Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 agosto 2011 1 29 /08 /agosto /2011 15:10

A fianco dei  militari che combattono in Afghanistan e in altre nazioni ,ci sono altri  militari,  e poi magari anche gli stessi  partiti in missione, che poi al rientro devono combattere un'altra guerra. Una  guerra contro un nemico che si chiama uranio impoverito. Oppure ci sono militari che si ammalano mentre prestano servizio  in Italia "Salve, mi trovavocagliari-lettera-di-soldatessa-malata-di-cancro-da-copia-1.jpg per caso in questo sito(www.vittimeuranio.com)  dopo una serie di ricerche sulla mia malattia. Mi chiamo...., sono Caporal maggiore dell'Esercito Italiano. Ho 28 anni e da qualche mese ho scoperto di avere un linfoma di Hodgkin. Sono in cura presso l'Ospedale Oncologico di Cagliari. Per circa 2 aNni e mezzo ho prestato servizio al Poligono Interforze di Perdasdefogu(Quirra), e non nego che tutti i medici, alla scoperta della mia malattia, mi hanno chiesto se fossi stata in quella zona. Ho sparato anche io i "famosi"missili che non ho ancora capito se sono tossici o no. Ebbene sì sono statA anche a Teulada per delle esercitazioni visto il mio incarico di missilista controcarro. Alla luce di tutto questo ora vorrei delle risposte. Vorrei sapere se la mia malattia dipende dal lavoro che faccio e che ho fatto, lotto con tutte le mie forze per combattere questa malattia. Ma voglio la risposta. Mi sto curando di cancro a 28 anni . Adesso voglio la verità sul Poligono del Salto di Quirra e sulla mia malattia."  Questa la lettere di una soldatessa sarda ammalatasi di Linfoma di Hodgkin, la stessa malattia del Caporal maggiore Valery Melis scoperta al rientro dalle sue missioni dai Balcani. Alcune settimane fa i suoi familiari hanno vinto la causa contro il Ministero della Difesa ritenuto responsabile di non aver avvertito i militari di utilizzare le adeguate protezioni nel maneggiare le armi all'uranio impoverito. La soldatessa  sarda ora chiede la verità sul Poligono di Quirra. Le indagini  sul Poligono iniziate mesi fa, sono ancora in corso, e dopo la scoperta che la zona è contaminata, i pastori e il bestiame che un tempo avevavo libero accesso alla zona, sono stati fatti sgomberare non senza polemiche.  E'stato accertato, anche grazie alle testimonianze degli abitanti del posto, che sia personale militare che civile che ha prestato servizio in quel Poligono si è ammalato,e  alcuni sono morti.  Per svolgere ulteriori accertamenti sono state fatte riesumare le salme di persone decedute tempo fa. Tutte persone che in un modo o nell'altro, avevavo avuto a che fare con il Poligono di Quirra e che si erano ammalate.  Le cifre sono davvero impressionanti: i militari italiani che si sono ammalati a causa dell'utilizzo di armi di armi all'uranio impoverito sono 3 mila. Un anno fa il Ministro della Difesa La Russa rispondendo ad un'interrogazione, aveva parlato di 2.727 militari ammalitisi di cancro al 31 dicemmbre 2009. La domanda è: perchè nelle missioni all'estero e nei Poligoni si continuano ad utilizzare armamenti contenenti uranio impoverito? La soldatessa sarda vuole la verità. Come tutti gli italiani del resto. 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento

commenti