiani alle file ci siamo abituati e quante amicizie nascono facendo la fila. Siamo Italiani erchè abbiamo inventato la burocrazia con tutte le sue complicazioni. Siamo Italiani perchè siamo indisciplinati alla guida, perchè ci piace la pizza, il mare, l'estate e il sole, e le vacanze:  specialisti nell'arte di oganizzare i ponti festivi. Siamo Italiani perchè amiamo la famiglia, e la famiglia ci ama talmente tanto che a volte si resta a vivere con i genitori fino a 40 anni. Siamo Italiani perchè siamo maestri dell'antica e nobile arte di arrangiarsi, del dire:"Oggi è andata male, ma domani... ma sì domani andrà sicuramente meglio!" e ricominciamo da capo senza scoraggiarci. Siamo Italiani perchè nonostante tutto il nostro Paese lo amiamo davvero e il il tricolore ce l'abbiamo inciso nel cuore. Auguri Italia!

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
16 marzo 2011 3 16 /03 /marzo /2011 18:58

Il dramma che il Giapponetecnico-in-tuta.jpg sta vivendo in queste ore è rappresentato da una grande nuba bianca sopra la centrale nucleare di Fukushima. Dopo l'esplosione di ieri il livello di radioattività  è incrementato ulteriormente. L'incendio è stato domato, e le zone intorno alla centrale nel raggio di 30 Km sono state evacuate. Cresce il panico tra la popolazione che su internet tenta di rifornirsi di pillole di iodio, da sempre considerate l'unico antidoto contro le radiazioniSi può dire che il destino e la salvezza del Giappone sono nelle mani di una squadra di 50 tecnici, gli unici adessere rimasti nella centrale, che in queste ore stanno facendo l'impossibile per tentare di raffreddare il reattore e scongurare il fall-out, ovvero la diffusione della pioggia radioattiva che contaminerebbe tutta la nazione. 750 degli 800 tecnici che lavoravano nella centrale sono stati allontanati. 50 tecnici  lavorano a pochi metri dal reattore e sanno benissimo che per evitare altre fughe radioattive stanno rischiando la vita: nei pressi del reattore 4 infatti, la radioattività ha raggiunto livelli impressionanti:circa 400 Msv per ora(i dati sono in Millisievert, il sievert registra la quantità di radiazioni assorbite dai tessuti, ed è l'unità della radioattività:1 sievert è pari a 1000 Msv). Se un individuo si esponesse ad una tale dose di radiazioni per un anno quasi certamnete morirebbe di cancro.  Questa squadra di uomini sta combattendo una battaglia con armi di difesa quasi insufficenti: maschere e tute di protezione.Qualcuno ha affermato, ma forse sarà una leggenda metropolitana, che questa squadra di 50 uomini sia formata da gente che un tempo ha militato tra le fila della"Yakuza" la mafia giapponese e che abbia accettato di svolgere questa missione perchè non aveva niente da perdere. Riusciranno questi uomini a portare a termine la loro missione, ovvero spegnere il reattore della centrale di Fukushima? In queste ore tutti i Giapponesi ed il mondo intero se lo augurano, e sono lì simbolicamente, al loro fianco, per incitarli a vincere la loro battaglia quasi impossibile.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
14 marzo 2011 1 14 /03 /marzo /2011 18:46

cellulare-tim-copia-1.jpgE' di oggi la notizia che il Direttore Generale della Telecom Italia e Carlo Ruggiero ex amministratore delegato dell'azienda sono indagati per la truffa delle sim false. Le sim venivano intestate a nomi di fantasia con lo scopo di aumentare il fatturato dell'azienda. E' stata aperta un' inchiesta coordinata dal Procuratore Aggiunto Alfredo Robledo. L'accusa per i 2 manager è di truffa aggravata. Su mandato della Procura, La Guardia di Finanza ha perquisito gli uffici di Milano dei 2 indagati. Le indagini sullo scandalo delle sim false della Telecom(sistema grazie al quale la Telecom ha potuto mantenere il primato sul mercato della telefonia mobile) ha preso avvio grazie al Rapporto Deloitte, uno studio che era stato commissionato dal CDA di Telecom con a capo Franco Bernabè. Scopo del Rapporto era di riuscire in qualche modo a fare luce sulla gestione precedente dell'azienda. Grazie a questo Rapporto si è scoperto il meccanismo delle sim false: in pratica sembrerebbe che Tim(partner di Telecom per la telefonia mobile)avesse intestato milioni di sim ad utenti inesistenti ai quali venivano dati nomi di fantasia. Durante le indagini, inoltre, è stato scoperto che per mantenere in vita queste sim si provvedeva a ricaricarle con ricariche da pochi centesimi, il tutto per consentire a Telecom di restare il leader incontrastato della telefonia mobile in Italia . Il Rapporto Deloitte ha preso in analisi il periodo 2005/2007, con lo scopo di riuscire a capire chi all'interno dell'azienda fosse a conoscenza di questo sistema delle sim false. Dal Rapporto Deloitte e anche dalle indagini effettuate, emerge che Luca Luciani che dal 2005 al 2008 era responsabile del settore vendite sapeva della questione delle sim false, e con lui ne erano a conoscenza i suoi superiori e vari amministratori delegati.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
13 marzo 2011 7 13 /03 /marzo /2011 23:07

radioattivita-a-Fukushima.jpgE' salito a 9 il numero di persone contaminate dalla fuga di radioattività dopo l'esplosione avvenuta nella centrale nucleare di Fukushima, e altre 160 sono a rischio. Le autorità giapponesi corrono ai ripari cercando di minimizzare i danni e di tranquillizzare l'opinione pubblica. In realtà la situazione è davvero tragica. I reattori della centrale di Fukushima 1 , dove i valori diradioattività hanno superato ogni limite legale, vengono trattati tutti e 3 con acqua di mare ed acido borico. Altre 11 le centrali nucleari che hanno subito gravi danni all'impianto di raffreddamento, nonostante ci sia stato il blocco automatico. Situazione critica anche nella centrale di Onagawa(Miyagi), poco distante da Tokyio: anche qui gravi danni all'impianto di raffreddamento, e anche il reattore di Tokay stà dando seri problemi in quanto 2 generatori per il raffreddamento sono malfunzionanti anche se il terzo non presenta danni. Sale la polemica nei confronti del governo giapponese accusato di volere nascondere il disastro nucleare che sta accadendo nel paese. Secondo alcune fonti infatti, il governo Giapponese non starebbe dicendo tutta la verità sulle varie centrali danneggiate dal terremoto. Lo ha affermato un ex progettista di centrali nucleari giapponesi, Masashi Goto, durante una conferenza stampa tenutasi aTokyo."Per il Giappone si prospetta una crisi gravissima, uno dei reattori dell'impianto di Fukushima, è altamente instabile e le conseguenze di una fusione sarebbero tremende". Tutto questo mentre il governo giapponese sostiene esattamente il contrario, e cioè che un'eventuale fusione non porterebbe affatto al rilascio di quantità elevate di radioattività. Goto la pensa diversamente, ed afferma che l'eventualità di un' esplosione, determinerebbe una contaminazione radioattiva vastissima. Inoltre, sempre secondo Goto, nel reattore 3 di Fukushima la temperatura si sta alzando sempre di più e si va verso un'esplosione, e con l'esplosione si verificherebbe il fall-out, ovvero la pioggia radioattiva. Goto ha affermato inoltre che l'uso di acqua di mare per raffreddare i reattori è molto pericoloso e peggiora ulteriormente la situazione. Se si verificasse l'evento più temuto, ovvero la fusione del nucleo del reattore ci sarebbe un'esplosione che diffonderebbe dappertutto il materiale radioattivo con conseguenze catastrofiche. La situazione già così tragica è aggravata anche dal fatto che nella zona c'è un 'altra concentrazione di centrali nucleari. Ma intanto la fuga di radioattività c'è già stata in seguito all'esplosione avvenuta nella centrale nucleare di Fukushima subito dopo il terremoto.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
12 marzo 2011 6 12 /03 /marzo /2011 17:02

Sonocentrali nucleari Fukushima 2 già le 3 persone contaminate da radioattività in Giappone, in seguito all'esplosione verificatasi nella centrale nucleare di Fukushima a causa del devastante terremoto di venerdì. Le autorità in queste ore stanno decidendo di  mettere in atto tutte le procedure richieste in caso di contaminazione da radioattività:distribuzione di iodio per la terapia anti-radiazioni tra la popolazione residente intorno alla zona delle centrali nucleari. La quantità di radiazioni alla quale sono state esposte queste persone per un'ora corrisponde alla stessa quantità di radiazioni che si assume in un anno. Questo solo per dare un 'idea del disastro nucleare. Inoltre le tv avvertono la popolazione di non uscire all'esterno, di non bere acqua dai rubinetti, di spegnere i condizionatori e possibilmente di restare al chiuso. Alle persone che sono all'esterno viene raccomandato di non lasciare esposta al pelle all'aria, di coprirsi il viso con mascherine o asciugamani bagnati. Degli esperti hanno misurato il tasso di radioattività all'esterno della centrale di Fukushima: esso risulta ben 1.000 volte superiore ai valori normali all'interno, e di 70 volte all'esterno dell'impianto. Nonostante ci siano state delle rassicurazioni da parte della società che gestisce l'impianto nucleare di Fukushima, che si trova nel Nord del Giappone, gli esperti hanno motivo di temere il peggio:ovvero che il reattore nucleare possa aver subito un processo di fusione causato dal terremoto. Infatti sono giò state rilevate tracce di Cesio radioattivo nei pressi dell'impianto. Tutto questo, nonostente le 52 centrali nucleari giapponesi ( 11 sono state danneggiate dal terremoto) siano dotate di un sistema automatico di spegnimento in caso di emergenza. Ma evidentemente qualcosa non ha funzionato. Ma perchè c'è stato un incremento del livello di radioattività anche all'esterno della centrale e quindi relativa contaminazione? L'incremento della radioattività è stato determinato dalla fuoriuscita di vapore radioattivo dalla struttura che si trova nell' edificio della centrale.  Inoltre, non bisogna dimenticare che c'è stata un 'esplosione, che ha causato l'incidente più temuto dagli esperti: ovvero la rottura del nocciolo (che è la struttura che contiene i materiali radioattivi:cesio 137, plutonio e via dicendo)che sono stati prodotti dalla reazione nucleare, oltre all'uranio arricchito che viene utilizzato come combustibile. L'esplosione ha determinato lo sgretolamento della gabbia esterna di uno dei reattori. Bisogna ricordare che il nocciolo, (il cuore del reattore nucleare), anche dopo lo spegnimento, continua a produrre potenza termica, e quindi calore, a questo punto il nocciolo si rompe ed avviene la perdita di materiale radioattivo, contro la quale non si può fare nulla. In questo caso poi il calore prodotto ha contribuito al processo di vaporizzazione delle acque di raffredddamento, c'è stato un innalzamento della pressione che è salita fino a provocare l'esplosione con tanto di fumo bianco come si può vedere anche nei vari filmati in tv, e su You Tube. L'esplosione è avvenuta poco dopo l'intervento dei pompieri che hanno cercato di impedire l'innalzamento della pressione pompando dell' acqua nel reattore.  Altre 3 centrali nucleari stanno dando problemi, in quanto hanno perso la loro capacità di raffreddamento. Il terremoto avvenuto in Giappone è il peggiore della storia con una magnitudo di 8,9 e onde che nel porto di Sendai hanno raggiunto i 10 metri , oltre 1.000 i morti.  

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
5 marzo 2011 6 05 /03 /marzo /2011 18:36

Le immberluskoni ke rideagini dello spot che sarebbero dovute andare in onda sulla Rai a partire da domani sono davvero scottanti. Nello spot che si può vedere su You Tube scorrono alcune immagini del Premier anche da giovane che si autolelogia, e poi c'è il fotogramma "incriminato" della durata di pochi secondi. Si vede una donna anziana ripresa durante un'intervista che dice:"Non troverete mai una foto di mio figlio che è in giro con le donne o altro..." La donna anziana è la madre del Premier, Rosa, deceduta nel 2008. Ecco, questo è il fotogramma "incriminato", da censurare immediatamente, non si sa bene il perchè. Eppure nello spot non compaiono le immagini delle ragazze dei festini di Arcore,nè ci sono accenni al Bunga Bunga o al Rubygate che allora sì sarebbe stato da censurar. L''Ufficio Legale della Rai ha deciso che lo spot non può andare in onda, affermando che sarebbero in corso degli approfondimenti in quanto"ci sono degli elementi che rendono questo trailer inopportuno". Più precisamente la Rai avrebbe avrebbe affermato che bisognerebbe apportare alcuni tagli, e il taglio netto della forbice andrebbe a finire proprio sul fotogramma di pochi secondi, quello in cui compare la madre del Premier. Ma perchè? Cosa ha di tanto sconvolgente questa immagine? La Rai afferma che"le immagini di una persona scomparsa non possono essere piegate a fini satirici". Ma in realtà più che l'immagine si vuole censurare la voce di mamma Rosa e la sua affermazione, che adesso in pieno Scandalo Ruby, e con i verbali delle intercettazioni delle ragazze dei festini su web e giornali, appare come una vera e propria testimonianza contro il Premier. Mai come in questo caso è proprio vero che le parole sono come pietre. Il film che è l'autobiografia non autorizzata del Premier, uscirà nelle sale il 25 marzo. La biografia è stata scritta dai  2 giornalisti Gian Antonio Stella e da Sergio Rizzo. I 2 giornalisti hanno affermato che lo scopo di questa autobiografia del Premier è di"raccontare la biografia non autorizzata di uno strepitoso personaggio da commedia dell'arte", di raccontare Berlusconi"attraverso quello che Silvio dice di sè". Dopo essere venuti a conoscenza della sospensione dello spot del film, i 2 non hanno rilasciato commenti, preferendo che sia la gente a commentare. Mostreranno il film durante una conferenza stampa che si terrà il 22 marzo, e durante la quale risponderanno alle tante domande. La regia di "Silvio Forever"è di Roberto Faenza e Filippo Macelloni.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
2 marzo 2011 3 02 /03 /marzo /2011 18:49

Mentre si parla ancora delle "Olgettina girls" e dei lussuosi appartamenti a loro intestati da Berlusconi, sembrano essersi spenti i riflettori sulla città dell'Aquila ed i suoi abitanti. A quasi 2 anni dal terremoto del 2009 nulla sembra essere cambiato. Secondo i dati di una ricerca svolta dall'Università di Firenze,dell'Aquila e delle Marche e condotta da David Alexander(uno tra gli esperti più importanti e qualificati in materia di grandi disastri),e coordinata dal Cespro e dall'Unione Europea, a L'Aquila, i lavori di ricotruzione post-terremoto hanno un andamento molto lento, talmente lento da essere superati dai lavoro di ricostruzione in Indonesia dove si procede a passo molto più spedito. I dati di questa ricerca parlano chiaro:alla fine del 2010, su un campione di 15 mila persone intervistate, il 71% ha affermato che"la vecchia comunità è morta assieme al terremoto". Il 68% degli intervistati ha dichiarato di voler abbandonare la sua abitazione. Il 43% invece ha foto terremoto l'aquilasofferto o soffre di stress dovuto anche all'aumento della disoccupazione, ed è aumentato il consumo di alcool e droghe. Il 35% degli intervistati si lamenta del malfunzionamento dei servizi igienici, e il 73% lamenta l'inesistenza di luoghi di aggregazione sociale. La maggioranza vorrebbe poter scappare via da quelle casette di legno sorte in mezzo al deserto. Secondo questa ricerca, i problemi attuali della popolazione de L'Aquila sarebbero stati causati dal modo di investire i soldi: i finanziamenti infatti sono stati tutti investiti negli alloggi provvisori invece di essere investiti s ricostruzione del centro storico o della città. Poi lo scandalo che ha investito la Protezione Civile di Bertolaso & C. ha aggravato ulteriormente la entro sono sfollati. C'è il business sorto intorno alla ricostruzione. Il grosso degli appalti  e subappalti sarebbe finito in mano a poche imprese e consorzi. L'Associazione Libera ha più volte denunciato sospette infiltrazioni mafiose negli appalti. Le varie imprese incaricate della ricostruzione hanno sede all'Aquila ma non sarebbero aquilane. I lavoratori nei pochi cantieri sono quasi tutti rumeni. Perchè? Inoltre c'è la questione dei terreni dei molti ettari di terreno che sono stati espropriati per la costruzione degli insediamenti del famoso progetto C.A.S.E., terreni che non sono stati utilizzati e che stranamente non vengono restituiti ai loro proprietari. 

La maggior parte degli abitanti dell'Aquila vive nelle casette colorate costruite in mezzo al deserto: non ci sono negozi o punti di aggregazione, molte famiglie sono state divise, tra loro una distanza anche di 30 km. Capita poi che ogni 2 mesi molte famiglie che magari avevano stretto amicizia con altri nuclei familiari, vengano trasferiti in un altro paese: precarietà dell' abitazione e anche dei legami affettivi. Ed è così che la maggior parte dei terremotati sono diventati dipendenti dalla macchina per spostarsi da un paese all'altro a causa della distanza eccessiva. E poi succede anche questo: persone con la casa assegnata dalla Protezione Civile costrette a traslocare perchè alcune abitazioni sarebbero troppo grandi. Così ecco arrivare l'ordine di sgombero e non importa se tra le persone che devono sgomberare ci sono persone di 80 anni. Mentre si leggono i verbali delle intercettazioni delle"Olgettina girls" che litigano tra di loro perchè vogliono un appartamento più grande, in una parte dell'Italia ci sono delle persone che una casa tutta loro forse non ce l'avranno mai  e dovranno vivere in una casettina di legno tutta colorata dove magari ci sono anche le infiltrazioni d'acqua.

 

 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
1 marzo 2011 2 01 /03 /marzo /2011 19:04

isaf-lince.jpg Giovedi si assisterà per l'ennesima volta ai funerali di stato di un militare morto in missione in Afghanistan. L'unica consolazione danvanti a quest'ennesima morte saranno le parole del militare che aveva confidato agli amici prima di partire le sue parole:"Non voglio sposarmi, perchè facendo questo lavoro non vorrei complicare la vita alla mia famiglia. La mia vita è la carriera militare, se mi sposassi, mi sentirei troppo legato alla famiglia. E' il mio lavoro, la mia passione. Voglio andarci". Intanto l'opinione pubblica,si interroga oltre alcuni politici, sul senso della missione dei militari italiani in Afganistan. Se il contingente militare deve restare in Afghanistan, non sarebbe forse giunta l'ora di dotarlo di mezzi di protezione più efficaci contro i micidiali IED(ordgni esplosivi improvvisati)? Per il momento si continua ad utilizzare il "Lince", ma S.Lince(come lo chiamano i militari)da un pezzo non sembra più in grado di offrire una protezione efficace al suo equipaggio. Il mezzo a quanto pare non sarebbe adatto ai terreni montagnosi dell'Afghanistan dove è   costretto a procedere ad un 'andatura molto ridotta a causa degli avvallamenti del terreno, la guida diventa molto difficile, e l'autiere non riesce a mantenere il controllo del mezzo come dovrebbe. Inoltre il "Lince" ha la tendenza a ribaltarsi molto facilmente soprattutto quando viaggia a velocità molto ridotta sia in salita che in discesa ed in curva. Certo come blindato, sopporta l'impatto di proiettili di calibro 12,7, ma è  molto vulnerabile agli attacchi di RPG e sopratutto degli IED, che causano esplosioni devastanti. Come se non bastasse, e questo è stato più volte detto da più parti, c'è il mitragliere in ralla che rimane con il busto all'esterno della torretta:in caso di esplosione difficilmente troverà una via di scampo. I "Lince" andrebbero sostituiti con i "Freccia", dei blindati più lenti ma che sono in grado di offrire una maggiore protezione. Già a luglio del 2010 il Ministro della Difesa La Russa aveva annunciato l'invio sul fronte afgano dei primi 17 esemplari di "Freccia", in modo da potenziare le misure di protezione e le condizioni di sicurezza per i militari. Il Tenente Massimo Ranzani ha trovato la morte proprio su un "Lince", e tutto il suo equipaggio ha rischiato davvero tanto. Che fine hanno fatto i "Freccia"?

(Foto:esercito italiano)

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento