Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
29 luglio 2015 3 29 /07 /luglio /2015 12:01
Roma:agenti della Polstrada costretti a comprarsi le divise

Militari che partono in missione e che devono provvedere a comprarsi le uniformi e anche le altre cose, stessa sorte anche per gli agenti della Polstrada: costretti a comprarsi le divise che ormai da anni non vengono più fornite. E' l'amara conseguenza dei tagli operati dal governo. Un agente della Polstrada ha postato la foto dei pantaloni della sua divisa che ha dovuto comprare di tasca sua da "Decathlon" e che saranno "sistemati" dalla sarta. La foto è stata postata sulla pagina Facebook"Voci Uniformi" con una breve nota e sta facendo il giro da web:"Ho visto comprare uniformi coi soldi personali, ho visto fare collette per comprarne a lotti e risparmiare, le ho viste rattoppate dai cinesi, ricucite dalla nonna, dalla moglie, ne ho viste di rovinate, ne ho vista qualcuna di produzione anni '70 e tirate fuori da chissá dove, ne ho viste made in china, made in pakistan, questa ancora ci mancava. Un amico che lavora in una sottosezione della polstrada ci manda questa foto. Ecco cosa tocca fare quando non ti vengono forniti da anni i pantaloni della divisa. Si va da decathlon e si compra un qualcosa di simile, poi ci pensa la sarta. Secondo voi è giusto?"

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
22 luglio 2015 3 22 /07 /luglio /2015 18:26
Cagliari:il Poetto deturpato dai nuovi"chioschetti"

E' ufficiale:la spiaggia del Poetto, non è più la stessa. L'amministrazione e il sindaco di Cagliari, Zedda,  hanno deciso che dopo il terribile ripascimento di tanti anni fa con tonnellate di sabbia grigia e scura che hanno completamente sotterrato la sabbia bianca bellissima sottile come il talco, bisognava continuare l'opera di restyling della spiaggia più bella del capoluogo sardo. Restyling si, ma in peggio. Il Poetto in questa estate 2015 dopo i lavori che sono ancora in via di completamento si presenta irriconoscibile e soprattutto deturpato dai nuovi "chioschetti". I chioschetti se ancora si possono chiamare così, fino ad un anno fa erano quelli tipici di ogni città di mare, ognuno diverso dall'altro, ma dipinti per lo più di bianco. Ciò che li rendeva originali era proprio il fatto che ognuno fosse diverso dall'altro. Davano proprio l'idea di estate, mare, vacanze. Ma non si poteva lasciarli cosi. E allora vai con i lavori. In un paio di mesi sono stati buttati giù per fare spazio ai nuovi "chioschetti". Ed eccoli qua(come si vede nella foto)tutti rigorosamente uguali, il colore bianco è stato sostituito dal marrone, l'archittettura lascia davvero a desiderare:sembrano tanti casermoni e non si capisce perché chi li abbia progettati abbia pensato di chiuderli dal lato della strada."Si sono davvero brutti, mettono addosso un'infinita tristezza.Era meglio prima con i chioschetti ognuno diverso l'uno dall'altro e poi di colore bianco. Io pensavo dovessero dipingerli di bianco, invece li lasceranno cosi di questo color marroncino. Sembrano dei bar per pensionati. La notte poi il Poetto è un mortorio, non c'è movida a parte Marina Piccola dove si riversano le famigliole per i giovani non c'è niente"dice Elisabetta M. una ragazza che frequenta abitualmente il Poetto.

Oltre a questo è stato rivoluzionato il traffico dei bus e le fermate sono state posizionate nel lato dove prima c'erano i parcheggi. Le fermate del bus sono segnalate da un semplice cartello arancione, non sono state collocate delle pensiline per riparare dal caldo le persone tra i quali molti turisti spaesati, e sono pericolose per i bambini. Sono cosi diminuiti i parcheggi per le auto e la domenica per chi vuole trascorrere la giornata al Poetto diventa un impresa trovare uno spazio libero. E' stato sempre cosi anche gli anni scorsi, ma quest'anno la situazione è peggiorata. Non tutti possono o vogliono prendere il bus per andare al mare. Inoltre i lavori al Poetto non sono ancora finiti: sulla parte di strada dove passano i pedoni ci sono delle specie di cordoli dove qualche passante è già caduto. Ai bordi della strada all'altezza della prima fermata ci sono delle misteriose montagnette di terra scura. Gli unici ad essere felici sono i ciclisti con la loro pista ciclabile. Per il resto ci si chiede qual'è la società e il nome dell'archittetto e degli ingegneri a cui è stato affidato l'appalto per il restyling del Poetto? C'era davvero bisogno di fare questi lavori e deturpare ulteriormente la spiaggia del Poetto? Inutilmente si spera che qualcuno passi una mano di vernice bianca su quell'orribile color marrone dei chioschi. Non si è mai vista una città di mare con dei chioschi(se cosi si possono ancora chiamare) marroni.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
22 luglio 2015 3 22 /07 /luglio /2015 18:00
Roma:lettera di un poliziotto provinciale che sta per essere licenziato

Un agente della Polizia Provinciale, scrive una lettera a tutti suoi i colleghi. Che fine farà questo poliziotto provinciale e la sua passione che ha messo nel lavoro a tutela del nostro territorio e dei crimini contro l'ambiente, dato che il governo ha deciso di cancellare la Polizia Provinciale? Al momento non lo possiamo sapere, sappiamo solo come c'era scritto su qualche striscione di protesta di questi poliziotti che"Le ecomafie ringraziano".

Cari colleghi/e, sono anch’io un poliziotto provinciale, ho sognato questo lavoro sin da ragazzino, immaginandolo finanche le sere prima di andare a dormire. L’ho inseguito come la foglia che insegue il cielo, spinta dal vento sempre più in alto, per poi sparire non appena stai per raggiungerla. Provengo dal Sud, da una terra davvero difficile, dove l’affermazione della legalità e dei valori non è sempre cosa scontata. Noi, solo noi, sappiamo molto bene quanta passione e quanta dedizione abbiamo messo ogni giorno in ciò che facevamo per il nostro disastrato territorio e per i nostri figli, quelli che un giorno non lontano, calpesteranno questa Terra sempre più inquinata, respireranno quest’aria sempre più avvelenata e, vivranno in un mondo che certo non lasceremo più bello e pulito di come l’abbiamo trovato.

Miei cari colleghi/e, chi potrà mai capire l’importanza di salvare un’Aquila con un’ala rotta e magari rischiare la vita in un crepaccio, per far si che questa giunga al più presto dove possa avere le cure necessarie? Chi, potrà comprendere che, sono occorsi a volte mesi o anni per stanare il bracconiere solitario, che di passi nella neve e nei luoghi più sperduti, ne avrà fatto a migliaia ma che avrà sempre avuto il timore di potersi trovare di fronte proprio uno di noi, che con solerzia, non gli avrà certo lasciato scampo, se non altro per gli immani danni che avrà arrecato alla fauna, patrimonio indisponibile dello Stato? Mi chiedo pure, chi potrà sostituire il nostro umile ma costante e immancabile impegno in tutte le emergenze sul territorio? Domani, i nostri compiti specialistici, perfezionati con tanta esperienza, formazione e anche facendo errori, da chi saranno svolti? Noi, come nessun altro, conosciamo tutti gli angoli dei boschi, i sentieri più tenebrosi e le valli più cupe, senza mai avere paura, di giorno come di notte, abbiamo sin da quel lontano 1907 (anno di costituzione delle guardie delle province) percorso, in ogni stagione, la nostra amata Italia con lo spirito unico e irrinunciabile di tutelarla per il bene delle future generazioni!

Se potessero testimoniare, le decine di migliaia di terreni sequestrati e oggi bonificati dalle schifezze, gettate dall’uomo padrone, senza remore e senza scrupoli, trasmetterebbero sicuramente un “grazie”, per aver profuso intensamente nella tutela dell’ambiente, nostra principale missione, umana e professionale. Se potessero cantare, i milioni o i miliardi di uccelli che abbiamo salvato dalle grinfie dei bracconieri, enuncerebbero anch’essi certamente un “grazie”, per aver rischiato anche la vita, affinché pure solo un Pettirosso potesse volare libero e, spensierato nei cieli azzurri e infiniti di questa splendida nazione! Se potessero parlare, gli alberi, i fiumi, i laghi, le campagne, i rospi, i serpenti e i lupi, direbbero immancabilmente un “grazie”, per aver donato non solo i nostri giorni e le nostre fatiche ma soprattutto le nostre stesse vite, alla tutela del bene più prezioso che abbiamo: la nostra natura! Io, come tantissimi miei altri colleghi, abbiamo dedicato la nostra esistenza a questo lavoro, non abbiamo mai guardato il tempo, che passava inesorabile sulla nostra pelle, sottraendolo spesso ai nostri cari. Contenti e, felici di spenderci come potevamo per garantire un servizio al Paese, alla sua gente, al suo delicato e fragile territorio, che in tanti volevano violentare, credendo di farla franca!

Cari miei colleghi/e, ce ne renderà grazia Dio, abbiamo tutelato il Creato, la cosa più bella che possa esistere, il nostro lavoro è stato impagabile, incredibile, immane, innegabile e fondamentale tante di quelle volte che solo il Cielo lo sa. Se un giorno, a guardare il tramonto o ad aspettare l’alba, su quel crinale della montagna, con lo zaino o gli scarponi infangati, noi, non ci saremo più, sappiate che in ogni caso, per tantissimo tempo, abbiamo offerto la nostra anima più profonda, senza mai chiedere in cambio che un soffio di vento sui nostri temerari visi. I nostri migliori amici sono stati gli alberi e gli animali, che dietro le nostre spalle, spesso, ci hanno guardato dai mille pericoli e dai tanti uomini malvagi, che erano dall’altra parte, pronti per distruggere l’immensità della nostra natura. La nostra non è stata una favola ma una bella storia fatta di 2700 persone dal cuore immenso e dalla sensibilità non comune! Siamo nati come guardie caccia, siamo diventati poliziotti, il destino che ci aspetta è nelle mani di chi sta sopra di ogni cosa, portate, sempre e comunque la vostra dignità di uomini umili, semplici ma allo stesso tempo di grandi tutori del Creato.

Abbiamo fatto il lavoro più bello e più utile che possa esistere, basta solo pensare a quando vi sarà capitato di incrociare lo sguardo profondo di un cucciolo di Capriolo, che magari avrete salvato, nonostante l’indifferenza di tanti altri, voi eravate lì, sacrificando magari anche il vostro tempo libero pur di strapparlo alla morte. Porterò sempre, quest’emozionante avventura, come il ricordo più bello della mia vita. Mi auguro con tutto me stesso, che si possa capire che il nostro è un servizio che abbiamo offerto al Paese, al suo splendido territorio e alla sua gente onesta. Un domani, quando parleranno quei tronchi contorti che abbiamo sorvegliato o quei leprotti che rannicchiati, aspettavano la mamma uccisa dal bracconiere, bene, quel giorno, sarà contemplato, forse, il nostro instancabile impegno e la nostra più grande passione… A tutti voi, poliziotti e poliziotte provinciali d’Italia, che sia essa, la Madre di tutte le Madri, a volervi guardare da ogni male, ovunque voi sarete, ovunque voi andrete! Grazie”.

Un poliziotto provinciale d’Italia.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
15 luglio 2015 3 15 /07 /luglio /2015 18:02
Milano:parà della Folgore possono indossare basco a Expo 2015

Ci si chiedeva come mai ai paracadutisti della Folgore in servizio presso l'Expo di Milano era stato vietato di indossare il tradizionale basco amaranto(vedi articolo su questo stesso blog alla sezione"attualità").L'On. Elio Vito Presidente della Commissione Difesa alla Camera dei Deputati aveva fatto anche un'interrogazione sulla questione.Oggi è arrivata la risposta del Sottosegretario Gioacchino Alfano, come si può leggere sulla bacheca Facebook dell'On.Elio Vito:"Oggi in Commissione Difesa il Sottosegretario Gioacchino Alfano nel rispondere a nome del governo alla mia interrogazione sul divieto di indossare il basco amaranto per i paracadutisti impegnati nelle operazioni di sorveglianza dell'Expo 2015, ha precisato che tale divieto è da ricondurre unicamente alle particolari condizioni climatiche con temperature particolarmente elevate".Il Sottosegretario ha inoltre affermato che "sono stati collocati i gazebo lungo l'anello del sito Expo 2015, è stato riattivato l'utilizzo del copricapo di specialità il tradizionale basco amaranto dei paracadutisti". Insomma il mistero è stato risolto:i paracadutisti non potevano potevano indossare il basco amaranto a causa del troppo caldo.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
9 luglio 2015 4 09 /07 /luglio /2015 15:55
Roma:la Guardia Costiera sta per essere cancellata nel silenzio dei media

La parola d'ordine del governo Renzi sembra essere smantellare:dopo l'imminente smantellamento della Polizia Provinciale(vedi articolo su questo stesso blog alla sezione:"attualità"), della Scuola, adesso tocca alla Guardia Costiera. La Guardia Costiera italiana è la migliore d'Europa. E' un corpo composto da 11mila uomini e donne che ogni giorno svolgono il loro dovere, assicurando la protezione delle coste italiane, effettuando salvataggi in mare a persone in difficoltà, pattugliando le coste in questo momento così delicato della continua invasione dei profughi. Svolge anche compiti di polizia, infatti le guardie costiere sono anche ufficiali e agenti di polizia che fanno rispettare le norme della navigazione, si occupano inoltre della manutenzione di boe e fari, viglilano sulle frontiere marittime e sulle acque territoriali. Qulcuno ha deciso con un emendamento che la Guardia Costiera deve essere cancellata senza informare il ministro competente. Le Capitanierie di Porto non avranno più potere e la Guardia Costiera è destinata a passare sotto il comando del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare. In pratica svolgerà i suoi compiti su navi da guerra. Ci sarà anche un taglio del personale. Perché l'altra parola d'ordine è risparmiare. Tra pochi giorni verrà celebrato il 150°Anniversario della Guardia Costiera , un Anniversario che quest'anno sarà davvero amaro.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
29 giugno 2015 1 29 /06 /giugno /2015 16:35
Roma:lo scandalo del governo che elimina la Polizia Provinciale

Sono circa 2.800 e ogni giorno vigilano sul territorio italiano a salvaguardia dell'ambiente, proteggono il patrimonio boschivo dagli incendi, fanno rispettare le leggi poste a tutela dell'ambiente. Sono gli agenti del corpo della Polizia Provinciale. Il governo con un decreto legge, ha deciso di "eliminarli". "Via le Polizie Provinciali, l'Ecomafia ringrazia"c'era scritto su uno dei loro striscioni, quando l'altro giorno sono scesi in Piazza Montecitorio a protestare per questa drammatica situazione. A questo proposito, posto il Comunicato Ufficiale dell'Associazione Proviciale Italiana Polizia Ambientale, inviatomi dal Consigliere Provinciale AIPA Gerardo Berardi, Assistente Polizia Provinciale, che illustra una situazione davvero drammatica, situazione della quale molti italiani non sanno nulla.

"Anno 1910 - 8 giugno Questa è la data in cui esce in Gazzetta Ufficiale la Legge 277_1910 , in materia di tutela del patrimonio forestale, che all’art. 7 dispone il graduale assorbimento delle Guardie Provinciali alle dipendenze dello Stato. Anno 2015 – 19 Giugno Il decreto legge Enti Locali dispone all’art. 5 il transito delle Polizie Provinciali nelle Polizie Municipali per lo svolgimento delle funzioni di Polizia Municipale, di fatto perdendo quelle di POLIZIA AMBIENTALE come sancito nel 1910. In questo periodo le leggi, i regolamenti e le disposizioni sulla protezione dell'ambiente e del territorio sono cambiate; ma non i soggetti preposti a garantire la loro osservanza! Legge contro gli Ecoreati , Expo 2015, Terra dei fuochi, Enciclica “Laudato Si” ... tutto porta ad un unico concetto: TUTELA AMBIENTALE. Ed il Governo come interviene? Chiudendo una forza di polizia che da sola accerta 1/3 dei reati ambientali (fonte SOSE 2010) , mettendo a repentaglio il patrimonio ambientale , fiore all’occhiello del nostro paese. Questa Associazione grida a gran voce il suo NO allo SMEMBRAMENTO di questi Corpi altamente specializzati e chiede che una volta per tutte il Parlamento svolga il suo compito di legislatore e rappresentante del popolo italiano. In sede di conversione questo testo deve essere modificato favorendo il mantenimento delle specificità e professionalità degli operatori di Polizia Provinciale all’interno del contenitore più adatto che non può di certo essere l’Amministrazione Comunale, già troppo oberata dallo Stato di compiti e doveri.

La Costituzione attribuisce allo Stato il compito di TUTELARE L’AMBIENTE e per questo il Governo deve farsi carico di ciò, tant’è che la stessa Unione Europea ha avviato una procedura di indagine ( prodromica ad una eventuale procedura di infrazione se l’ Italia non ottempera alle richieste) in merito alla gestione dei siti Natura 2000 – direttiva Habitat ( Procedura 6730/14/ENVI) laddove al punto 14 invita lo Stato Italiano a razionalizzare le forze in campo dedicate ai controlli ambientali tra cui gli Ex Guardia Caccia Provinciali. Se in Europa le Polizie Provinciali hanno un valore, perché in Italia esso non è considerato? Il 25 Giugno abbiamo manifestato in piazza Montecitorio al presidio organizzato da CGIL CISL UIL insieme a molti colleghi per dire NO questo scempio e confidiamo in un appoggio di tutti coloro che hanno a cuore la TUTELA AMBIENTALE".

 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
27 giugno 2015 6 27 /06 /giugno /2015 16:09
Iraq:la Task Force 45 pronta ad entrare in azione

Sono trenta e partiranno la settimana prossima, destinazione:Iraq, Ramadi, roccaforte dell'Isis. La notizia arriva da fonti della Farnesina ed è stata riportata anche dal"Fatto Quotidiano" in un articolo di Daniele Raineri. Gli incursori del 9°Reggimento d'Assalto "Col Moschin"andranno ad unirsi alle forze speciali USA , in una base che è stata costruita a Taqaddum, situata tra Falluja e Ramadi. E' una delle zone più pericolose di tutto l'Iraq. Queste due città sono tutte e due sotto il controllo dello Stato islamico. Ma quale sarà l'obiettivo dei militari iitaliani? Sicuramente si troveranno ad operare al di fuori della base in collaborazione con le forze speciali americane con l'esercito iracheno, nonché con i sunniti per neutralizzare le forze dell'ISIS. Oltre alla Task Force 45, sono già operativi da febbraio gli uomini della Task Force 44 nella città di Baghdad. I militari italiani erano già stati in Iraq anni fa nell'ambito della missione"Antica Babilonia" ai tempi della guerra ed operavano nella zona di Nassiyria, una regione sciita che si trova a sud. Da febbraio invece sono impegnati sul fronte più a nord fornendo armi e addestrando i curdi.Ma adesso il loro intervento è richiesto nella zona più ad ovest verso Ramadi appunto. Il Presidente Obama ha chiesto che l'Italia si impegni in prima linea sul fronte iracheno. E questa volta la Task Force 45 è pronta ad entrare in azione.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
27 giugno 2015 6 27 /06 /giugno /2015 15:35
Torino:Carabiniera si commuove al giuramento e commuove Italia

Alla fine non c'è riuscita proprio a trattenerle, e quelle lacrime sono scese bagnando il suo viso. Il viso è quello dell'allieva Carabiniera Chiara Meseris, 25 anni. Si è commossa durante il giuramento avvenuto presso la Caserma Cernaia di Torino. L'emozione ha preso il sopravvento nel giorno in cui ha potuto finalmente realizzare il suo sogno."E' stata un'emozione grandissima"ha detto Chiara. Il padre Antonio Claudio, le ha asciugato le lacrime con un fazzoletto:un gesto immortalato in una foto che sta facendo il giro del web perché ha commosso l'Italia. "La sua commozione durante il giuramento è il simbolo di un'Italia che riconosce il valore delle istituzioni e l'emozione dell'appartenenza. Buon servizio di cuore a lei e a tutte le donne e gli uomini che quotidianamente si impegnano per il nostro paese"ha scritto il Premier Renzi su Facebook dopo avere parlato al telefono con lei.

 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
24 giugno 2015 3 24 /06 /giugno /2015 16:44
Roma:il Generale Termentini si ribella alle offese del sindaco Marino

Il Generale Ferdinando Termentini non ci stà e si ribella agli insulti rivolti alla destra dal sindaco di Roma, l'altro giorno nel corso della Festa dell'Unità nella capitale. Marino aveva infatti invitato la destra"a tornare nelle fogne" : "tornino nelle fogne da dove sono venuti invece di dare lezioni di democrazia e rigore a noi che siamo i naturali eredi"e aveva ribadito la sua volontà di restare saldamente incollato alla sua poltrona(nonostante gli scandali di "Mafia Capitale" e il degrado della città) :"Andremo avanti fino al 2023 e faremo lì il nostro bilancio".Così il Generale Termentini ha affidato ad una lettera la sua risposta alle offese del sindaco di Marino. Una lettera che in queste ore sta facendo il giro del web e sta ottenendo molti consensi favorevoli e un ampio dibattito sui diversi social networks.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
19 giugno 2015 5 19 /06 /giugno /2015 17:30
Milano:ai Parà della Folgore ordine di non portare il basco. Perchè?

Anche i parà della Folgore vigilano sull'Expo di Milano.Sono i parà del 183°e del 186°Reggimento, operativi dal 30 aprile quando sono immediatamente arrivati sul posto su due pullman e 19 mezzi. Un paio di settimane fa, le tende nelle quali alloggiavano assieme ai militari dell'Esercito erano andate distrutte durante un nubifragio(vedi articolo su questo stesso blog alla sezione"Attualità") e così dopo un'interrogazione parlamentare e varie segnalazioni dai siti web, per una decina di giorni hanno alloggiato in delle palazzine. La cosa che colpisce è che-come-riportato dal sito"Congedatifolgore.it", sulle teste di questi parà non c'è il glorioso basco amaranto, ma il"jungle"in goretex che indossano anche tutti gli altri militari. Ai parà della Folgore è stato dato l'ordine di non indossare il loro basco. Qualcuno ha cercato di intervistare dei parà per scoprire la ragione di tale ordine, ma ovviamente i militari non hanno potuto rilasciare nessuna dichiarazione. Resta una sola domanda:perchè?

Repost 0
Published by Alessandra C. - in attualità
scrivi un commento