Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
23 maggio 2022 1 23 /05 /maggio /2022 14:46
Ucraina: contingente di 1.000  militari italiani pronti a partire in Bulgaria e Ungheria
Ucraina: contingente di 1.000  militari italiani pronti a partire in Bulgaria e Ungheria

1.000 militari italiani (soprattutto unità dell'Esercito)sono pronti a partire per la Bulgaria e l'Ungheria per rafforzare il fronte Sud-Est europeo nella guerra in Ucraina. E cosi la guerra si avvicina ancora di più."Rafforzeremo la postura di deterrenza e rassicurazione con particolare attenzione al fianco est. L'Italia già contribuisce con una componente terrestre in Lettonia, una componente aerea in Romania, e Islanda ed una navale nel Mediterraneo orientale e a questo sforzo si aggiungeranno impegni in Bulgaria e Ungheria che saranno inseriti nella Delibera Missioni di prossima presentazione in Parlamento"queste le parole del Ministro della Difesa Guerini.

L'Italia sarà al comando dei contingenti dei Paesi NATO che sono già dispiegati in Bulgaria con  un ruolo di grande responsabilità. Pare quindi che l'intervento militare diretto dell'Italia nel conflitto ucraino sembri davvero inevitabile, nonostante i tanti negoziati da una parte e l'invio però di armi all'Ucraina dall'altra parte. Ma la pace si sa, non si ottiene mai con l'invio di armi , ormai da mesi, all'Ucraina, invio che non si ferma nemmeno davanti al"Se continuate sveleremo tutto"da parte dei russi. Dove quel "tutto" si riferisce soprattutto a quello che accadde in piena pandemia nel 2020 in Italia, quando ci fu una missione da parte di militari russi, tra i quali alcuni epidemiologi, che supportarono i sanitari italiani durante la terribile ondata del Covid-19. Cosa accadde esattamente in quei giorni? Forse i russi lo sveleranno a breve,  di concreto, per ora, secondo alcune fonti, ci sarebbe una relazione scritta molto negativa e critica nei confronti della sanità italiana e del governo stesso. Una relazione che forse, potrebbe fare crollare il governo. Ma intanto  l'invio di armi continua, e i militari italiani si preparano a partire per una guerra che non é la loro, come ha detto qualche Generale.

 

Ucraina: contingente di 1.000  militari italiani pronti a partire in Bulgaria e Ungheria
Condividi post
Repost0
18 maggio 2022 3 18 /05 /maggio /2022 09:41
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"

Aviolancio con la tecnica della caduta libera ad alta quota, e la navigazione "a paracadute aperto"nella zona dell'esercitazione: sono solo alcune dei compiti portati a termine dai Paracadutisti della Folgore durante l'esercitazione "Swift Response 2022"(SR22). 

L'imponente esercitazione multinazionale si sta svolgendo ij questi giorni nella Macedonia del Nord e si concluderà il 20 maggio,  vede entrare in azione  anche 500 Parà della Folgore, oltre a mezzi e uomini di Marina Militare, Aeronautica Militare come anche riportato dal quotidiano "congedati.folgore.it ".La Brigata Folgore partecipa all'esercitazione con un Gruppo Tattico Pluriarma, interamente aviolanciato formato da tutte le componenti della Grande Unità da combattimento ovvero combat, combat support e combat service support), del 187° Reggimento Folgore, 183° Reggimento Nembo, 186° Reggimento Folgore, 185° Reggimento Artiglieria Paracadutista Folgore, 8°Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore e trasmettitori del Reparto Comando.

I Paracadutisti hanno effettuato lancio di materiali, armamento e viveri per assicurare le risorse operative necessarie per la conduzione di innumerevoli attività tattiche offensive ed abilitanti, come ad esempio il superamento di un corso d'acqua. Le unità esploranti della "Folgore" dopo aver pianificato le operazioni in sinergia con i paracadutisti dei Paesi Alleati, hanno portato a termine un aviolancio con la tecnica della caduta libera ad alta quota e la navigazione" a paracadute aperto"nell'area dell'esercitazione, per eseguire compiti di ricerca e ricognizione delle zone di lancio e delle aree obiettivo e garantire cosi un flusso informativo costante e puntuale in modo da aggiornare la situazione operativa.

In una seconda fase tutti i paracadutisti sono stati imbarcati su un C130J della 46a Brigata Aerea dell'Aeronautica Militare e tre C130j della US Air Force decollati dall'Aeroporto Militare di Pisa e della stazione Aeromobili della Marina Militare di Grottaglie e sono stati poi aviolanciati con il compito di occupare, espandere e consolidare la testa di aviosbarco, la condizione indispensabile per l'afflusso delle ulteriori forze in arrivo.

Per l'azione sugli obiettivi in profondità i parà italiani hanno utilizzato gli elicotteri della Royal Air Force britannica ed hanno inoltre effettuato "attività di scavalcamento"del 2nd para battalion dell'Esercito britannico. Due caccia Eurofighter del 37°Stormo dell'Aeronautica Militare e da due AV-8B II plus della Marina Militare decollati dalla portaerei Cavour hanno scortato i velivoli durante la fase di trasporto aereo dall'Italia e di aviolancio in Macedonia. Questi stessi velivoli di attacco hanno inoltre garantito la sicurezza delll'area portando a termine un Close Air Support (CAS), mediante la guida dei nuclei Joint Terminal Attack Controller (JTAC) della Folgore.

Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore effettuano lancio di massa nella "Swift Response"
Condividi post
Repost0
15 maggio 2022 7 15 /05 /maggio /2022 16:26
Cagliari:prove di guerra in Sardegna, vietato l'accesso a 17 spiagge
Cagliari:prove di guerra in Sardegna, vietato l'accesso a 17 spiagge

Soffiano i venti di guerra anche in Sardegna fino al 27 maggio. 4.000 militari provenienti da 7 nazioni della NATO, più di 65 mezzi navali ed aerei tra i quali, sommergibili, ed elicotteri: sono solo alcuni dei numeri della imponente esercitazione NATO "Mare Aperto 2022"che si sta svolgendo in Sardegna in questi giorni e iniziata il 3 maggio.

Pronta ad entrare in azione anche la portaerei Cavour con i nuovi F35 ed i caccia Eurofighter. La nave S.Marco ieri era ormeggiata al porto di Cagliari, e i militari della Brigata S.Marco stavano completando le operazioni di carico di alcuni mezzi blindati.Questa unità della Marina Militare, é designata per sbarcare truppe d'assalto anfibio in operazioni di proiezioni di potenza dal mare. Può adattarsi inoltre a compiti di vario tipo come assistenza sanitaria, trasporto di veicoli speciali come ad esempio cucine e ospedali da campo, containers,  generatori di corrente etc.

L' esercitazione NATO é presto entrata nell'occhio del ciclone, ed é stata richiesta un'interrogazione parlamentare. I sardi sono abituati alle esercitazioni, ma questa é davvero particolare, dato che tramite un'ordinanza dei giorni scorsi e all'inizio della stagione estiva e turistica sono state" chiuse" ben 17 spiagge, tra le quali un'area del Poetto e di Villasimius, oltre a Cala Pira, Capo Ferrato e via dicendo.

Non se ne comprende la motivazione, dato che di solito le esercitazioni militari hanno sempre avuto come scenario i 3 poligoni di Teulada,  Quirra e S.Lorenzo, e Capo Frasca, e c'è notevole preoccupazione per i possibili danni ambientali. Intanto l'ordinanza n.76 del Comando della Capitaneria   di Porto parla chiaro:"Nelle zone di mare identificate dai rispettivi punti, nei giorni e negli orari di seguito indicati pere ciascuna zona, sono vietati il transito, la sosta, la navigazione,  l'ancoraggio, di ogni tipologia  di unità navale, comprese quelle da diporto, nonché le immersioni, la balneazione, la pesca ed i mestieri affini". Tutti questi divieti hanno decorrenza immediata e fino al 27 maggio."

Le esercitazioni si svolgeranno sviluppando attività che interesseranno anche il territorio circostante dei territori marittimi grazie alle capacità di proiezione a terra espresse dalla componente anfibia a bordo" si legge in una nota del Ministero della Difesa, il che in pratica  significa che ci saranno anche sbarchi sul terreno con mezzi anfibi. Si ipotizza forse che questa esercitazione serva a preparare nei minimi dettagli uno sbarco sulle coste del Mar Nero. Soffiano i venti di guerra anche in Sardegna, ma si spera solo fino al 27 maggio.

Cagliari:prove di guerra in Sardegna, vietato l'accesso a 17 spiagge
Cagliari:prove di guerra in Sardegna, vietato l'accesso a 17 spiagge
Cagliari:prove di guerra in Sardegna, vietato l'accesso a 17 spiagge
Condividi post
Repost0
11 maggio 2022 3 11 /05 /maggio /2022 14:54
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"

"Dynamic Defence": questa la denominazione dell'esercitazione pluriarma e multifunzionale portata a termine dai militari della Brigata Sassari, inquadrata nell'ambito della Very High Readiness Joint Task Force (VJTF) ,nei giorni scorsi presso la base di Capo Teulada. E' la terza e più complessa delle attività addestrative pluriarma e multifunzione , condotta dalla Brigata Sassari , il cui obiettivo é il mantenimento della capacità operativa raggiunta dalle componenti Combat, Combat Support e Combat Service Support nell'ambito Very High Readiness Joint Task Force (VJTF)della NATO Response Force(NRF).

Durante l'esercitazione é stata simulata l'esplosione di un sito di stoccaggio di materiale radioattivo, a seguito della quale ° stata testata la capacità di difesa CBRN degli assetti coinvolti, ed in particolare, di un team del 3° Reggimento Genio Guastatori che hanno allestito 2 strisce di decontaminazione a favore del personale potenzialmente soggetto a rischio chimico e radiologico. Il 3° Reggimento Bersaglieri é entrato in azione operando in uno scenario ostile ed ha concepito e pianificato un'esercitazione complessa basata su un'attività tattico-difensiva a livello gruppo tattico e condotto un'esercitazione a fuoco con l'impiego di assetti specialistici di supporto alla manovra. I Bersaglieri sono stati impegnati in un'attività difensiva e frenaggio svoltasi mediante l'impiego dei sistemi di simulazione e del personale del Centro di Addestramento Tattico  di 1° livello (CAT) e di forze di opposizione (OPFOR), rappresentate da unità del 5° Reggimento Fanteria, del Reggimento "Lancieri di Aosta",  (6°) e del 4° REggimento Genio Guastatori della Brigata "Aosta".

In una seconda fase dell'esercitazione, supportati dal nucleo Sorveglianza Acquisizione Obiettivi Visuali (SAOV) ad entrare in azione, é stato il plotone mortai pesanti che, con fuoco di interdizione, ha anticipato l'impiego del nucleo tiratori scelti. Le attività cinetiche si sono concluse con il supporto degli elicotteri dell'Avazione dell'Esercito che hanno assicurato la manovra terrestre da e nella terza dimensione. In volo 2 UH-205A del 4°Reggimento AVES"Altair" e due UH-90 del 7°Reggimento Aves"Vega", che hanno effettuato l'elitrasporto del plotone esplorante quale Quick REaction Air (QRA) del gruppo tattico.

Sul terreno sono stati impiegati gli assetti Route Clearance Package (RCP) del 5° Reggimento Genio GUastatori, che hanno ricognito gli itinerari e svolto le bonifiche speditive di ordigni espolosivi improvvisati (IED)ed assetti del Reggimento Logistico "Sassari", che hanno simulato interventi di recupero e sgombero di mezzi in avaria e garantito le attività di rifornimento dei materiali delle classi 4 e 5.

Grazie alla presenza degli assetti dell'Aviazione dell'Esercito e della Brigata "Aosta"ed al costante supporto che il 3° Reggimento Bersaglieri della "Sassari" fornisce permanentemente, con una compagnia, al Centro Addestramento Tattico di 1°Livello (CAT), é stato possibile convogliare tutte le risorse presenti presso il Poligono di Capo Teulada, in un'esercitazione  che ha reso possibile il test della capacità di pianificazione, coordinamento e condotta di attività tattiche difensive del Posto Comando di gruppo tattico, con l'obiettivo di mantenere il know how degli assetti specialistici della gloriosa "Brigata Sassari".

Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Teulada:la Brigata Sassari porta a termine l'esercitazione"Dynamic Defence"
Condividi post
Repost0
9 maggio 2022 1 09 /05 /maggio /2022 14:10
Roma:con missili Grifo e Tank Ariete l'Esercito Italiano si prepara alla guerra

Intensificare l'addestramento e ammodernare: queste le parole d'ordine dello Stato Maggiore dell'Esercito davanti alla minaccia di una possibile estensione del conflitto ucraino all'Europa. "La capacità di qualsiasi professione si basa sull'addestramento, ed il sistema d'arma, moderno o datato, richiede preparazione. L'addestramento necessita di risorse e aree addestrative. Le risorse sono state nel tempo vittime di tagli di contabilità che hanno sacrificato efficienza ed efficacia dei nostri reparti. La forza armata ha un solo compito:difendere il popolo da sopruso e prepotenza" queste le parole di Pietro Serino, Capo di Stato Maggiore dell'Esercito.

L'ammordenamento dell'Esercito Italiano é in corso con l'incremento del numero di blindati e carri armati.Sono in arrivo i Grifo, i nuovi missili dei quali i militari stanno aspettando le prime forniture, e i  test preliminari  dei quali sono già stati svolti. La produzione di questi missili inizierà l'anno prossimo  e verrà consegnato nel 2025 all'Italia.  I missili Grifo sono a corta gittata, e hanno lo scopo di rafforzare la contraerea I contratti per potenziare gli armamenti sono già stati firmati, e cosi si é in attesa anche dell'arrivo dei Lince di nuova generazione e delle Blindo Centauro digitalizzate, dotati di un cannone da 120 millimetri,  resistenti agli  ordigni esplosivi improvvisati, come  sono anche attesi sono i carri armati Ariete dotati di una cingolatura di un motopropulsore più potente.

Per ciò che riguarda invece l'addestramento, questo deve essere intensificato, i reggimenti che si occupano delle attività operative  non devono essere sguarniti, bisogna inoltre essere pronti a schierare tutti i mezzi possibili che possono essere necessari per scongiurare possibili attacchi. Per questo motivo il Ministro della Difesa Guerini, ha voluto ridimensionare l'impiego dei militari dell'Esercito nell'Operazione"Strade Sicure"sostenendo che:"E' tempo che i militari tornino ai compiti che si confanno al proprio Corpo di appartenenza" .

Ed e' cosi che per i prossimi mesi sono previste 59 esercitazioni con diversi scenari in modo da consentire uno specifico addestramento per ogni singolo reparto, cercando anche di salvaguardare l'ambiente circostante. Nonostante tutto però, la speranza che il conflitto non si estenda all'Europa é l'ultima a morire, come quella che il dialogo prevalga sulle armi , anche su quelle di ultima generazione.

Roma:con missili Grifo e Tank Ariete l'Esercito Italiano si prepara alla guerra
Condividi post
Repost0
6 maggio 2022 5 06 /05 /maggio /2022 16:21
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore in azione nell'esercitazione"Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore in azione nell'esercitazione"Swift Response"

30.000 militari provenienti da oltre 20 paesi, dei quali circa 7000 dispiegati sul territorio della Polonia, carri armati, più di 100 veicoli corazzati da combattimento: sono solo alcune cifre dell'imponente esercitazione "Swift Response", che iniziata il 5 maggio, vede entrare in azione anche i Paracadutisti della Folgore.

L' imponente esercitazione, é un'esercitazione di addestramento difensivo che ha come obiettivo quello di migliorare la capacità di difesa delle truppe britanniche e finlandesi di lavorare in sinergia, "scoraggiandol'aggressione russa in Scandinavia e negli stati baltici, come ha affermato il Ministero della Difesa di Londra, nonchè anche di dimostrare solidarietà e forza, in uno dei più grandi dispiegamenti di forze dai tempi della Guerra Fredda".

All'esercitazione parteciperanno anche alcune migliaia di soldati inglesi, del loro contigente fanno parte anche i militari di Danimarca, Islanda e Norvegia.Le truppe sono dislocate  in Macedonia, dove sicuramente si lanceranno i Parà della Folgore,  ed anche in in Slovenia, Lettonia, Lituania, Polonia, Estonia, e Norvegia.

 

Macedonia:i Paracadutisti della Folgore in azione nell'esercitazione"Swift Response"
Macedonia:i Paracadutisti della Folgore in azione nell'esercitazione"Swift Response"
Condividi post
Repost0
4 maggio 2022 3 04 /05 /maggio /2022 16:18
iraq:il contingente italiano fornirà supporto alla missione NATO
iraq:il contingente italiano fornirà supporto alla missione NATO

Il Detachment del Task Group Griffon con al comando il contingente italiano fornirà supporto elicotteristico alla NATO Mission in Iraq. L'Airmobile Task Group Griffon, equipaggiato con gli UH-90A, é il reparto  di elicotter italiani messo a disposizione della Coalizione globale anti Daesh. Il A.T.G. Griffon é inquadrato nell'Italian National Contingent Land di stanza ad ERbil, guidato dal Colonnello Piercarlo Miglio, che fornirà da oggi anche un detachment a support della NATO Mission Iraq, la cui leadership a breve, sarà dell'Italia.

Si é svolto infatti il passaggio di consegne tra il contingente danese e quello italiano. La cerimonia del passaggio di consegne, presieduta dal Comandante del Detachment danese, il Tenente Colonnello Bjorn Boesen, si é svolta presso la base aerea di Ayn al Asad, ed erano presenti una rappresentanza di militari italiani e danesi della Coalizione Globale nell'ambito dell'Operazione Inherent Resolve. Con il sottofondo musicale dell'inno della NATO e la firma tra il Comandante cedente e quello subentrante, del documento del passaggio di responsabilità  si é sancito formalmente il trasferimento di Autorità tra le due nazioni rappresentate.

Il Tenente Colonnello Boesen, durante il suo intervento, dopo aver esteso a tutti i presenti i saluti del Comandante della NATO Mission Iraq, il Tenente Colonnello Michael Anker Lollesgaard, ha ringraziato i rappresentanti della Coalizione per il supporto ricevuto durante il mandato e si é complimentato con i suoi uomini per l'ottimo lavoro svolto. Prima di concludere, il Comandante danese ha dato il benvenuto al nuovo Comandante del Detachment italiano, il Capitano Dino Valmori e rivolto un grande in bocca al lupo per le sfide che si appresta ad affrontare al servizio della NATO Mission Iraq, augurandogli di raggiungere sempre maggiori successi.

iraq:il contingente italiano fornirà supporto alla missione NATO
iraq:il contingente italiano fornirà supporto alla missione NATO
Condividi post
Repost0
2 maggio 2022 1 02 /05 /maggio /2022 14:47
Roma:i Generali italiani si ribellano:"questa non é la nostra guerra"

"Bisogna fare in modo che questo conflitto termini. E da questo punto di vista non vedo l'impegno di nessuno, anzi vedo tutta una serie di incendiari che fanno esattamente l'opposto":questo il parere del Generale LeonardoTricarico, ex Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, sulla guerra in Ucraina e "Prima di tutto il nostro Paese dovrebbe fare di tutto, e non mi risulta che lo stia facendo, affinchè il conflitto possa cessare. Quando dico di fare di tutto, significa concertare con altri Paesi europei, in particolare Francia e Germania, una posizione comune nei confronti della schiera di Paesi guerrafondai, con in testa gli Stati Uniti affinchè la smettano, affinché promuovano una tregua e i negoziati, pena una turbativa nei rapporti con gli USA." Un parere controcorrente quello del Generale, considerando il fatto che l'Italia continua ad inviare armi a sostegno dell'Ucraina da una parte, e dall'altra con le sanzioni ha colpito la Russia. Sanzioni che si stanno rivelando un boomerang contro l'Italia, dato che Putin tra l'altro, dall'oggi al domani potrebbe decidere di chiudere i rubinetti del gas verso l'Italia.

Al parere del Generale Tricarico, fa eco quello del Generale  Bertolini:"Io credo che la guerra per essere considerata giusta dovrebbe essere prima di tutto  una guerra"nostra". E questa non lo é. (...) E' un conflitto dal quale fino a che é possibile, dobbiamo cercare di restare fuori, la guerra é iniziata con l'intervento della Russia, che non appartiene alla NATO:é uno scontro tra 2 paesi Europei che non hanno niente a che fare con la NATO e che non hanno niente a che fare con l'Italia. Credo non si possa discutere di neutralità o altro". 

I due  Generali ribelli e controcorrente, la pensano come la maggior parte del popolo italiano che é contro la guerra, ormai iniziata da più di 60 giorni. La pace si costruisce con il dialogo e le trattative, che però fino ad ora non hanno portato nessun risultato positivo concreto per mancanza di impegno e volontà reali. Militari ucraini e russi continuano a morire, come anche i tanti civili ucraini: perchè non si sta facendo tutto il possibile per scongiurare la Terza Guerra Mondiale? "Questa guerra non é nostra e bisogna fare in modo che questo conflitto termini": le parole dei due Generali italiani dovrebbero essere un incitamento decisivo a tutti coloro che in questi mesi si ostinano a fomentarla la guerra.

 

 

 

 

Roma:i Generali italiani si ribellano:"questa non é la nostra guerra"
Condividi post
Repost0
28 aprile 2022 4 28 /04 /aprile /2022 15:50
Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto
Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto
Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto

Utilizzo di mortai da 81 mm Expal e da 60 mm Hirtenberge, esercitazioni con gli assetti di supporto  alla manovra, anche in attività notturne, con l'impiego di munizionamento illuminante: queste le attività addestrative degli Alpini nell'ambito dell'Operazione  "Baltic Guardian EFP Lettonia". Questo intenso ciclo di attività addestrative che vede come protagonista il Contingente Italiano su base Truppe Alpine dell'Esercito (2°Reggimento Alpini della Brigata Alpina Taurinense), ha come obiettivo l'incremento del livello di integrazione, interoperabilità e di capacità di proiezione delle forze.

Durante l'addestramento, é entrato in azione anche il Joint Terminal Attack Controller (JTAC)ed il supporto aereo fornito da alcuni caccia F-18 spagnoli. L' elevata specializzazione dell'assetto JTAC e dei Joint Fire Observer (JFO) e le molteplici esperienze maturate in diversi Teatri Operativi esteri nonchè in contesti Interforze, in fase di approntamento nazionale delle forze, ha contribuito in modo fattivo alla formazione dei Nuclei SAOV italiani impiegati attualmente nell'ambito dell'Enhanced Forward Presence (eFP Lettonia).

Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto
Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto
Lettonia:le truppe alpine si addestrano al fuoco indiretto
Condividi post
Repost0
26 aprile 2022 2 26 /04 /aprile /2022 15:15
Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione
Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione
Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione
Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione

5000 ore di volo: questo l'importante traguardo tagliato dagli Eurofighter italiani del Task Group Typhoon rischierati in Kuwait. A partire dal primo rischieramento in Kuwait, sulla base aerea  di Al Jaber da marzo 2019 ad agosto 2020 e da aprile 2021 fino ad oggi , rischierati su Ali Salem, gli F-2000A, hanno evidenziato la loro piena e maturata  capacità operativa nelle missioni di volo, portando a termine 1200 sortite per un totale di 5.000 ore di volo totali.

E' un traguardo davvero importante per l'Italian National Contingent Command Air rischierato in Iraq, da parte degli assetti aerei dell'Aeronautica mIlitare ad esso assegnati nell'ambito dell'Operazione Nazionale Prima Parthica all'internodell'Operazione Internazionale Inherent Resolve che ha come obiettivo la lotta e il contrasto al Daesh. Altri importanti traguardi sono stati raggiunti dai velivoli italiani come il Boeing-KC-767A rischierato in Kuwait dal 2014 con il Task Group Breus della Task Force Air Kuwait, che  ha invece raggiunto il traguardo delle 9000 ore di volo effettuate in  un Teatro Operativo. Questo velivolo svolge operazioni di rifornimento in volo (Air to Air Refuelling), incrementando in questo modo la quantità di carburante disponibile in volo agli altri assetti  aerei della Coalizione, permettendo cosi, di prolungare la loro permanenza nelle zone di svolgimento delle operazioni aeree militari.

Rischierato in Iraq, presso la base di Erbil, di recente, il Task Group Albatros, ha celebrato invece l'importante traguardo delle 7000 ore di volo sui cieli dell'Iraq. Il mantenimento della Situational Awareness é stato garantito anche dal Task Group  ARABA Fenice, tra le prime unità della Coalizione ad essere schierato nel 2014 dall'Italia nell'Operazione Inherent Resolve. Proprio grazie alla professionalità degli equipaggi di volo si é potuto raggiungere il traguardo delle 14000 ore di volo effettuate.

L'eccellenza tecnologica ed operativa degli assetti e la qualità e la quantità dei prodotti forniti, hanno permesso all'Italia di collocarsi tra i primi contributori per il contrasto alle cellule del Daesh, la protezione della popolazione ed il supporto alla pacificazione in Iraq. Il Task Group Albatros, di recente rischierato presso la base di ERbil, ha tagliato il traguardo  delle 7000 ore di volo suii cieli dell'Iraq.

E' grazie alla elevatissima professionalità dei militari italiani dell'Aeronautica, rischierati in Kuwait e in Iraq, ed alla disponibilità dei differenti assetti aerei tecnologicamente avanzati, che si si raggiungono i massimi risultati nelle Capacità Operative Fondamentali che l'IT NCC Air, tramite la Task Force Air, espleta ogni giorno 24 ore al giorno,  7 giorni su 7. Ancora una volta l'elevatissima professionalità, passione e competenza dei militari italiani nel loro lavoro, fa la differenza nei teatri operativi all'estero.

Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione
Kuwait:i velivoli Italiani raggiungono importanti traguardi in missione
Condividi post
Repost0