Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
10 settembre 2012 1 10 /09 /settembre /2012 16:56

afghanistan5.jpgLa loro missione era iniziata il 14 marzo scorso, ora per la Task Force South East su base 1° Reggimento Bersaglieri al comando del Colonnello Luciano Carlozzo, è tempo di ritornare a casa. La Task Force South ha infatti ha lasciato la responsabilità della zona di Bakwa agli Alpini del 2°Reggimento di Cuneo comandati dal Colonnello Cristiano Chiti. Molte le operazioni portate a termine dai militari della Task Force South East, la più importante della quali è stata la "Shrimp Net"(vedi articolo sull'operazione"Shrimp Net"su questo stesso blog), che ha interessato Bakwa e il Gulistan al termine della quale la Fob"Ice" è stata ceduta come previsto, al controllo del governo afgano, mentre l'avamposto"Snow"è stato smantellato perchè ormai non più necessario ai fini operativi della missione. Complessivamente le operazioni portate avanti dai militari italiani sono state 724, con interventi umanitari a favore della popolazione dei villaggi a Bakwa e nel Gulistan, assistenza sanitaria(1.2272 MEDCAP) anche ai bambini con interventi chirurgici effettuati nelle diverse basi,45 Key Leaders Engagement(ovvero incontri con i capi dei villaggi). I militari hanno inoltre costruito ponti e strade, scuole e moschee, pozzi per l'acqua potabile. Nel loro lavoro i militari del 1°Reggimento sono stati supportati dal 21°Reggimento Guastatori che hanno avuto il compito di individuare e disinnescare gli ordigni piazzati  dagli"insurgents"sulle strade pattugliate dai militari. Ben 172 IED sono stati individuati e disinnescati. Nelle tante operazioni è stato inoltre utilizzato anche il velivolo UAV Raven per monitorare il territorio dall'alto.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
10 settembre 2012 1 10 /09 /settembre /2012 14:35

afghanistan-bersaglieri-cedono-bala-murghab-a-eser-copia-2.jpgLa bandiera di guerra dell'8/vo Reggimento "Bersaglieri"di Caserta è stata portata via dalla Fob "Columbus". E' stato questo il momento nel quale la zona di Bala Murghab è passata sotto la responsabilità dell'esercito afgano. Un passaggio di consegne, quello tra i Bersaglieri e l'esercito afgano, avvenuto un paio di giorni fa, come era stato stabilito dagli accordi tra l'ISAF e il governo afgano. I tempi sono stati rispettati alla lettera. Il lavoro è stato portato a termine dai Bersaglieri nei loro sei mesi di missione, durante i quali hanno dovuto fronteggiare gli attacchi degli"insurgents" ma nonostante le tante insidie, sono riusciti anche a portare aiuti umanitari e assistenza alle popolazioni dei villaggi afgani. Ora i Bersaglieri si sono trasferiti presso la base di "Camp Arena" a Herat, alcuni di loro sono già rientrati patria, gli altri rientreranno via via nei prossimi giorni. Il lavoro svolto dai Bersaglieri verrà proseguito dai colleghi della Brigata Alpina"Taurinense"in partenza per la missione. Il passaggio della Fob "Columbus" all'esercito afgano e della zona di Bala Murghab è il raggiungimento di un altro importante obiettivo nel processo di transizione, è la dimostrazione di una sempre maggiore autonomia operativa acquisita dagli uomini dell'esercito afgano grazie all'addestramento dei militari italiani.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
8 settembre 2012 6 08 /09 /settembre /2012 15:01

afghanistan-copia-1.jpgStavano vendendo la loro mercanzia ai militari che passavano, e ai diplomatici quando all'improvviso, il kamikaze sulla moto imbottita di esplosivo si è fatto esplodere. Sono morti così dieci bambini nell'attentato di stamattina avvenuto a Kabul, nei pressi del quartier generale dell'ISAF. Un tragico bilancio purtroppo destinato a salire. Forse nel mirino degli attentatori c'era un diplomatico indiano. Resta tutta da accertare la dinamica di un attentato che questa volta ha colpito delle vittime innocenti. Una giornata quella di oggi, bagnata dal sangue di altri due attentati:uno avvenuto nella zona meridionale del paese dove sono stati uccisi due anziani capi di un villaggio, e  due donne, e una altro avvenuto nei pressi della prigione di Tarinkot, dove hanno perso la vita due funzionari che vi lavoravano:si è sentita una forte esplosione. Non sembra esserci pace per questo paese martoriato da una guerra che pare senza fine, nella quale a pagare con la vita sono sia i civili che i militari e oggi putroppo anche dei bambini.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
6 settembre 2012 4 06 /09 /settembre /2012 12:49

afghanistan-i-bersaglieri-della-garibaldi-rientrano-in-ital.jpgPer loro il conto alla rovescia era già iniziato da un pò:meno dieci:tanti sono i giorni che mancano al rientro in patria, a Caserta, per i Bersaglieri della Brigata "Garibaldi". Una missione la loro durata sei mesi. Una missione che li ha visti impegnati a fronteggiare gli"insurgents" per rendere più sicuro il territorio afgano, ma anche a portare il loro aiuto alle popolazioni dei villaggi più remoti con assistenza sanitaria e la distribuzione di aiuti umanitari. Una missione rischiosa e pericolosa, che ancora una volta ha visto i militari italiani nel mirino dei talebani più di una volta con diversi attacchi. Il loro lavoro verrà proseguito dai colleghi della Brigata Alpina"Taurinense"che a metà settembre partiranno in missione. Proprio l'altro giorno presso la Caserma"Montegrappa"a Torino, il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, il Generale Claudio Graziano, durante la cerimonia di saluto in vista della partenza, ha avuto per gli Alpini parole di incoraggiamento:dovranno continuare il lavoro dei loro predecessori iin una fase delicatissima come quella della transizione. Oltre alla Taurinense, in teatro saranno schierati di volta in volta il 2°Rgt di Cuneo, il 3° Rgt di Pinerolo, il 9°Rgt de l'Aquila, il 1°Rgt Artiglieria Terrestre di Fossano, e il 32°Rgt di Torino. Per i Bersaglieri della "Garibaldi"ci sarà un lungo e meritato periodo di riposo prima di ritornare operativi.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
4 settembre 2012 2 04 /09 /settembre /2012 14:52

afghanistan-gli-alpini-in-partenza-per-la-missione.jpg"Vi state per dislocare in Afghanistan in un momento cruciale della transizione del paese, un momento che rappresenta il consolidamento del lavoro fatto negli ultimi dieci anni. Un momento di particolare delicatezza anche perchè nelle fasi di transizione, soprattutto quando si è prossimi a raggiungere il successo, qualcuno può ancora reagire con un colpo di coda. Per questo vi invito ad essere coraggiosi e determinati, ma anche prudenti, conscio delle difficoltà di questa missione che so condurrete con il massimo impegno". Queste le  parole che il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Il Generale Claudio Graziano ha rivolto agli Alpini della Brigata Taurinense presso la Caserma Montegrappa a Torino, durante la cerimonia di saluto. Erano presenti anche altre autorità militari e civili. Partiranno infatti a metà settembre i 1.500 uomini e donne della Taurinense del Contingente ISAF "XIX", a due anni di distanza dalla loro ultima missione e nel sessantesimo anniversario di fondazione della Brigata. La loro missione durerà sei mesi, sei mesi non privi di insidie, durante i quali gli Alpini dovranno continuare il lavoro svolto dai colleghi che li hanno preceduti con l'obiettivo  diportare avanti il processo di transizione nel paese.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
2 settembre 2012 7 02 /09 /settembre /2012 17:01

afghanistan-lo-scandalo-dei-tagli-alla-mensa-dei-militari-i.jpg"I soldati italiani qui non possono più mangiare". Questa la scritta inquietante sul cartello comparso all'improvviso. Un cartello che è stato  affisso alla porta della mensa NATO presso l'aeroporto di Kabul, mensa utilizzata dai militari italiani. C'è la crisi, e le forbici del Ministero della Difesa non risparmiano nemmeno le mense, compresa quella dei militari in missione. Ora i militari italiani, secondo quanto affermato dal settimanale"L'Espresso" che ha fatto questa scoperta, devono arrangiarsi e sono costretti ad usufruire di una tavola calda gestita da personale asiatico. Una tavola calda di certo più economica, ma che lascerebbe un pò a desiderare per ciò che riguarda le condizioni di igiene e la qualità dei pasti cucinati. In nome del risparmio questo e altro:poco importa se un militare italiano dopo aver consumato i pasti in questa tavola calda ha avuto un'infezione gastro-intestinale ed è dovuto ricorrere alle cure dei medici. Alcune fonti anonime militari hanno smentito quest'ultima vicenda del militare italiano, ma il Ministero della Difesa riguardo alla vicenda tace. E' stata presentata un'interrogazione parlamentare su questa vicenda. Si resta in attesa di una risposta o di una smentita definitiva, come per la questione della connessione Adsl i cui costi per i militari italiani sono sempre elevati per un servizio di scarsa qualità(vedi articolo su questo stesso blog:Afghanistan:"troppo cara l'Adsl per i militari italiani in missione"). Tanti soldi vengono stanziati per il finanziamento della missione in Afghanistan:ma siamo davvero sicuri che tutti questi soldi vengano investiti correttamente? 

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
31 agosto 2012 5 31 /08 /agosto /2012 15:28

afghanistan"Il processo di transizione procede come previsto grazie anche al vostro impegno, a voi tutti il mio"Bravi"per quello che avete fatto e per come lo avete fatto". Queste le parole che il Capo di Stato Mggiore dell'Esercito, il Generale Claudio Graziano ha rivolto ai militari del contingente italiano, schierati presso la base di Camp Arena, sede del Rc-West su base Brigata Bersaglieri"Garibaldi". Nei giorni scorsi infatti, il Capo dello SME ha fatto visita al contingente italiano assieme all'onorevole Romani della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati, del Comandante delle Forze Operative Terrestri, il Generale Roberto Bernardini e dell'Ambasciatore d'Italia in Afghanistan Luciano Pezzotti. A fare gli onori di casa al Capo dello SME è stato il Generale Luigi Chiapperini, Comandante del RC-West. Ha visitato anche le Fob:la Fob"Columbus"a Bala Murghab, "Lavaredo"situata a Bakwa,"Dimonius" a Farah, e la fob"La Marmora"a Shindand. Il Capo dello SME ha poi avuto un incontro con il Generale John R.Allen Comandante della Missione ISAF, e ha avuto parole di elogio per tutto il lavoro svolto dai militari italiani schierati nel settore Ovest. Senza dubbio le sue parole sono di grande incoraggiamento per i militari italiani che sono impegnati ogni giorno in operazioni sul territorio atte a contrastare gli "insurgents"per favorire il processo di transizione. Operazioni rischiose che vedono spesso i militari italiani nel mirino dei talebani. Come pochi giorni fa, quando gli"insurgents"hanno lanciato un razzo sulla fob"Tobruk". Razzo che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche se fosse esploso. La guerra continua anche dopo la visita del Capo dello SME, e quasi sempre non ci sono mai buone notizie:oggi dei talebani hanno decapitato due bambini.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
29 agosto 2012 3 29 /08 /agosto /2012 15:40

afghanistan-contingente-ISAF-cattura-leader-talebani-e-sequ.jpgNon conoscono sosta le operazioni congiunte del contingente ISAF e dell'esercito afgano. Oggi durante una di queste, nella provincia di Ghazni, è stato catturato un leader talebano che procurava armi, IED, e munizionamento ai vari capi talebani a Ghazni. Sempre oggi, nella provincia di Kandahar, è stato arrestato un altro capo talebano che riforniva di armi gli"insurgents"della zona ed è inoltre sospettato di essere coinvolto nella pianificazione dell'uccisione di un membro del governo afgano. Sono stati catturati inoltre altri due sospetti"insurgents". Ieri invece nell'Helmand(nel distretto di  Lashkar Gah), i militari dell'ISAF hanno scoperto una cache contenente  dei mortai, due IED, del  materiale per la fabbricazione di ordigni espolosivi artigianali, 3.500 kg di nitrato d'ammonio una sostanza che viene utilizzata dagli"insurgents"per fabbricare oridigni espolosivi.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
27 agosto 2012 1 27 /08 /agosto /2012 11:28

afghanistan-attacco-a-base-italiana-feriti-3-militari.jpgMilitari italiani di nuovo nel mirino dei talebani. Erano le ore 10 locali(le 7.30)in Italia, quando un razzo da 107 mm è stato lanciato dagli"insurgents"contro la Fob "Tobruk"di Bala Balouk, nella zona sotto il comando della Task Force South, su base 19/mo Reggimento Cavalleggeri"Guide". Come riferito dal portavoce del contingente italiano, il Tenente Colonnello Francesco Tirino, il razzo è caduto all'interno della base senza esplodere, ma impattando con il terreno ha causato il sollevamento di pietre e terriccio ferendo tre militari. I militari hanno riportato delle contusioni e sono sono stati subito trasportati nell'infermeria dell'ospedale da campo Role 1 per essere curati, solo uno di loro è stato trasferito al Role 2 per degli accertamenti per precauzione. Nel frattempo l'area della Fob dove è stato lanciato il razzo, è stata messa in sicurezza, e un nucleo specializzato EOD farà brillare l'ordigno. I militari non sono in pericolo di vita, sono rimasti sempre coscienti ed hanno potuto mettersi in contatto con i familiari per rassicurarli.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
25 agosto 2012 6 25 /08 /agosto /2012 18:46

Erano impegnati a disinnescare uno IED, i militari italiani della Task Force South su base 19/mo Reggimento Cavalleggeri "Guide"di  Salerno assieme ad alcuni colleghi dell'esercito afgano quando sono attaccati dagli"insurgents". L'ordigno è stato individuato durante la loro attività di pattugliamento del territorioafghanistan attacco a militari italiani a Farahai bordi della strada, erano le ore 7.40 locali, e i militari si trovavano a circa 35 km dalla fob"Dimonius"di Farah sede del Comando della Task Force South, quando alcuni "insurgents"hanno fatto fuoco contro i militari italiani con armi automatiche. I militari hanno risposto prontamente al fuoco riuscendo a far fuggire gli"insurgents"e successivamente a mettere in sicurezza la zona per poi far brillare lo IED. Non c'è stato nessun ferito tra i militari italiani che hanno potuto fare ritorno in base.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento