Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
23 ottobre 2020 5 23 /10 /ottobre /2020 17:26
Livorno:la Brigata Paracadutisti"Folgore"ha celebrato il 78°anniversario battaglia El Alamein

"Per la nostra Patria , i Paracadutisti hanno dato tantissimo e continuano a dare ancora oggi con la stessa forza, intensità e tenacia, con lo stesso coraggio  e per gli stessi valori caratteristici del soldato di sempre che ci ha indicato la "Via del Dovere". Tutto ciò é ancora oggi la Folgore, ovvero ciò che é stato, ciò che rappresenta ai nostri giorni e ciò che sarà sempre.": con queste parole il Comandante della Folgore, il Generale di Brigata Beniamino Vergori, ha voluto evidenziare come nonostante il distanziamento fisico imposto dalle misure di contrasto  all"emergenza pandemica,  i paracadutisti dell'esercito restano indissolubilmente uniti nel ricordo della Patria.   I Paracadutisti della Folgore  sono una grande unità dell'Esercito Italiano, che manovrando  nella terza dimensione,  é in grado anche con breve preavviso, di pianificare  preparare e condurre  ogni tipo di operazione  militare schierando, con aviotrasporto o aviolancio le proprie  unità anche a distanze  strategiche. Il personale della Folgore  é costantemente impegnato  anche con  piccoli nuclei o singoli specialisti,  in quasi tutte  le operazioni nazionali ed internazionali,  dove sono impiegate le Forze Armate Italiane.

Oggi i Paracadutisti della Folgore   hanno commemorato il  78° Anniversario della battaglia di El Alamein, con la deposizione di una corona d'alloro presso i monumenti dedicati al ricordo dei caduti nelle proprie Unità. La commemorazione si é svolta in forma ridotta  e nel rispetto delle norme di distanziamento  sociale e contenimento del contagio dal COVID-19. I Paracadutisti della Folgore , 78 anni fa, si trovavano schierati a difesa di El Alamein, lungo un fronte  di 15 chilometri con un rapporto di forze impari, seppero resistere  oltre l'immaginabile , con incredibile determinazione ed energia, ai ripetuti attacchi  avversari, respingendo ogni  tentativo di sfondamento e infliggendo al nemico  gravi perdite.

Al prezzo di grandi sacrifici, circa 1.100 tra morti , feriti e dispersi l'inaspettata resistenza, protrattasi per una settimana, costrinse i comandi inglesi  a sospendere ogni ulteriore iniziativa su quel fronte.  "Noi tutti dobbiamo inchinarci dinanzi ai resti di quelli che furono i Leoni della Folgore"  con queste parole il  Primo Ministro inglese Winston Churchill, parole ormai scolpite nella storia, volle rendere omaggio all'incredibile eroismo dei Paracadutisti della Folgore.

Condividi post

Repost0
9 ottobre 2020 5 09 /10 /ottobre /2020 17:13
Carpegna:i Paracadutisti del 183° Nembo della Folgore portano a termine esercitazione "SteelForge 2^-2020"
Carpegna:i Paracadutisti del 183° Nembo della Folgore portano a termine esercitazione "SteelForge 2^-2020"

Più di 200 Paracadutisti del 183°Nembo hanno portato a termine nei giorni scorsi presso il poligono militare di Carpegna, (PU) la seconda di una serie di esercitazioni denominate "Steel Forge". La "Steel Forge 2^-2020 é stata inserita nell'esercitazione federata "Dagger Resolve 2020"al fine di addestrare il personale nell' ambito più vasto del Battlespace Mangement (BSM) perché addestrarsi  in un contesto realistico permette di consolidare competenze, flessibilità, rapidità decisionale nonchè spirito d'iniziativa. Addestrare unità di manovra del battaglione verificando l'efficacia delle procedure  tecnico-tattiche questo é stato lo  scopo principale dell'esercitazione.

La fase esercitativa è stata in primo piano ed ha riguardato il plotone morati pesanti "Pegaso"della 12^compagnia "Leopardi"che ha sparato con mortai  Thomson da 120 millimetri. Queste attività di addestramento hanno l'obiettivo principale di consolidare le capacità del reparto e di portare a termine l'approntamento dell'unità in previsione dell'impiego quale LRF (Land Reserve Force).

Carpegna:i Paracadutisti del 183° Nembo della Folgore portano a termine esercitazione "SteelForge 2^-2020"
Carpegna:i Paracadutisti del 183° Nembo della Folgore portano a termine esercitazione "SteelForge 2^-2020"

Condividi post

Repost0
23 settembre 2020 3 23 /09 /settembre /2020 18:34
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo

E' durato tre settimane e si é concluso a Pisa presso il Centro Addestramento di Paracadutismo della Brigata"Folgore"il corso di abilitazione all'aviolancio con la tecnica dell'apertura automatica svolto on favore degli ufficiali del Corpo Ingegneri del 200° corso "Dovere" e degli Allievi Ufficiali del 201° corso "Esempio"dell'Accademia Militare di Modena.

Gli allievi per tre settimane hanno seguito attività addestrative con lezioni teorico-pratiche, con l'obiettivo di apprendere tutte le fasi del lancio con il paracadute a calotta semisferica. Durante il corso gli allievi hanno appreso ad utilizzare i materiali, il comportamento da tenere a bordo del velivolo,  la corretta tecnica di uscita dall'aereo,  la discesa a paracadute aperto e  in ultimo l'atterraggio, fasi che consentono ad ogni paracadutista  militare di  raggiungere il suolo in sicurezza, pronto per compiere la proprio missione. 

La Brigata Paracadutisti"Folgore"Unità da combattimento dell'Esercito Italiano,  é da sempre attenta alla formazione del personale, e impiega le sue migliori risorse per fornire il massimo dell'esperienza e della competenza ai frequentatori.  L'aviolancio, é inserito all'interno di un'operazione militare, ed é un'attività complessa in cui la cooperazione e l'interoperabilità tra diverse unità consentono di condurre l'azione secondo quanto pianificato.

Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo
Pisa:allievi dell'Accademia Militare di Modena e ufficiali dell'Esercito conseguono il brevetto di Paracadutismo

Condividi post

Repost0
20 settembre 2020 7 20 /09 /settembre /2020 18:10
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.

"Engagement Skill Trainer"(E.S.T.): questa la denominazione del corso di simulazione seguito dai Paracadutisti del 183°Reggimento "Nembo" tenutosi a Vicenza dal 14 al 17 settembre presso la Caserma Del Din e  in coordinamento con la 173d Airborne Brigade.  L'E.S.T.  nel suo impiego più semplice appare come un simulatore di tiro computerizzato che sfrutta una tecnologia a raggi laser sui bersagli visualizzati su uno schrmo. Le potenzialità del sistema in realtà sono molteplici: circa dieci piazzole di tiro, diverse armi impiegabili, diverse distanze le distanze dei bersagli.  La parte più interessante é rappresentata  dal meccanismo ad aria compressa  che riproduce  sparo e rinculo rendendo l'azione di fuoco molto realistica e vicina al 90% della sensazione di sparo reale.  La parte più complessa del sistema prevede la proiezione di scenari che immergono la squadra nei vari contesti operativi in cui i militari si sono trovati ad operare.

Moltissime le situazioni  in cui la squadra viene immersa dal simulatore: imboscate, pattugliamenti, check point, centri abitati. L'interazione con lo scenario consente di migliorare  le capacità di coordinamento dell'unità e di addestrare le capacità decisionali  di ogni paracadutista che si addestra reagire con alla situazione  che viene proposta in tempi rapidi e con efficacia. Il computer registra  colpi e traiettorie ee al termine dell'operazione viene proiettato il replay dell'azione evidenziando con precisione le modalità con le quali il personale ha sparato.

Questo consente un controllo rapido  sulle procedure  sugli aspetti positivi  e sui punti da migliorare riguardo l'azione che é stata appena eseguita. Al termine di questo corso gli istruttori  del 183°"Nembo" hanno conseguito la certificazione che li abilita all'utilizzo di questo sistema di simulazione e che entra a far parte delle possibilità addestrative dei paracadutisti della Folgore.

Il Comando Forze Operative Nord, Alto  Comando dell'Esercito che ha  alle proprie dipendenze la Brigata"Folgore", favorisce da tempo l'utilizzo di simulatori diventati sempre più importanti nella formazione, nel mantenimento e nel miglioramento delle capacità del personale.

Strumenti tecnologici come l'E.S.T. , consentono infatti di  istruire velocemente personale nei vari esercizi da svolgere, portando  ad un sostanziale risparmio di risorse e di economiche, di tempo nonchè salvaguardando l'ambiente.  Il simulatore utilizzato dai militari statunitensi della 173°d Airborne Brigade, rappresenta la volontà da parte delle aviotruppe di eserciti diversi, di creare un legame addestrativo, oltre che operativo , all'interno della più ampia Aiborne Comminity.

Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.
Vicenza:i Paracadutisti del 183° "Nembo conseguono abilitazione all'uso del sistema E.S.T.

Condividi post

Repost0
11 settembre 2020 5 11 /09 /settembre /2020 17:55
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante

"L'emozione con cui lascio il comando é intensa. Comandare il 183° Reggimento Paracadutisti  é stato un grandissimo onore e spero di essere stato all'altezza  degli uomini e delle donne  che ogni giorno con impegno e sacrificio si dedicano ad accrescere il prestigio dell'unità, della Brigata Folgore e dell'Esercito Italiano. Ora e Sempre...Nembo!":queste le parole con le quali il Colonnello Massimiliano Mongillo ha voluto saluto salutare i paracadutisti del "Nembo", cedendo il comando al Colonnello Vincenzo Zampella al 183°Nembo.

 Si é svolta oggi infatti presso la Caserma Marini di Pistoia, la cerimonia di avvicendamento al comando del 183° Reggimento "Paracadutisti "Nembo". Alla presenza del Comandante della Brigata Paracadutisti "Folgore", il Generale Beniamino Vergori, e delle autorità civili e religiose della città di Pistoia, il Colonnello Massimiliano Mongillo ha ceduto il Comando al Colonnello Vincenzo Zampella.  La cerimonia é stata davvero molto emozionante soprattutto nel momento del tradizionale passaggio della bandiera di guerra che ha sancito il trasferimento della responsabilità del comando e si é svolta in forma ridotta e nel rispetto delle disposizioni sanitarie vigenti per l'emergenza COVID-19.

Il Comandante della Folgore, il Generale di Brigata Beniamino Virgori, durante il suo intervento ha elogiato i Paracadutisti del Nembo ed il Colonnello Mongillo per"lo straordinario, costante  e  elevatissimo impegno  profuso in ogni circostanza e per gli eccezionali risultati raggiunti". Il Colonnello Mongillo in più di 2 anni ha guidato i suoi Paracadutisti  in moltissime attività addestrative ed operative. Durante questi anni sono stati inoltre approntati e dispiegati assetti del 183° Reggimento "Nembo"anche nelle varie operazioni che vedono impegnato l'Esercito Italiano.

La cerimonia di del passaggio di consegne al comando del "Nembo" é stata anche l'occasione per inaugurare il nuovo monumento sul piazzale della caserma Marini. Il monumento verso il quale si rivolgono i Pracadutisti  del ""Nembo ogni mattina per l'alzabandiera, é stato infatti restaurato nei mesi scorsi ed oggi ha ricvuto la benedizione del Vescovo di Pistoia, Monsignor Fausto Tardelli.

Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante
Pistoia:cambio al Comando del 183°Nembo:il Colonnello Vincenzo Zampella è il nuovo Comandante

Condividi post

Repost0
30 luglio 2020 4 30 /07 /luglio /2020 18:57
Pistoia:parà della Folgore portano a termine addestramento aviolancistico con tecnica caduta libera
Pistoia:parà della Folgore portano a termine addestramento aviolancistico con tecnica caduta libera

Lanci da quote superiori ai 3000 metri effettuati utilizzando un C 27 J "Spartan"dell'Aeronautica Militare e un elicottero CH47 del 1°reggimento AVES "Antares": questo lo specifico addestramento aviolancistico con la tecnica della caduta libera portato a termine nei giorni scorsi dagli esploratori paracadutisti, provenienti dalle unità della Brigata "Folgore".  I plotoni esploratori paracadutisti della Brigata "Folgore"sono composti  da personale  selezionato e sottoposto a specifico  corso di formazione. Dopo un intenso iter formativo  acquisiscono le capacità di lancio con la tecnica  della caduta libera permettendo loro di di sfruttare appieno le inserzioni con aviolancio.

L'attività addestrativa è stata condotta nelle zone di lancio di Ampugnano (SI) e Lajatico (PI) ed é stata pianificata, coordinata e condotta dal nucleo istruttori TCL ( Tecnica Caduta Libera) del Centro Addestramento di Paracadutismo (CAPAR ) di Pisa.

L'alta quota di lancio, con apertura del paracadute  subito dopo aver lasciato  l'aeromobile, consente agli esploratori paracadutisti , con l'utilizzo di sistemi di navigazione  GPS, di "coprire" fino a 15 km di distanza orizzontale.

Dal punto di vista tattico la capacità acquisita dalle unità esploranti consente una maggiore efficacia nella delicata fase  di inserzione nell'area dell'operazione e nell'avvicinamento all'obiettivo, semplificando le successive fasi di osservazione e riporto di dati informativi.

Pistoia:parà della Folgore portano a termine addestramento aviolancistico con tecnica caduta libera

Condividi post

Repost0