Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
2 dicembre 2016 5 02 /12 /dicembre /2016 18:18
Afghanistan:militari italiani donano vestiario ai disabili
Afghanistan:militari italiani donano vestiario ai disabili

I militari italiani  del Train Advise Assist Command West(TAAC-W)nei giorni scorsi, hanno portato a termine una donazione di vestiario a favore dell'Associazione"Pir Herat Charity Foundation(PHF), un ente nato nel 2009, che ha come obiettivo quello di fornire supporto alle persone disabili.

L'Apulia Onlus, un'Associazione che è da sempre vicina alla Brigata"Pinerolo"(in questo momento al comando del TAAC-W nell'ambito dell'operazione NATO in Afghanistan"Resolute Support), ha fornito i materiali per questa importante donazione. E' stata infatti questa onlus a raccogliere il vestiario nelle principali piazze della Puglia, mentre la donazione è stata organizzata ed eseguita dalla Cooperazione Civile e Militare(CIMIC).

Il Generale Mirra, Comandante del TAAC-W, ha consegnato i beni al Fondatore e Direttore del Centro, Signor Abdul Ali Barakzai e alla Vice Direttrice Signora Sana Mohseni Yoqueen Ali. Il materiale donato è davvero un aiuto importante per l'Associazione, che oltre ad ospitare persone con varie disabilità, aiuta le famiglie dove presenti persone affette da patologie disabilitanti. A volte bastano piccoli gesti come questa donazione di vestiario, per ridare il sorriso a questi ragazzi.

Afghanistan:militari italiani donano vestiario ai disabili
Afghanistan:militari italiani donano vestiario ai disabili
Published by Alessandra C. - in Afghanistan,
scrivi un commento
23 novembre 2016 3 23 /11 /novembre /2016 12:46
Carabinieri a Herat

Carabinieri a Herat

Commemorazione della "Virgo Fidelis"

Commemorazione della "Virgo Fidelis"

I Carabinieri impegnati nella missione"Resolute Support"presso la Base di Camp Arena a Herat, hanno commemorato con una sobria cerimonia la"Virgo Fidelis", che nel 1949 è stata proclamata da Pio XII Patrona dell'Arma. Il Comandante del TAAC-W, il Generale di Brigata Giampaolo Mirra, ha presieduto alla cerimonia, e si è congratulato con i Crabinieri presenti per l'eccezionnale lavoro svolto sempre con abnegazione e serietà professipnale nel delicato contesto della missione in Afghanistan.

Era l'11 novembre del 1940, quando Pio XII proclamava Maria "Virgo Fidelis"Patrona dei Carabinieri fissando la celebrazione della festa il 21 novembre contemporaneamente alla sua presentazione al tempio. Il ricordo della Madonna è legato così alla battaglia di Culqualber avvenuta il 21 novembre 1941 che ricorda il sacrificio del 1°Battaglione dei Carabinieri e Zaptié in Africa Orientale, per la difesa del caposaldo di Culqualber. I Carabinieri caduti in quella battaglia fanno parte di quella folta schiera di Carabinieri che sia in tempo di pace che di guerra, tenendo fede al giuramento prestato, hanno saputo compiere il loro dovere fino all'estremo sacrificio.

Un momento della Santa Messa

Un momento della Santa Messa

Afghanistan:I Carabinieri commemorano la"Virgo Fidelis"patrona dell'Arma
Afghanistan:I Carabinieri commemorano la"Virgo Fidelis"patrona dell'Arma
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
21 novembre 2016 1 21 /11 /novembre /2016 17:37
Le giocatrici del contingente militare italiano con le colleghe afgane

Le giocatrici del contingente militare italiano con le colleghe afgane

Un momento della partita

Un momento della partita

 E' stata organizzata dai militari italiani del Train Advise Command West(TAAC-W) e si è disputata presso la base di Camp Arena, (sede del TAAC-W)una partita di calcio femminile. In campo a fronteggiarsi la formazione del Bastan Football Club delle ragazze afgane, contro la rappresentanza calcistica delle donne del contingente militare italiano. Il Bastan Football Club è una squadra di calcio composta da giovani afgane e milita nei campionati locali. Alla partita hanno assistito autorità civili e militari locali, tra cui anche donne delle Esercito e della Poliza Afgana. Il match ha visto trionfare le ragazze afgane. In occasione della partita, la Cooperazione Civile e Militare Iitaliana ha fatto una donazione di materiale sportivo alla società sportiva.

Sensibilizzare al rispetto dei diritti delle donne afgane, alla loro libertà di espressione, nonchè offrire loro la possibilità di poter praticare lo sport sano e socializzare: questi gli  importanti obiettivi alla base della sfida calcistica. "A Match For Women's Rights"questo il titolo della manifestazione, alla sua terza edizione, è stata preceduta da un meeting sulla questione di genere, presieduto dal Comandante del TAAC-W il Generale di Brigata Giampaolo Mirra.

Durante il meeting sono state sottolineate le conquiste da parte delle donne in ambito politico, sociale, economico,e si è parlato anche delle discriminazioni e delle violenza ai loro danni che ancora oggi sono un drammatico problema. Grazie a questa partita di calcio femminile si è potuto evidenziare come lo sport sia davvero un mezzo potente in grado di abbattere muri e barriere culturali che sono alla base della violenza contro le donne. Una partita di calcio può servire a  dare speranza e fiducia alle donne afgane  aiutare ad affermare i loro diritti, combattere contro la violenza. In una terra dove ancora oggi per le ragazze è pericoloso andare a scuola perchè proibito dai talebani, una vittoria in una partita di calcio femminile è una vittoria anche contro l'ignoranza e i pregiudizi.

Il Generale Mirra premia

Il Generale Mirra premia

Un momento della donazione

Un momento della donazione

Una giocatrice afgana e una del contingente militare italiano

Una giocatrice afgana e una del contingente militare italiano

Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
14 novembre 2016 1 14 /11 /novembre /2016 18:44
il 7°Reggimento della"Pinerolo"

il 7°Reggimento della"Pinerolo"

Il 7°Reggimento della"Pinerolo"

Il 7°Reggimento della"Pinerolo"

La Brigata"Pinerolo"schierata in Afghanistan, e alla guida del Train Advise Assist Command West(TAAC-W), ha celebrato presso la base di Camp Arena, il suo 195°anniversario."Una ricorrenza che vede protagonisti gli uomini e le donne nel presente e rappresenta l'incoraggiamento e lo stimolo per il futuro della"Pinerolo"in un modello operativo di successo che garantisce e la pace e fa crescere la fiducia del popolo afgano sempre nello spirito del proprio motto:"sempre più avanti, sempre più in alto!"Con queste parole il Generale Giampaolo Mirra, Comandante della Brigata, ha voluto elogiare i militari della "Pinerolo"e ricordare i 195°anni della sua costituzione.

Il Generale si è inoltre congratulato con i militari italiani per l'ottimo lavoro di Train Advise Assist svolto a favore delle Afghan National Defence and Security Forces(ANDSF)durante i sei mesi della loro missione, una missione davvero delicata perchè svolta in una delle aree più rischiose dell'Asia.

Una storia gloriosa quella della"Pinerolo"iniziata il 13 novembre del 1821:il Reggimento"Saluzzo"che aveva partecipato a numerose battaglie davvero epiche, non solo in Italia ma anche oltre i suoi confin,i cambiò il nome in Brigata"Pinerolo"con un regio decreto.

Da allora la "Pinerolo"è sempre stata protagonista:ha preso parte alle guerre d'indipendenza e ai conflitti mondiali, ha partecipato alle missioni militari di pace in Kosovo, Albania, Libano, Gibuti, Afghanistan. I militari della"Pinerolo"sono stati spesso in prima linea con la loro professionalità e generosità anche per aiutare le popolazioni colpite dalle calamità naturali. La "Pinerolo"venne infatti insignita della medaglia di bronzo al valore dell'Esercito, per avere prestato aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto del 1980. Oltre che del passato ,la Brigata "Pinerolo"è anche già protagonista del futuro:è stata infatti scelta dall'Esercito per sviluppare il Progetto Forza NEC(Network Enabled Capabilities)un programma che consentirà di collegare ogni singolo militare con il proprio comando, in modo da avere tutte le informazioni e gli ordini per essere operativo sul campo.

Afghanistan:la Brigata"Pinerolo"celebra il suo 195°anniversario
11°Reggimento"Pinerolo"

11°Reggimento"Pinerolo"

Addestramento Forze afgane

Addestramento Forze afgane

Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
9 novembre 2016 3 09 /11 /novembre /2016 17:38
Afghanistan:primo volo in teatro operativo per"Shadow 200"
Afghanistan:primo volo in teatro operativo per"Shadow 200"

Un veilvolo di dimensioni ridotte, senza pilota, dotato di sensori per la videosorveglianza, o la raccolta di informazioni in aree di interesse di giorno e di notte e anche per la designazione di obiettivi fissi e mobili:"Shadow 200"è il suo nome. Oggi a Herat a effettuato il suo primo volo in teatro operativo. Il velivolo è stato acquistato recentemente dall'Esercito Italiano, e oggi è stato sperimentato con successo questo sistema Tactical Unmanned Aerial System(TUAS)"Shadow 200".

Il nuovo assetto operato dal 1°Reggimento dell'Aviazione dell'Esercito(AVES)"Antares"amplia gli orizzonti capacitativi delle unità del Train Advise Assist Command West(TAAC-W), che operano nell'ambito della missione NATO"Resolute Support"(RS)in modo particolare nelle attività di sorveglianza a livello tattico dell'area di operazioni aumentando la sinergia tra gli assetti dell'AVES e le unità a terra. I piloti e gli specialisti dell'AVES che hanno reso operativo il velivolo in pochissimo tempo dal suo arrivo in teatro operativo, hanno ricevuto le congratulazioni del Generale Giampaolo Mirra, (Comandante del TAAC-W, attualmente su base Brigata "Pinerolo")per l'ottimo lavoro lavoro portato a termine. E' grazie  a loro che "Shadow 200"ha oggi potuto spiccare in volo per la prima volta.

Afghanistan:primo volo in teatro operativo per"Shadow 200"
Afghanistan:primo volo in teatro operativo per"Shadow 200"
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
7 novembre 2016 1 07 /11 /novembre /2016 16:51
Afghanistan:militari italiani donano materiali all'ospedale di Herat
Afghanistan:militari italiani donano materiali all'ospedale di Herat

Più di 50 tonnellate di materiali raccolti dall'Associazione Apulia Onlus, vicina alla Brigata"Pinerolo"che si trova al comando del TAAC-W nell'ambito della missione NATO"Resolute Support"(RS), sono stati donati all'ospedale regionale di Herat, all'Associazione Vedove di Herat, e alla Scuola per Ipovedenti di Herat. Il Generale Mirra che rappresenta tutti i militari italiani, è stato ringraziato da parte dei rappresentanti intervenuti i quali hanno anche voluto esprimere la vicinanza del popolo afgano alle popolazioni italiane colpite dal terremoto.

Più di 5 tonnellate di materiali: sono un aiuto davvero concreto e molto importante perchè permette alle associazioni e agli enti statali di poter migliorare le condizioni generali delle persone che sono ospitate in queste strutture. La raccolta dei materiali e le donazioni alle tre strutture, sono state organizzate e condotte dalla Cooperazione Civile e Militare Italiana del Train Advise Assist Command West.

Afghanistan:militari italiani donano materiali all'ospedale di Herat
Afghanistan:militari italiani donano materiali all'ospedale di Herat
Afghanistan:militari italiani donano materiali all'ospedale di Herat
Published by Alessandra C.
scrivi un commento
4 novembre 2016 5 04 /11 /novembre /2016 15:04

Messaggio del Ministro della Difesa,

Sen. Roberta Pinotti,

in occasione del 4 novembre 2016, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Roma, 4 novembre 2016

Uomini e donne della Difesa,

oggi, 4 novembre, celebriamo il Giorno dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate.

È questo un connubio non casuale, perché in quello che fu uno dei momenti più difficili della nostra storia, in cui la stessa integrità nazionale fu messa seriamente in discussione, furono le Forze Armate a guidare il popolo italiano in quello sforzo corale, epico e condiviso che portò al vittorioso epilogo di Vittorio Veneto.

In questa giornata rievochiamo quella lunga stagione di eroismo che rese possibile portare a compimento i grandi ideali del Risorgimento, non solo con la conquista delle frontiere naturali e il ricongiungimento della popolazione italiana alla Patria comune, ma anche con il raggiungimento di una coesione che diede all’identità italiana la forza del plebiscito dal quale non si può più tornare indietro.

Oggi meditiamo sul significato profondo di quei valori che animarono il comportamento di coraggio e di dignità di tante migliaia di giovani di tutta l’Italia; quelli che versarono il proprio sangue sulle pietraie del Carso, sull’Isonzo, sul Monte Grappa, sul Piave e su tanti altri fronti e che in, gran parte, non ebbero neanche il conforto della sepoltura.

Sono gli stessi valori che oggi animano il vostro operare quotidiano, per il bene del Paese e della collettività internazionale, in Italia e all'estero, perché se sono mutati i contesti operativi, le minacce da affrontare, le emergenze da fronteggiare, nulla è cambiato nel modo di agire di chi indossa le stellette, che resta legato allo stesso, irrevocabile giuramento di Fedeltà alla Patria e alle Istituzioni Repubblicane.

In questa giornata, il nostro più grande e deferente omaggio va innanzitutto a coloro che, per restare fedeli a quel giuramento, non hanno esitato a sacrificare la propria vita.

A tutti Voi, che in questo momento siete impegnati, dentro e fuori i confini nazionali, va invece la mia più profonda gratitudine, per la dedizione, la maturità professionale e il senso della solidarietà che ispirano il vostro operare quotidiano.

Se mettiamo insieme le cose fatte dalle Forze Armate in questi ultimi decenni, emerge un affresco straordinario di impegno, di capacità e di umanità che segna in modo determinante la storia attuale dell’Italia e che ha contribuito a radicare nei cittadini una profonda stima e consenso nei confronti del vostro operato.

Sono queste le qualità che vi hanno fatto guadagnare stima e ammirazione, in tutti gli ambiti, perché vi hanno consentito di tradurre in fatti e in azioni concrete quell’aspirazione alla pace e al rispetto della dignità umana che è patrimonio condiviso di tutto il nostro popolo.

Dai traguardi faticosamente raggiunti non si torna indietro, ma si guarda al futuro con fiducia e determinazione, sono tante le sfide da affrontare prima fra tutte quella della trasformazione delle nostre Forze Armate delineata chiaramente dal Libro Bianco per la Sicurezza Internazionale e la Difesa.

Roma:Festa Forze Armate,Pinotti:"il nostro omaggio a chi ha sacrificato la vita"
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
1 novembre 2016 2 01 /11 /novembre /2016 17:47
Cagliari:i poliziotti si ribellano:"Noi non ci stiamo!"

 Sono scesi in piazza alcuni giorni fa a Cagliari per protestare contro le scandalose condizioni nelle quali si trovano a lavorare. Sono i poliziotti che ogni giorno devono garantire assistenza ai profughi che continuano a sbarcare in Sardegna. Nel volantino diffuso il giorno della loro protesta, spiegano le loro motivazioni. Le loro parole non hanno davvero bisogno di alcun commento. Sono le parole di uomini e donne che ogni giorno operano in condizioni davvero drammatiche e difficili ormai non più non sopportabili, per cercare di garantire un'adeguata accoglienza ai migranti.

Published by Alessandra C.
scrivi un commento
27 ottobre 2016 4 27 /10 /ottobre /2016 17:14
Cagliari:poliziotti incazzati scendono in piazza per protestare

La scorsa notte a Cagliari, nella centralissima Piazza del Carmine:una rissa tra sardi e migranti che poteva finire anche peggio. Anche in questo caso è intervenuta la polizia, ma il personale non ce la più a fare fronte a quella che ormai è una situazione che sta diventando sempre più pericolosa per la sicurezza dei cittadini. "Gli episodi di microminalità stanno aumentando , l'intervento dei colleghi ha evitato conseguenze nonostante gli agenti siano sempre di meno e i servizi sempre di più"ha affermato Luca Agati segretario de SAP di Cagliari, in un'intervista su un quotidiano. E dello stesso parere è Salvatore Deidda del SIULP:"La politica dell'accoglienza senza organizzazione sta creando non pochi problemi, ci stupisce che chi gestisce l'immigrazione non si sia accorto delle gravi situazioni che si stanno creando".

Cosi "Domani Sap e Coisp scendono in piazza per manifestare il disagio legato alla debilitazione dell'apparato della sicurezza alla luce degli ultimi fatti di cronaca. Verrà effettuato, dalle ore 11.30 alle ore 13.00 un sit-in all'ingresso della Questura, occasione durante la quale verrà distribuito un documento a cittadini e colleghi con le ragioni della protesta"si legge sulla pagina Pagina Facebook del SAP. E lo slogan della protesta è davvero incisivo:"Adesso Basta!". Speriamo davvero che questa protesta dia la sveglia una volta per tutte alle autorità competenti in modo da  porre rimedio a una situazione che sta sfuggendo di mano.

Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
25 ottobre 2016 2 25 /10 /ottobre /2016 17:08
Afghanistan:Generale Graziano e Onorevole Lotti in visita a contingente italiano
Afghanistan:Generale Graziano e Onorevole Lotti in visita a contingente italiano

"E' un orgoglio poter vedere i nostri militari all'opera, se la situazione in Afghanistan si sta riprendendo e sta piano piano tornando alla normalità, è anche grazie al nostro aiuto, all'aiuto di questi ragazzi"così l'Onorevole Luca Lotti, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, durante la sua visita in terra afgana con il Generale Graziano, ha voluto elogiare l'operato dei militari del contingente italiano su base Brigata Meccanizzata"Pinerolo".

Il contingente italiano è al comando del Train Advise Assist Command West(TAAC-W)nell'ambito dell'operazione NATO," Resolute Support"(RS) ed è impegnato  nell'addestramento, assistenza e consulenza a favore delle istituzioni e delle Forze di Sicurezza Afgane.

Alla presenza dell'Ambasciatore italiano Roberto Cantone e del Vice Comandante della Missione RS, il Generale di Divsione Rosario Castellano, il Generale Graziano e l'Oorevole Lotti, hanno ricevuto un aggiornamento sulla situazione nell'Area di Responsabilità.

Il Generale Mirra, Comandante del Train Advise Assist Command West(TAAC-W)ha illustrato i progressi trattati dalla missione in termini di addestramento consulenza e assistenza dirette alle Forze di Sicurezza e Difesa Afgane(Afghan National Defence and Security Forces- ANDSF). "La missione in Afghanistan sta evolvendo verso il successo di riconsegnare compiutamente la sicurezza nelle mani delle Forze di Sicurezza Afgane. Per fare questo è necessario che il nostro addestramento si il più efficace possibile, i militari afgani in questo mpmento sono molto impegnati, subiscono forti perdite, ed hanno bisogno di voi,"ha affermato il Generale Graziano" ,"per migliorare l'efficacia del nostro modello, oltre che gli addestramenti a livello corpo d'armata, cercheremo di scendere anche a livello inferiore, di brigata, al fine di qualificare meglio i loro istruttori. Le Forze Armate Italiane sono presenti in moltissime operazioni e i nostri militari hanno in più circostanze dimostrato di essere tra i migliori al mondo distinguendosi per grande passione e abilità" E'con queste parole che  il Generale Graziano ha concluso il suo discorso. Un discorso che ha sottolineato la notevole professionalità e passione del lavoro che stanno svolgendo i militari italiani per ristabilire la sicurezza in Afghanistan e dare così una speranza in un futuro migliore a questo popolo.

Afghanistan:Generale Graziano e Onorevole Lotti in visita a contingente italiano
Afghanistan:Generale Graziano e Onorevole Lotti in visita a contingente italiano
Afghanistan:Generale Graziano e Onorevole Lotti in visita a contingente italiano
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento