Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
5 agosto 2016 5 05 /08 /agosto /2016 20:38
Afghanistan:militari italiani curano turisti feriti in attacco

Provenivano da Kabul e stavano rientrando a Herat, gli undici turisti occidentali inglesi, americani, olandesi e tedeschi rimasti coinvolti ieri in un attacco. Sono stati trasportati presso l'ospedale militare Role 2 del contingente italiano che opera in Afghanistan nell'ambito della missione "Resolute Support".

Il Comando del contingente italiano che costituisce il Train Advise Assist Command West di Herat, attivato dalle autorità militari afgane per il trasporto e la cura del personale straniero rimasto coinvolto nell'attacco, ha inviato 2 elicotteri NH90, e due A-129 del Task Group Fenice con a bordo personale sanitario e del Personnel Recovery, i quali hanno provveduto alle prime cure mediche ed al trasporto dei feriti presso l'aeroporto di Herat.

Successivamente gli 11 turisti stranieri sono stati trasferiti presso l'opsedale militare italiano per i necessari trattamenti sanitari, nessuno dei turisti è in pericolo di vita, i medici del contigente italiano hanno prestato le cure necessarie a stabilizzare tre pazienti e per estrarre alcune schegge dal loro corpo, mentre i restanti otto hanno subito lesioni lievi. Gli assetti Aeromedical Evacuation MEDEVAC e di Personnel Recovery del Comando NATO sotto guida italiana, sono sempre pronti all'impiego in brevissimo tempo. Le vite umane di qualsiasi nazionalità esse siano, rimangono una priorità assoluta per i Peacekeepers italiani.

 

Afghanistan:militari italiani curano turisti feriti in attacco
Afghanistan:militari italiani curano turisti feriti in attacco
Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
2 agosto 2016 2 02 /08 /agosto /2016 18:49
Afghanistan:Il Capo di Stato Maggiore della Difesa Graziano in visita ai militari italiani

"State continuando ad operare bene con quell'impegno e quella determinazione che bene io conosco, sono molto orgoglioso di voi, il nostro Paese vi è riconoscente e voi siate fieri di quello che state facendo."Queste le parole del Generale Graziano nel suo saluto al personale italiano della base di Camp Arena. Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano infatti,si è recato ad Herat, in Afghanistan, per una visita al contingente italiano, che su base Brigata Meccanizzata Pinerolo, è alla guida del Train Advise Assist Command West(TAAC-W)nell'ambito dell'operazione NATO"Resolute Support".

I militari italiani sono impegnati nell'addestramento, assistenza, e consulenza a favore delle istituzioni e delle forze di sicurezza afgane." Nel recente summit di Varsavia la NATO ha confermato l'impegno in Afghanistan, e l'Italia si resa disponibile ad essere ancora uno dei paesi leader in questo processo di ricostruzione"cosi ha affermato il Generale Graziano durante la sua visita. E ha voluto ricordare anche i militari italiani caduti in missione:"E' uno sforzo importante che nel tempo l'Italia ha pagato anche con numerosi caduti che onoriamo proprio con il successi della nostra attività, con la volontà di continuare il nostro impegno in supporto alla popolazione e delle Forze di sicurezza afgane nella certezza che questo contributo dia loro anche stimolo e sostegno per condurre attività importanti che li vedono quotidianamente soffrire perdite sanguinose per mantenere la stabilità e la sicurezza di quest'area."

Una visita durata due giorni, quella del Generale, durante la quale ha visitato Herat:"Ho visitato la fortezza di Herat attraversando i mercati e la città e ho avuto modo di vedere i passi avanti fatti nella ricostruzione. Indiscutibilmente questo è avvenuto anche grazie all'impegno collettivo del nostro Paese e della Comunità Internazionale in un'area sicuramente di grande crisi ma anche di grande importanza per il Mondo in cui è fondamentale la nostra presenza".

Il Generale inoltre, ha anche incontrato il Governatore della città di Herat, Mr. Rahimi Mohammad Asif, con cui si è confrontato sulla sicurezza dell'area. Il Generale Graziano inoltre, durante la sua visita ha ricevuto un aggiornamento della situazione nell'Area di Responsabilità alla presenza dell'Ambasciatore Italiano Roberto Cantone. Il Generale Mirra, Comandante del Train Advise Assist Command West(TAAC-W), ha illustrato i progressi effettuati dalla missione in termini di addestramento, consulenza, e assistenza a favore delle Forze di Sicurezza e Difesa Afgane(Afghan National Defence and Security Forces-ANDSF).

Afghanistan:Il Capo di Stato Maggiore della Difesa Graziano in visita ai militari italiani
Afghanistan:Il Capo di Stato Maggiore della Difesa Graziano in visita ai militari italiani
Afghanistan:Il Capo di Stato Maggiore della Difesa Graziano in visita ai militari italiani
Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
31 luglio 2016 7 31 /07 /luglio /2016 20:22

Una manifestante abbraccia un poliziotto:"Non siamo l'uno contro l'altro"e il poliziotto si commuove. Come si legge sulla pagina FB"Voci Uniformi" dove il video è stato postato:"Io lo so che siete anche voi con noi, lo so. Perché siete padri, fratelli, siete come gli operai dell'Ilva: portate il pane a casa. Poveri cristi, come noi». "A Taranto ieri hanno manifestato parenti e amici di persone che non ci sono più, o stanno combattendo contro una brutta malattia e su Facebook, una delle mamme che erano lì, ha postato la foto di una donna che abbraccia un poliziotto con questa frase postata poi sul social network anche da Agente Lisa, l'account della polizia. «La signora - si legge ancora nel post di Agente Lisa - ieri era in lacrime con al collo un cartello con scritto ‪#‎siamotutti048‬, dove 048 è il codice di esenzione per i malati oncologici. Anche il mio collega, un vice sovrintendente del Reparto mobile di Taranto, è uscito da questa terribile esperienza e mi ha detto: “Quando ho letto quel cartello ho provato un colpo al cuore, in un attimo ho ripercorso quei momenti brutti e mi sono commosso. Non sono riuscito a trattenere le lacrime sotto il casco, la signora deve aver intuito qualcosa e mi ha abbracciato. Oggi mi sento un miracolato - ha continuato il mio collega - e fortunato per aver avuto sempre tanti colleghi che mi sono stati vicino”». Un video che sta facendo il giro del web.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Attualità
scrivi un commento
31 luglio 2016 7 31 /07 /luglio /2016 18:10

In questo video dell'Esercito Italiano, i militari del Genio in azione in Afghanistan, durante una delicata e rischiosa operazione di disinnesco degli IED, ordigni esplosivi improvvisati.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
28 luglio 2016 4 28 /07 /luglio /2016 15:28
Afghanistan:contingente italiano organizza corso per detenuti carcere

"La vita del carcere:regole, sicurezza e umanità":questa la denominazione del workshop svoltosi presso la meeting room del Training Center di Camp Arena nei giorni scorsi. Relatore il Dott. Roberto Faccani dell'Istituto Ricerche Studi Informazioni Difesa(ISTRID)con la partecipazione della procura del Tribunale di Herat. L'ISTRID, opera da oltre vent'anni nel campo della cooperazione civile e militare supportando le popolazioni nei teatri operativi in cui operano le Forze Armate.

Questo è stato il secondo corso svoltosi durante il 2016. Il corso precedente realizzato a favore del carcere femminile. riguardava l' eventuale utilizzo della comunicazione nel rapporto guardia carceraria e detenute. Durante il corso sono stati trattati argomenti riguardanti le regole della vita carceraria, la sicurezza delle guardie e dei detenuti, oltreche i riferimenti normativi afferenti alla norma penitenziaria europea ed afgana riguardanti il rispetto dei diritti umani.

Al termine del workshop il Comandante del TAAC-W(Train Advise Assist Command West)il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, e il Dott. Roberto Faccani hanno consegnato ai partecipanti gli attestati di partecipazione.

Questa attività di formazione svolta ha avuto un particolare riscontro nel contesto afgano e si inserisce nel quadro del compito affidato al TAAC-W nell'ambito dellamissione NATO"Resolute Support"che è quello di addestramento e consulenza nei confronti delle Forze di Difesa e Sicurezza ocali(ANDSF).

Il Comandante del TAAC-W consegna attestati di partecipazione.

Il Comandante del TAAC-W consegna attestati di partecipazione.

Il Dott. Faccani consegna attestati.

Il Dott. Faccani consegna attestati.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
26 luglio 2016 2 26 /07 /luglio /2016 16:31
Il Ministro della Difesa afgano con il Generale Mirra.

Il Ministro della Difesa afgano con il Generale Mirra.

Si è svolto oggi presso Camp Arena un importante meeting tra i vertici politici e militari afgani e il Comandante della missione Resolute Support(RS) e al quale hanno partecipato il Ministro della Difesa afgano Mr. Abdullah Khan Habibi, il Comandante di RS, il Generale USA John William Nicholson, e il Comandante delle Afghan National Defence and Security Forces (ANDSF)della provincia di Herat.

Giunte all'aeroporto di Herat le autorità, sono state accolte dal Comandante del Train Advise Assist Command West(TAAC-W), il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra. Attuale situazione di sicurezza, in relazione alla presenza di fazioni criminali e cellule terroristiche radicate nelle varie aree e di come le diverse forze di sicurezza stiano operando per stabilizzare il territorio:questi sono i punti fondamentali che sono stati profondamente analizzati durante il meeting. E' stato inoltre evidenziato come la Regione Ovest dell'Afghanistan e la provincia di Herat sia attualmente una delle zone del paese con le migliori prospettive econocmiche e culturali e ciò lo si deve anche alle buone condizioni di sicurezza esistenti raggiunte grazie all'ottima cooperazione instaurata tra le istituzioni militari e civili afgane e le forze di sicurezza della coalizione a guida italiana.

Proprio le attività di addestramento e consulenza svolte dal TAAC-W nei confronti delle Forze di Difesa e Sicurezza Afgane (ANDSF), hanno consentito di migliorare considerevolmente la loro capacità di gestione coordinata della sicurezza del territorio di condurre in piena autonomia le attività di contrasto agli insorti e alla delinquenza comune. Il Ministro della Difesa afgana ha ringraziato il Generale Nicholson per la consulenza e il supporto forniti alle Forze di Sicurezza Afgane, che hanno raggiunto un alto liello di professionalità e autonomia . Il Ministro ha sottolineato inoltre la generosa condivisione di esperienze, il rispetto reciproco, e il clima di partnership instauratisi tra i continhenti di RS e le Forze di Sicurezza Locali.

Un momento del meeting.

Un momento del meeting.

Arrivo del Gen.Nicholson.

Arrivo del Gen.Nicholson.

Il Crest del TAAC-W al Ministro della Difesa.

Il Crest del TAAC-W al Ministro della Difesa.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
26 luglio 2016 2 26 /07 /luglio /2016 15:17
Afghanistan:militari italiani aiutano disabili

Generi alimentari e una sedia a rotelle motorizzata sono stati donati donati nei giorni scorsi dai militari italiani al PIR Herat Charity Foundation(PHF)di Herat, un'associazione che dal 2009 si occupa di disabili. La consegna è stata effettuata a Camp Arena, alla presenza del Comandante del TAAC-W(Train Advise Assist Command West),il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, da parte del Dott. Roberto Facconi al Direttore del Centro il Signor Abdul Ali Barakzai e alla Vice Direttrice, la signora Sana Mohseni Yagen Ali.

La donazione nasce da un'iniziativa dell'Istituto Ricerche Studi Informazioni Difesa(ISTRID), rappresentata dal Dott. Roberto Fraccari, giunto in Afghanistan per una serie di attività a favore delle istituzioni locali. La Cooperazione Civile e Militare ha coordinato le attività di donazione ed il trasferimento dei materiali dall'Italia all'Afghanistan. I generi alimentari e la sedia a rotelle motorizzata rappresentano un aiuto importante per l'associazione che oltre ad ospitare persone con disabilità aiuta le famiglie con persone affette da patologie invalidanti.

Il Tenente Giocondo della CIMIC con il Direttore del Centro.

Il Tenente Giocondo della CIMIC con il Direttore del Centro.

Il Generale Mirra con il Presidente di PHF.

Il Generale Mirra con il Presidente di PHF.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
22 luglio 2016 5 22 /07 /luglio /2016 19:36
Afghanistan:militari italiani donano materiali orfanotrofio Herat

Quaderni, zaini, e altro materiale di cancelleria, sono stati consegnati ieri dai militari italiani del Train Advise Assist Command West(TAAC-W)all'orfanotrofio"Khaja Abdullah Ansani"di Herat. Il materiale è stato acquistato con i fondi raccolti da contributi spontanei dei militari italiani del TAAC-W, mentre la Cooperazione Civile e Militare Italiana ha curato l'acquisto e la consegna dei beni.

L'orfanotrofio è la più importante struttura di riferimento per i bambini orfani della regione ed attualmente ospita oltre 300 tra bambini e bambine. Alla donazione erano presenti il Comandante del TAAC-W, il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, e la Direttrice dell'orfanotrofio, signora Zaindo Barakzai e una rappresentanza di bambini e militari italiani. La Direttrice ha ringraziato i militari italiani, da sempre vicini ai bisogni della popolazione afgana meno fortunata.

Il Generale Mirra e la Direttrice dell'orfanotrofio.

Il Generale Mirra e la Direttrice dell'orfanotrofio.

Un momento della consegna dei materiali.

Un momento della consegna dei materiali.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
22 luglio 2016 5 22 /07 /luglio /2016 18:26
Il Colonnello Prencipe consegna gli attestati.

Il Colonnello Prencipe consegna gli attestati.

Corso "Robotics Operator".

Corso "Robotics Operator".

Il Capo di Stato Maggiore del TAAC-W, il Colonnello Cosimo Prencipe, ha presenziato ieri alla cerimonia di consegna degli attestati. Ieri infatti i militari italiani del Military Advisor Team(MAT), unità del Train Advise and Assist Command West(TAAC-W)a guida italiana, hanno portato a termine un ciclo di addestramento a favore di circa 25 ufficiali, sottufficiali e militari dell'Afghan National Army(ANA).

Le attività si sono svolte presso l'area addestrativa di Camp Arena, sede del contingente italiano a Herat, e vertevano sullamanutenzione e riparazione delle attrezzature specialistiche utilizzate nel contrasto della minaccia degli ordigni esplosivi.

Tra i corsi svolti di particolare rilevanza è stato quello di"Robotics Operator Maintenance and Reapair"(ROMR), al quale hanno partecipato 12 allievi, che ha consentito agli operatori afgani dei plotoni incaricati di bonificare le strade e altri luoghi da eventuali ordigni, di acquisire la capacità di operare e mautenenere tali dispositivi. Contemporaneamente si è svolto il corso"Hand Held Metal Detector"(HHMD)che ha istruito gli allievi all'uso e alla manutenzione dei Metal Detector(dispositivi di ricerca metallica)in dotazione alle unità del genio dell'ANA.

Un istruttore consegna un attestato.

Un istruttore consegna un attestato.

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Afghanistan
scrivi un commento
20 luglio 2016 3 20 /07 /luglio /2016 19:23
Libia:militari francesi in missione segreta uccisi da miliziani ISIS

Il loro elicottero un M-17 è stato abbattuto dalle milizie dell'ISIS a 65 km da Benghasi. Raffiche di un missile terra-aria e raffiche di armi pesanti lo hanno centrato in pieno. Sono morti cosi' tre sottufficiali delle Forze Speciali Francesi in Libia. La notizia è trapelata solo oggi ammantata da un alone di mistero, anche perché il Presidente Hollande ha parlato di" incidente all'elicottero dei militari francesi". Ma perché si è saputo solo oggi? Sicuramente perché i tre militari delle Forze Speciali Francesi erano agenti segreti e stavano portando a termine una missione, cosi viene infatti riferito da fonti libiche.

I militari francesi facevano parte della DGSE(Direction Génèrale du Service Extérieur) e del suo Service Action incaricato di svolgere missioni segrete, ha affermato a "France24"Wasim Nasr, specialista in movimenti jiadisti. E' risaputo che le Forze Speciali Francesi si trovano a Bengasi per aiutare combattere gli jiadisti mentre gli inglesi sono dispiegati a Misurata. Per la prima volta la Francia è stata costretta ad amettere la presenza delle Forze Speciali in azione in terra libica, infatti fino ad ora aveva solo parlato di velivoli francesi in Libia allo scopo di raccogliere informazioni.

Il Ministro della Difesa francese Jean Yves Le Drian a "France24" ha espresso le sue condoglianze ai familiari dei tre caduti e  ha voluto "rendere onore al coraggio e alla dedizione di questi militari impegnati al servizio della Francia che ogni giorno portano a termine missioni pericolose contro il terrorismo." La guerra in Libia è iniziata ma forse doveva restare un segreto .

Repost 0
Published by Alessandra C. - in Libia
scrivi un commento