Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 maggio 2016 1 23 /05 /maggio /2016 12:40
Roma:caso marò:il 26 indiani decidono su rientro Girone in Italia

Il rientro del fuciliere del S.Marco Salvatore Girone sembrava cosa fatta. Tutti a esultare felici, sembrava dovesse rientrare da un giorno all'altro. Ma così non è stato. E chissà se il militare italiano, costretto da più di quattro anni a vivere in India, lontano dalla famiglia e dai suoi figli ancora piccoli, in libertà condizionata con obbligo di dimora presso la dependance dell'Ambasciata italiana a New Delhi davvero rientrare presto.

Già, perché ancora una volta la palla passa agli indiani, che giovedì 26 maggio dovranno pronunciarsi su questo rientro. E' di oggi la notizia che la Farnesina ha fatto la" voce grossa" con gli indiani presentando una richiesta di attuazione urgente della suddetta decisione. La Corte Permanente di Arbitrato aveva stabilito che Girone sarebbe dovuto rientrare in Italia per motivi umanitari. Mentre La Corte Suprema Indiana ha stabilito che indiani e italiani devono trovare un accordo su modalità e condizioni del rientro del militare italiano.

Il destino del fuciliere del S.Marco è di nuovo nelle mani degli indiani. L'altro fuciliere del S.Marco Massimiliano Latorre, in Italia con permesso di convalescenza, sul suo profilo Facebook ha tolto la foto postando un quadrato nero a significare metaforicamente un'oscurità che inghiotte tutto, la sorte di questi due servitori dello Stato accusati ingiustamente di avere ucciso due pescatori indiani durante il loro servizio di antipirateria, un buio che inghiotte anche la verità con alcune prove sparite e altre importanti ed evidenti come la perizia balistica, prova regina della loro innocenza, una prova che viene volutamente ignorata. Perché?

Condividi post

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Marò
scrivi un commento

commenti

174VAM 05/23/2016 17:34

Ma perchè, c'erano dubbi che gli indiani avessero continuato a fare gli "indiani"?
Era ed è ovvio, che tenteranno in tutti i modi (come in effetti stanno facendo) di impedire il ritorno del nostro Fuciliere, sperando di raccattare ancora qualcosa "in cambio"; e che ciò avvenga anche in violazione di una precisa e ben definita decisione del Tribunale dell'Aja è un semplice ed irrilevante (per loro) "dettaglio".
"loro" (scritto appositamente minuscolo) hanno già ampiamente dimostrato di ritenersi esseri "superiori", quindi esonerati dall'applicazione di "stupide" ed elementari norme di diritto internazionale e della navigazione;
E adesso si "pretenderebbe" che si debbano ritenere obbligati ad applicare disposizioni impartite da un "banalissimo tribunale internazionale"?
Suvvia, non diciamo eresie!
loro (scritto sempre minuscolo) sono indiani!
Non c'è che fare: è la loro "natura".
Altri 200 anni di dominazione inglese (come minimo), forse, sarebbero serviti.